Tokamak HL-3: il “sole artificiale” cinese ha creato un campo magnetico nella fusione nucleare

Gli scienziati cinesi hanno raggiunto una pietra miliare nel campo della fusione nucleare. Hanno annunciato un importante risultato nella scoperta di una struttura avanzata del campo magnetico “per la prima volta al mondo” utilizzando il tokamak Huanliu-3 (HL-3), noto anche come il “sole artificiale” della Cina

Gli scienziati cinesi hanno raggiunto una pietra miliare nel campo della fusione nucleare. Hanno annunciato un importante risultato nella scoperta di una struttura avanzata del campo magnetico “per la prima volta al mondo” utilizzando il tokamak Huanliu-3 (HL-3), noto anche come il “sole artificiale” della Cina.

Tokamak HL-3
La Cina ha promosso attivamente la cooperazione internazionale nel campo dell’energia nucleare, esemplificata dalle recenti partnership con la Francia, comprese iniziative di ricerca congiunte e contributi al progetto del reattore sperimentale termonucleare internazionale (ITER).

Tokamak HL-3-3, il “sole artificiale” cinese

La scoperta è il risultato del primo round di esperimenti congiunti internazionali condotti sul tokamak HL-3, progetto che si è aperto alla collaborazione globale alla fine del 2023.

Tokamak HL-3
Gli scienziati cinesi hanno raggiunto una pietra miliare nel campo della fusione nucleare. Hanno annunciato un importante risultato nella scoperta di una struttura avanzata del campo magnetico “per la prima volta al mondo” utilizzando il tokamak Huanliu-3 (HL-3), noto anche come il “sole artificiale” della Cina

Secondo Chinese Media Group, gli esperimenti hanno coinvolto 17 rinomati istituti di ricerca e università in tutto il mondo, tra cui la Commissione francese per le energie alternative e l’energia atomica e l’Università di Kyoto in Giappone, che ha confermato l’impegno della Cina nella cooperazione internazionale nell’affrontare la crisi energetica globale.

Il tokamak HL-3 è stato progettato e sviluppato in modo indipendente dalla Cina. È anche il dispositivo di fusione nucleare più grande e avanzato del paese.

Replicare il processo di generazione dell’energia solare

Replica il processo di generazione dell’energia solare attraverso la fusione nucleare controllata, una tecnologia all’avanguardia con un immenso potenziale per risolvere le problematiche energetiche e ambientali globali.

Nell’agosto 2023, il tokamak HL-3 ha raggiunto un traguardo importante operando con successo con una corrente di plasma di 1 milione di ampere. Questo esperimento ha consolidato la posizione della Cina in prima linea nella ricerca sulla fusione nucleare a confinamento magnetico.

Quest’ultima innovazione è cruciale per controllare e confinare il plasma surriscaldato all’interno del tokamak HL-3. La fusione nucleare controllata è stata a lungo considerata il Santo Graal della ricerca energetica, poiché promette una fonte di energia pulita e praticamente inesauribile.

Tokamak HL-3
Nell’agosto 2023, il tokamak HL-3 ha raggiunto un traguardo importante operando con successo con una corrente di plasma di 1 milione di ampere. Questo esperimento ha consolidato la posizione della Cina in prima linea nella ricerca sulla fusione nucleare a confinamento magnetico.

La Cina ha promosso attivamente la cooperazione internazionale nel campo dell’energia nucleare, esemplificata dalle recenti partnership con la Francia, comprese iniziative di ricerca congiunte e contributi al progetto del reattore sperimentale termonucleare internazionale (ITER).

Aprendo il tokamak HL-3 alla collaborazione internazionale e partecipando attivamente alle iniziative globali sull’energia nucleare, la Cina sta dimostrando il suo impegno nel promuovere soluzioni energetiche pulite e affrontare la crescente domanda energetica mondiale.

L’innovativa configurazione magnetica scoperta dal team internazionale di scienziati rappresenta un importante progresso nella fisica del plasma e nella tecnologia della fusione.

Conclusioni

Questo sviluppo, riportato da China Media Group, rappresenta un progresso significativo verso le fonti di energia pulita. Inoltre, anche la corsa globale verso lo sfruttamento della potenza del “sole artificiale” continua ad infiammarsi.

Recentemente, il reattore Korea Superconducting Tokamak Advanced Research ( KSTAR ) della Corea del Sud ha raggiunto un traguardo importante raggiungendo temperature sette volte più calde del nucleo del Sole.

Tokamak HL-3
Aprendo il tokamak HL-3 alla collaborazione internazionale e partecipando attivamente alle iniziative globali sull’energia nucleare, la Cina sta dimostrando il suo impegno nel promuovere soluzioni energetiche pulite e affrontare la crescente domanda energetica mondiale.

Per sviluppare l’energia da fusione, è essenziale garantire la tecnologia per sostenere plasmi ad alta temperatura e alta densità dove le reazioni di fusione si verificano più attivamente per periodi più lunghi”, affermava all’epoca il Korea Institute of Fusion Energy (KFE).

Articoli più letti

Related articles

1 Comment