I Neanderthal percepivano e producevano un linguaggio umano

Secondo uno studio pubblicato da un team internazionale di ricercatori tra cui il professore di antropologia della Binghamton University Rolf Quam e lo studente laureato Alex Velez, i Neanderthal erano in grado di percepire e produrre un linguaggio umano

3286

I Neanderthal prendono il nome dalla valle del fiume Neander in Germania, dove furono trovati per la prima volta i resti nel 1856. Vissero nell’età paleolitica tra i 100 mila e i 35 mila anni fa.

Secondo uno studio pubblicato da un team internazionale di ricercatori tra cui il professore di antropologia della Binghamton University Rolf Quam e lo studente laureato Alex Velez, i Neanderthal erano in grado di percepire e produrre il linguaggio umano.

“Questo è uno degli studi più importanti in cui sono stato coinvolto durante la mia carriera”, afferma Quam.

I risultati dello studio sono solidi e mostrano che i Neanderthal avevano la capacità di percepire e produrre il linguaggio umano. Questa è una delle pochissime linee di ricerca basate su prove fossili per studiare l’evoluzione del linguaggio.

L’ evoluzione del linguaggio, e le capacità linguistiche dei Neanderthal in particolare, è una questione già ampiamente dibattuta nello studio dell’evoluzione umana.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli studiosi durante i decenni di ricerca sull’evoluzione umana si sono sempre chiesti se la comunicazione verbale fosse presente anche in altre specie umane e in particolare nei Neanderthal.

Ad affermare il concetto è stato il coautore della ricerca Juan Luis Arsuaga, Professore di Paleontologia dell’Universidad Complutense de Madrid e co-direttore degli scavi nei siti di Atapuerca.

L’ultimo studio ha ricostruito il modo in cui i Neanderthal udivano per trarre alcune conclusioni su come avrebbero potuto comunicare verbalmente.

Lo studio si è basato su scansioni TC ad alta risoluzione per creare modelli 3-D delle strutture dell’orecchio dell’ Homo sapiens, dell’homo Neanderthal, e sui fossili ritrovati nel sito di Atapuerca che appartengono agli antenati dei Neanderthal.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I dati raccolti sui modelli 3-D sono stati inseriti in un modello basato su software, sviluppato nel campo della bioingegneria uditiva, per misurare le capacità uditive fino a 5 kHz, che comprende la maggior parte della gamma di frequenze dei moderni suoni del linguaggio umano.

Rispetto ai fossili di Atapuerca, i Neanderthal hanno mostrato un udito leggermente migliore tra 4-5 kHz, una capacità uditiva molto vicina a quella degli esseri umani moderni.

Neanderthal, sentire e comunicare

I ricercatori hanno calcolato inoltre un parametro importante, la gamma di frequenze della massima sensibilità, tecnicamente nota come larghezza di banda occupata, in ciascuna delle specie esaminate dallo studio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La larghezza di banda occupata è correlata al sistema di comunicazione, in modo tale che una larghezza di banda più ampia consente di utilizzare un numero maggiore di segnali acustici facilmente distinguibili nella comunicazione orale di una specie.

Questo migliora l’efficienza della comunicazione, cioè la capacità di fornire un messaggio chiaro nel più breve tempo possibile.

I Neanderthal mostrano una larghezza di banda più ampia rispetto a quella sviluppata dai loro antenati di Atapuerca, una larghezza di banda occupata paragonabile a quella degli esseri umani moderni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo Mercedes Conde-Valverde, professoressa all’Universidad de Alcalá in Spagna e autrice principale dello studio, la scoperta è la chiave che dimostra la presenza di capacità uditive simili a quelle degli esseri umani moderni.

La larghezza di banda, dimostra che i Neanderthal possedevano linguaggio complesso ed efficiente quanto il linguaggio umano moderno.

Lo studio ha scoperto che il linguaggio dei Neanderthal era più ricco di consonanti, come ha detto Quam:

“La maggior parte degli studi precedenti sulle capacità linguistiche di Neanderthal si concentravano sulla loro capacità di produrre le vocali principali nella lingua parlata inglese.

Tuttavia, riteniamo che questa enfasi sia fuori luogo, poiché l’uso delle consonanti è un modo per inserire informazioni nella comunicazione e separare il linguaggio dai modelli di comunicazione in quasi tutti gli altri primati.

Il fatto che il nostro studio abbia raccolto questo aspetto è un aspetto davvero interessante della ricerca ed è un suggerimento riguardo alle capacità linguistiche dei nostri antenati”.

I Neanderthal erano in grado di comunicare producendo i suoni del linguaggio umano, e il loro orecchio si era evoluto per percepirne le frequenze.

Questo cambiamento nelle capacità uditive nei Neanderthal, rispetto ai loro antenati di Atapuerca, mette in parallelo le prove archeologiche di modelli comportamentali sempre più complessi, compresi gli avanzamenti tecnologici nella realizzazione degli strumenti di pietra, l’utilizzo del fuoco e possibili pratiche simboliche.

Lo studio sottolinea una forte evidenza a favore della coevoluzione di comportamenti sempre più complessi e di una maggiore efficienza nella comunicazione verbale durante il corso dell’evoluzione umana .

Il team ha sviluppato questa linea di ricerca per quasi due decenni e ha collaborazioni in corso per analizzare ad altre specie fossili.

“Questi risultati sono particolarmente gratificanti”, ha detto Ignacio Martinez dell’Universidad de Alcalá in Spagna. “Riteniamo, dopo più di un secolo di ricerca su questa domanda, di aver fornito una risposta conclusiva alla domanda sulle capacità linguistiche di Neandertal”.

Lo studio, “I Neanderthal e gli esseri umani moderni avevano capacità uditive e linguistiche simili”, è stato pubblicato su Nature Ecology and Evolution.