Non tutti sono convinti della specie di appartenenza di Dragon Man

Ottantacinque anni fa, un uomo che lavorava in un cantiere edile ha scoperto un teschio nel nord-est della Cina, allora occupata dal Giappone. Invece di consegnarlo agli scienziati giapponesi, lo nascose in un pozzo per decenni e non ne parlò mai a nessuno.

Prima della sua morte nel 2018, l’uomo, il cui nome non è stato reso noto, ha avvisato la famiglia del fossile. Lo hanno subito donato al Museo di Geoscienze dell’Hebei GEO University per lo studio.

L’uomo non aveva idea che la sua scoperta di quello che oggi è conosciuto come il cranio di Harbin avrebbe cambiato la storia. Gli scienziati coinvolti nelle analisi del cranio di Harbin credono che appartenga a una nuova specie di antichi umani, soprannominata Homo longi.

La notizia, diffusa il 25 giugno, ha fatto seguito a molteplici analisi del cranio appartenente al cosiddetto “Dragon Man“, il soprannome dato all’uomo in onore della regione del fiume Dragon, nel nord-est della Cina, dove è stato scoperto il suo cranio.

In una serie di tre articoli pubblicati sulla rivista The Innovation, i ricercatori spiegano che è probabile che il cranio appartenga a una nuova specie umana antica perché possiede caratteristiche anatomiche non riscontrate in precedenza in altre specie di ominidi.

Mentre mostra le tipiche caratteristiche umane arcaiche, il cranio di Harbin presenta una combinazione a mosaico di caratteri primitivi e derivati ​​che si distingue da tutte le altre specie di Homo precedentemente nominate“, ha detto Qiang Ji, professore di paleontologia dell’Università GEO di Hebei, in un comunicato stampa.

Il fossile di Harbin è uno dei fossili cranici umani più completi al mondo“.

L’analisi del cranio suggerisce che appartenesse a un uomo di 50 anni che viveva in una pianura alluvionale durante il Pleistocene medio, un’epoca di grande migrazione umana. Il Pleistocene medio è compreso tra 126.000 e 770.000 anni fa. Un’analisi della composizione chimica del cranio di Dragon Man colloca la sua età tra 146.000 e 309.000 anni.

L’Uomo Drago aveva guance piatte, orbite quadrate, sopracciglia folte, denti sovradimensionati e un cervello circa il 7% più grande dell’essere umano medio di oggi.

Al teschio manca la mascella. All’epoca in cui viveva Dragon Man, sulla Terra vivevano diversi ominidi, inclusi  Neanderthal e Denisova. Tuttavia, a causa della mancanza di fossili nell’Asia orientale dal Pleistocene medio, i ricercatori non sanno chi abitasse allora la regione.
Ciò suggerisce che Dragon Man appartenga ad una specie di ominidi finora sconosciuta. Uno dei coautori dello studio ha paragonato la relazione tra Homo longi e umani a quella tra umani e Neanderthal.

È opinione diffusa che l’uomo di Neanderthal appartenga a un lignaggio estinto che è il parente più stretto della nostra specie“, ha affermato Xijun Ni, coautore degli studi e paleoantropologo presso l’Accademia cinese delle scienze e l’Università GEO di Hebei.

Tuttavia, la nostra scoperta suggerisce che il nuovo lignaggio che abbiamo identificato che include l’Homo longi è l’attuale gruppo gemello di H. sapiens“.

I dubbi sulla specie di Dragon man

Però, Non tutti coloro che studiano l’evoluzione umana sono d’accordo. In effetti, molti sono scettici sul fatto che “Dragon Man” appartenga a una nuova antica specie umana.

Terrence Deacon, professore di biologia e antropologia presso l’Università della California-Berkeley, ritiene che il cranio fossile potrebbe essere uno dei primi Denisova.

Ciò è in parte dovuto al fatto che gli scienziati non sanno esattamente che aspetto avessero i Denisova, una sottospecie di umani arcaici che si estendeva in tutta l’Asia durante il Paleolitico inferiore e medio.

La linea di fondo è che nessuno sa quali siano le caratteristiche anatomiche dei Denisova“, ha detto Deacon. “Abbiamo alcune ossa molto piccole. Abbiamo una mascella, abbiamo le dita delle mani e dei piedi, ma questo non è abbastanza per dirci com’era il loro cranio“.

Pertanto, Deacon ha sottolineato che poiché i ricercatori non sanno che aspetto avevano i primi Denisova in quel luogo e in quel periodo, i ricercatori attualmente hanno poco da confrontare con il nuovo cranio.

Deacon ha anche sottolineato che i Neaderthal avevano una grande variabilità genetica poiché si incrociarono con gli umani moderni prima di estinguersi 40.000 anni fa.

Stiamo parlando dell’Asia centrale, stiamo parlando di una grande massa continentale in cui le persone si sono spostate per un lungo periodo di tempo; sappiamo anche ora che c’è un mix Neanderthal-Denisovan in corso in Asia centrale“.

Brian Stewart, professore di archeologia presso l’Università del Michigan, concorda sul fatto che è possibile che il cranio di Harbin possa appartenere a uno dei primi Denisoviani.

Penso che la cosa più eccitante di questo teschio sia che potrebbe essere Denisovan – voglio dire, questa è la vera promessa di questo teschio“, ha detto Stewart.

Abbiamo davvero bisogno di più dati per verificare, e non sto dicendo che dobbiamo avere dati paleogenetici, sto solo dicendo che hai davvero bisogno di altre linee di prova indipendenti prima che possiamo dire, ‘oh, questo può in qualche modo riscrivere il l’intera traiettoria dei movimenti fuori dall’Africa e la successiva evoluzione umana che hanno portato a queste diverse specie in diverse parti del Vecchio Mondo‘”.

William Kimbel, professore all’Arizona State University e ricercatore associato presso l’Institute of Human Origins, ha detto di essere ugualmente “scettico” sul fatto che Dragon Man appartenga a una nuova antica specie umana.

Il cranio è molto simile ad altri crani asiatici che sono stati trovati nel corso degli anni all’incirca nello stesso periodo di tempo che sono stati storicamente visti da molte persone come rappresentanti asiatici della specie chiamata homo heidelbergensis“, ha detto Kimbel.

Ora detto questo, le prove stanno iniziando ad accumularsi in Asia per suggerire che forse la forma asiatica di Homo heidelbergensis non ha la stessa traiettoria evolutiva delle versioni europee di Homo heidelbergensis“.

Kimbel ha aggiunto: “Sappiamo che alcune popolazioni in Europa che sono state attribuite all’Homo heidelbergensis nel corso degli anni sono ora note sulla base del DNA e dell’anatomia fossile per essere ancestrali ai successivi Neanderthal“.

Nonostante un certo scetticismo su di quale specie fosse Dragon Man, gli esperti in questo campo sono entusiasti di tutte le nuove linee di indagine scientifica che il cranio potrebbe fornire.

Ogni volta che si ha una grande lacuna nella documentazione fossile, ogni nuova scoperta è così sconvolgente in termini di domande che solleva“, ha detto Stewart. “E questo è un caso di quelli“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

In Tendenza

Articoli correlati

Popular Categories