Tracce di un’antica cultura umana di 40.000 anni fa rinvenute in Cina

Scoperti i resti di una cultura dell'età della pietra antica, a meno di 160 chilometri a ovest di Pechino, dove gli antichi ominidi usavano un pigmento rossastro chiamato ocra e fabbricavano minuscoli strumenti simili a lame di pietra

0
1196

Scoperti i resti di una cultura dell’età della pietra antica, a meno di 160 chilometri a ovest di Pechino, dove gli antichi ominidi usavano un pigmento rossastro chiamato ocra e fabbricavano minuscoli strumenti simili a lame di pietra. Il sito archeologico, chiamato Xiamabei, offre uno sguardo sulla vita dell’Homo sapiens e dei parenti umani ormai estinti che abitavano la regione circa 40.000 anni fa.

Il sito appena scavato si trova all’interno del bacino del Nihewan, una depressione in una regione montuosa della Cina settentrionale. Il team di scavo ha trovato prove della cultura a circa 2,5 metri di profondità, quando hanno individuato uno strato di sedimento scuro e limoso datato tra 41.000 e 39.000 anni fa, sulla base della datazione al radiocarbonio e di altre analisi.

Questo sedimento dell’età della pietra conteneva un tesoro di manufatti e resti di animali, tra cui più di 430 ossa di mammiferi; un focolare; prove fisiche dell’uso e del trattamento dell’ocra; uno strumento fatto di osso; e più di 380 litiche miniaturizzate, o piccoli utensili e manufatti in pietra scheggiata o macinata.

I resti sembravano essere nei loro punti originali dopo che il sito è stato abbandonato dai residenti“, ha detto a WordsSideKick.com il co-primo autore Shixia Yang, ricercatore dell’Accademia cinese delle scienze e del Max Planck Institute for the Science of Human History in una e-mail.

Sulla base di ciò, possiamo rivelare un quadro vivido di come vivevano le persone 40.000 anni fa nell’Asia orientale“. 

L’identificazione di uno strato di sedimenti di 40.000 anni cosparso di tali artefatti è stata “una sorpresa”, ha detto il coautore Francesco d’Errico, direttore della ricerca del CNRS presso l’Università di Bordeaux e professore all’Università di Bergen.



In particolare, “questo è il primo laboratorio di ocra conosciuto per l’Asia orientale” e la collezione di minuscoli strumenti di pietra suggerisce che i produttori probabilmente producessero e utilizzassero kit di strumenti specializzati, ha detto.

Serie di immagini ravvicinate di bladelets dell'età della pietra(Andreu Ollé / Wang et al., Natura 2022): pietre a forma di lama trovate a Xiamabei recano prove microscopiche di essere state attaccate a un manico d’osso con fibre vegetali.

Yang, d’Errico e i loro colleghi hanno pubblicato un rapporto sul sito e sui manufatti mercoledì (2 marzo) sulla rivista Nature.

Le prove della lavorazione dell’ocra a Xiamabei includono due pezzi di ocra con composizioni minerali leggermente diverse, nonché una lastra di calcare allungata con aree levigate macchiate con il pigmento cremisi. Il team ha trovato questi manufatti in stretta vicinanza l’uno all’altro, adagiati su un’area di sedimenti arrossati.

Non credo che nessuno dovrebbe trovare scioccante che gli abitanti di quella che oggi è la Cina settentrionale, 40.000 anni fa raccogliessero e usassero l’ocra“, poiché, in generale, gli esseri umani e i loro parenti usavano il pigmento già da molti anni a quell’epoca, ha affermato Andrew M. Zipkin, professore a contratto presso la School of Human Evolution and Social Change presso l’Arizona State University e ricercatore associato presso Eurofins EAG Laboratories, che non è stato coinvolto nello studio.

Gli artefatti dell’ocra in questo studio sono in numero piuttosto limitato, ma sarei entusiasta di vedere un lavoro di follow-up su di essi che cerca di identificare dove è stata raccolta l’ocra“, ha detto Zipkin.

Per quanto riguarda il nuovo studio, “per me, la parte importante qui non è l’ocra in sé e per sé, ma la sua presenza come parte di una suite di tecnologie e comportamenti“, ha affermato.

Il primo pezzo di ocra trovato nel sito portava segni di essere stato “ripetutamente abraso per produrre una polvere di ocra rosso scuro brillante“, hanno riferito gli autori; il secondo pezzo di ocra, più piccolo, aveva una consistenza più friabile, in confronto, e probabilmente proveniva da un pezzo di ocra più grande che era stato schiacciato.

Un’analisi condotta da d’Errico ha rivelato che i diversi tipi di ocra sono stati pestati e raschiati in polveri di varia consistenza.

Immagini di varie rocce ocra trovate a Xiamabei(Fa-Gang Wang, Francesco d’Errico/Wang et al., Nature. 2022) – Sopra: pezzi di ocra e attrezzature per la lavorazione trovati nel sito sono stati scoperti su una macchia di sedimento macchiata di rosso.

Un’altra analisi ha mostrato che il sedimento rossastro trovato vicino all’ocra conteneva frammenti rocciosi ricchi di ematite, un minerale che contiene ferro ossidato e conferisce all’ocra rossa la sua tonalità distinta (altri tipi di ocra, tra cui l’ocra gialla e la cosiddetta specularite, un luccicante pigmento rosso porpora, hanno composizioni minerali leggermente diverse, secondo Discover).

Sulla base delle prove disponibili, tuttavia, non sono stati in grado di determinare esattamente come fosse usato il pigmento. L’ocra può essere utilizzata nei tatuaggi, ad esempio, o in “applicazioni simboliche” come la pittura per l’arte rupestre o la vernice applicata al corpo sia come decorazione cosmetica che come protezione solare, ha affermato Zipkin. “Distinguere tra usi simbolici e funzionali dell’ocra nella documentazione della cultura materiale è una sfida continua per gli archeologi preistorici“, ha osservato.

Tracce di ocra sono emerse su diversi strumenti di pietra nel sito e la natura di questi strumenti suggerisce che il pigmento potrebbe essere stato utilizzato come additivo utilizzato nella lavorazione della pelle e come ingrediente in un adesivo per il fissaggio, ovvero una sostanza appiccicosa usata per apporre manici agli strumenti di pietra. Questa prova non nega la possibilità che il pigmento possa essere stato usato anche simbolicamente, ha detto Zipkin.

Gli archeologi hanno scoperto prove della lavorazione dell’ocra in Africa e in Europa, in misura minore, risalenti a circa 300.000 anni fa, e ci sono prove dell’uso dell’ocra in Australia a partire da circa 50.000 anni fa. Ma prima dello scavo di Xiamabei, “le prove dell’uso dell’ocra in Asia prima di 28.000 anni fa erano, tuttavia, molto scarse“, ha detto.

Sulla base dei modelli di usura e dei residui persistenti sui litici con manici trovati nel sito, il team ha stabilito che questi manufatti erano probabilmente utilizzati per molteplici scopi, tra cui perforazione di materiali, raschiatura della pelle, taglio di materiale vegetale e taglio di materia animale morbida. Allo stesso modo, le litiche unhafted erano probabilmente per diversi scopi, come alesare materiali duri e tagliare materiali più morbidi.

Ci troviamo quindi di fronte a un sistema tecnico complesso che sfrutta diverse materie prime per creare strumenti portatili altamente efficaci, utilizzati in una varietà di attività“, ha affermato d’Errico.

Piccole lame di pietra note come microlame divennero ampiamente utilizzate nell’Asia nord-orientale entro la fine del Pleistocene (da 2,6 milioni a 11.700 anni fa), ha detto Yang; in particolare, la tecnologia ha iniziato a diffondersi in tutta la regione circa 29.000 anni fa, hanno osservato gli autori nel loro rapporto.

Le litiche di Xiambei non sono microlame ma mostrano caratteristiche simili ai piccoli strumenti di pietra, il che porta Yang a chiedersi se questi oggetti rappresentino la “radice” della successiva tecnologia delle microlame, ha detto.

Lo studio solleva un’altra grande domanda: quali ominidi arcaici occuparono effettivamente Xiamabei 40.000 anni fa? Alcuni indizi puntano agli esseri umani moderni, ma gli autori non possono essere sicuri che i parenti umani, ovvero i Neanderthal  e i Denisoviani, non fossero presenti nel sito. “Non possiamo essere certi che l’Homo sapiens abbia occupato Xiamabei, a causa della mancanza di fossili umani in loco“, ha detto Yang.

Detto questo, fossili umani moderni sono stati trovati in un sito più giovane chiamato Tianyuandong, che si trova a circa 110 km di distanza, così come in un altro sito nella regione chiamato Zhoukoudian Upper Cave. Questi fossili vicini suggeriscono che gli ominidi che lavoravano l’ocra e fabbricavano utensili che hanno visitato Xiamabei potrebbero essere stati anche  H. sapiens.

“Non possiamo, tuttavia, ignorare del tutto la possibilità che altri antenati umani strettamente imparentati non fossero ancora presenti nei vasti paesaggi dell’Asia settentrionale, poiché sapppiamo che i primi gruppi di Homo sapiens si stavano accoppiando e mescolando con Neanderthal e Denisoviani”, ha detto Yang .

Inoltre, poiché anche i Neanderthal usavano l’ocra, le prove dell’uso dell’ocra non offrono alcun indizio su quali ominidi fossero presenti nel sito, ha detto Zipkin.

Ulteriori scavi pianificati a Xiamabei ci aiuteranno a comprendere meglio la nostra  storia evolutiva“, ha detto Yang.

2