Il troppo tempo trascorso davanti allo schermo è associato a ritardi nello sviluppo infantile

Uno studio condotto dall’Università di Tohoku in collaborazione con la Scuola di Medicina dell’Università di Hamamatsu, e pubblicato su JAMA Pediatrics, ha trovato una correlazione tra il tempo trascorso davanti allo schermo ed i ritardi dello sviluppo dei bambini di un anno.

La ricerca ha coinvolto 7.097 coppie madre-figlio provenienti dal Tohoku Medical Megabank Project Birth and Three-Generation Cohort Study. Ha valutato l’esposizione di ciascun bambino agli schermi, inclusi televisori, videogiochi, tablet, telefoni cellulari e altri dispositivi elettronici, utilizzando questionari compilati dai genitori.

I bambini nello studio erano divisi quasi equamente tra maschi (51,8%) e femmine (48,2%). Il tempo di esposizione davanti allo schermo è stato assegnato alle categorie inferiore a un’ora (48,5% dei soggetti), da una a meno di due ore (29,5%), da due a meno di quattro ore (17,9%) e quattro o più ore (4,1%).

Valutazione dettagliata dello sviluppo

Lo sviluppo dei bambini è stato valutato a due e quattro anni di età nei cinque ambiti della comunicazione, della motricità grossolana, della motricità fine, della risoluzione dei problemi e delle abilità personali e sociali. Gli studi precedenti nel settore non hanno generalmente suddiviso lo sviluppo in diversi ambiti, offrendo quindi una visione meno raffinata.

Associazione del tempo trascorso davanti allo schermo a 1 anno di età con il ritardo dello sviluppo nella comunicazione e nella risoluzione dei problemi

Associazione del tempo trascorso davanti allo schermo a 1 anno di età con il ritardo dello sviluppo nella comunicazione e nella risoluzione dei problemi. Credito: Università di Tohoku

L’associazione tra il tempo trascorso davanti allo schermo all’età di un anno e il successivo ritardo dello sviluppo è stata valutata utilizzando una tecnica statistica consolidata, rivelando un’associazione dose-risposta; il che significa che il livello di ritardo dello sviluppo (la risposta) era correlato alla quantità (dose) di tempo trascorso davanti allo schermo.

Per i bambini di due anni, l’aumento del tempo trascorso davanti allo schermo all’età di un anno è risultato associato a ritardi di sviluppo in tutti i settori, ad eccezione delle capacità motorie grossolane. All’età di quattro anni, tuttavia, l’aumento del tempo trascorso davanti allo schermo era associato a ritardi di sviluppo solo negli ambiti della comunicazione e della risoluzione dei problemi.

Approfondimenti unici e considerazioni future

I diversi livelli di ritardo dello sviluppo nei domini, e l’assenza di qualsiasi ritardo rilevato in alcuni di essi in ciascuna fase della vita esaminata, suggeriscono che i domini dovrebbero essere considerati separatamente nelle future discussioni sull’associazione tra tempo trascorso davanti allo schermo e sviluppo del bambino,“, afferma l’epidemiologo dell’Università di Tohoku Taku Obara, autore corrispondente dell’articolo di ricerca.

Uno dei motivi per intraprendere questo studio sono state le recenti prove pubblicate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’American Academy of Pediatrics che suggeriscono che solo in una minoranza di bambini sono soddisfatte le linee guida di limitazione del tempo trascorso esposti davanti ad uno schermo. Le linee guida sono state progettate per garantire che i bambini si impegnino in sufficiente attività fisica e interazione sociale.

La rapida proliferazione dei dispositivi digitali, insieme all’impatto della pandemia di COVID, ha notevolmente aumentato il tempo trascorso davanti allo schermo per bambini e adolescenti, ma questo studio non suggerisce semplicemente una raccomandazione per limitare il tempo trascorso davanti allo schermo. Questo studio suggerisce un’associazione, non una causalità, tra il tempo trascorso davanti allo schermo e il ritardo dello sviluppo”, afferma Obara. “Utilizziamo il termine ‘ritardo’ in accordo con le ricerche precedenti, ma è discutibile se questa differenza nello sviluppo sia realmente un ‘ritardo’ oppure no. Vorremmo ottenere una visione più approfondita negli studi futuri esaminando gli effetti dei diversi tipi di esposizione allo schermo”.

Fonte: “Screen Time at Age 1 Year and Communication and Problem-Solving Developmental Delay at 2 and 4 Years” di Ippei Takahashi, Taku Obara, Mami Ishikuro, Keiko Murakami, Fumihiko Ueno, Aoi Noda, Tomomi Onuma, Genki Shinoda, Tomoko Nishimura , Kenji J. Tsuchiya e Shinichi Kuriyama, ,  JAMA Pediatrics

DOI: 10.1001/jamapediatrics.2023.3057

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Il modello linguistico Gemini rivoluziona la robotica

In un ufficio open space a Mountain View, California,...

Articoli correlati

Popular Categories