Riscaldamento globale, una minaccia per la catena alimentare

Le temperature più elevate causate dal riscaldamento globale aumentano il costo metabolico della crescita, portando a uno scambio di energia meno efficiente attraverso la catena alimentare e, in ultima analisi, a una riduzione complessiva della biomassa

641

Il riscaldamento globale potrebbe ridurre l’efficienza delle catene alimentari e minacciare la sopravvivenza degli animali. Il riscaldamento globale è il cambiamento climatico in atto, che nei prossimi decenni potrebbe provocare effetti disastrosi.

Si parla di un aumento delle temperature medie sia sulla terraferma sia delle acque degli oceani e dei mari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il riscaldamento globale potrebbe ridurre l’efficienza delle catene alimentari e minacciare la sopravvivenza degli animali.

Gli scienziati hanno misurato il trasferimento di energia dalle alghe unicellulari, il fitoplancton, ai piccoli animali che se ne cibano, lo zooplancton.

Lo studio, condotto dall’Università di Exeter e dalla Queen Mary University di Londra e pubblicato sulla rivista Nature, ha rilevato che un aumento della temperatura di 4 ° C riduce il trasferimento di energia nelle reti alimentari del plancton fino al 56%.

Le temperature più elevate causate dal riscaldamento globale aumentano il costo metabolico della crescita, portando a uno scambio di energia meno efficiente attraverso la catena alimentare e, in ultima analisi, a una riduzione complessiva della biomassa.

“Questi risultati fanno luce su una conseguenza sottovalutata del riscaldamento globale”, ha affermato il professor Gabriel Yvon-Durocher, dell‘Istituto per l’ambiente e la sostenibilità del Penryn Campus di Exeter in Cornovaglia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Il fitoplancton e lo zooplancton sono le fondamenta delle reti alimentari che supportano gli ecosistemi di acqua dolce e marini da cui dipendono gli esseri umani.

“Il nostro studio è la prima prova diretta che il costo della crescita aumenta con temperature più elevate, limitando il trasferimento di energia lungo una catena alimentare”.

Il professor Mark Trimmer, della Queen Mary University di Londra, ha dichiarato: “Se gli effetti che troviamo in questo esperimento sono evidenti negli ecosistemi naturali, le conseguenze potrebbero essere profonde.

“L’impatto sugli animali più grandi nella parte superiore della catena alimentare – che dipende dall’energia trasmessa dal basso – potrebbe essere grave. Sono necessarie ulteriori ricerche”.

“In generale, circa il 10% dell’energia prodotta su un livello di una rete alimentare arriva al livello successivo”, ha affermato il dott. Diego Barneche, dell’Australian Institute of Marine Science e dell’Oceans Institute dell’Università dell’Australia occidentale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Questo accade perché gli organismi consumano molta energia per una varietà di funzioni nel corso della vita e solo una piccola parte dell’energia che consumano viene trattenuta nella biomassa che finisce per essere mangiata dai predatori.

Temperature più alte possono far accelerare i tassi metabolici più velocemente dei tassi di crescita, il che riduce l’energia disponibile per i predatori nel livello successivo nella rete alimentare”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo studio ha misurato l’efficienza del trasferimento di azoto nel plancton di acqua dolce che era stato esposto a un esperimento di riscaldamento all’aperto durato sette anni portato avanti nel Regno Unito.

Altre conseguenze del riscaldamento globale

A causa del riscaldamento globale corriamo diversi rischi che potrebbero causare notevoli danni, le tempeste e i fenomeni burrascosi potrebbero essere più intensi e frequenti, i ghiacciai potrebero sciogliersi causando l’innalzamento eccessivo del livello del mare che causerebbe la distruzione di molti tratti costieri.

Non mancherebbero le inondazioni e sommersione delle spiagge, delle lagune e delle paludi, e in generale di tutte le aree costiere situate a livello del mare.

Il pianeta vedrebbe un aumento della piovosità che sarebbe molto più marcate in alcune aree. Altre aree del pianeta subirebbero lunghi periodi di siccità con un notevole aumento delle malattie infettive.

Le cause del riscaldamento globale

Le principali cause sono certamente antropiche, noi esseri umani siamo i co-responsabile del riscaldamento globale in atto in tutto il pianeta, provocato in particolare dal crescente utilizzo di combustibili fossili come il carbone, il petrolio e gas naturale.

La combustione di queste sostanze, aumenta l’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera, favorendo l’effetto serra. Ma anche il taglio eccessivo dei boschi (deforestazione) e altri utilizzi eccessivi dei suoli per l’agricoltura e la pastorizia contribuiscono ai cambiamenti climatici.