ITER, un impianto di fusione sperimentale: l’Europa è pronta?

Il nuovo boss europeo della fusione Ambrogio Fasoli vuole un impianto di fusione dimostrativo parlando di alto rischio ma ad alto potenziale

0
1527
ITER

Ambrogio Fasoli, capo di EUROfusion, ha affermato che l’Europa deve intensificare il proprio impegno per la costruzione di un impianto di fusione “DEMO”, ovvero un impianto sperimentale di fusione ITER nel sud della Francia, costruito contemporaneamente ad un reattore dimostrativo a fusione. Fasoli, che da gennaio ha assunto la guida di EUROfusion, sostiene che il lavoro su un dispositivo del genere richiederà una stretta collaborazione con l’industria privata della fusione.

ITER
Ambrogio Fasoli.

ITER, un impianto di fusione “DEMO” per l’Europa

EUROfusion è un consorzio di 28 laboratori di fusione che riunisce 4.800 ricercatori provenienti da tutta Europa. Inizialmente discusso negli anni ’80, l’apertura di ITER è attualmente prevista per la fine del 2025. Ma non sarà prima della metà degli anni ’30, al più presto, che ITER effettuerà esperimenti sul plasma di deuterio-trizio (DT).

Solo allora ITER dimostrerà che il suo obiettivo principale è quello di ottenere un guadagno energetico netto pari a 10 e che la fusione nucleare può essere una fonte di energia sicura, affidabile, efficiente e relativamente pulita.

A causa dei ritardi di ITER, alcuni paesi hanno iniziato a pianificare i propri impianti di fusione dimostrativi. Il Regno Unito, ad esempio, sta attualmente progettando il Tokamak sferico per la produzione di energia da attivare negli anni ’40, mentre le aziende produttrici di fusione stanno esaminando modi per portare l’energia di fusione sul mercato anche prima.

ITER

La comunità europea della fusione sta adottando un approccio diverso. Vuole aspettare che il progetto sia completamente operativo prima di progettare e costruire un reattore dimostrativo che produrrà anche elettricità: un impianto di fusione “DEMO”. Ma Fasoli, fisico del plasma e direttore dello Swiss Plasma Center dell’EPFL di Losanna, sostiene che l’Europa deve ora ripensare la propria strategia.



Se vogliamo sviluppare DEMO entro la metà del secolo, dobbiamo procedere il più possibile parallelamente a ITER, piuttosto che seguire l’attuale approccio sequenziale che dipende interamente dalle tappe fondamentali del secondo“, ha detto Fasoli: “Si tratta un progetto cruciale per la ricerca sulla fusione e abbiamo già imparato così tanto che non dobbiamo aspettare per applicare queste lezioni altrove”.

ITER: soluzione ad alto rischio ma ad alto potenziale

Fasoli insiste sul fatto che non è necessario conoscere tutti i dettagli sul plasma DT di ITER prima di iniziare un progetto DEMO: “Possiamo preparare un progetto che possa accogliere possibili diverse disposizioni del plasma”, ha aggiunto, sottolineando che è possibile utilizzare simulazioni numeriche nonché estrapolare dati da esperimenti attuali o precedenti sul plasma come JET nell’Oxfordshire, che ha eseguito ha effettuato l’ultima fusione l’anno scorso e da anni conduce esperimenti rilevanti.

Fasoli ha spiegato che l’Europa dovrebbe ora lavorare su “soluzioni” ad alto rischio ma ad alto potenziale, bilanciando la conoscenza consolidata con l’innovazione. Questo approccio sarebbe simile al modo in cui le aziende private di fusione operano con “un senso di urgenza”, ma riconosce che l’Europa è indietro rispetto agli Stati Uniti quando si tratta di promuovere un’industria privata della fusione.

“Questo ci obbliga a essere un po’ più imprenditoriali e a lavorare anche più a stretto contatto con il settore privato, idealmente nell’ambito di partenariati pubblico-privato. Abbiamo già la parte pubblica, ma sicuramente in Europa ci manca la parte privata. Per DEMO abbiamo bisogno di entrambi”, ha specificato.

ITER

Fasoli ha insistito sul fatto che questa partnership andrebbe ben oltre il semplice acquisto da parte degli enti pubblici di attrezzature dal settore privato, come avviene attualmente presso ITER: “È necessario avere obiettivi, responsabilità e risultati comuni”.

Fasoli ha evidenziato che il potenziale boom della fusione privata in Europa rappresenta una sfida in termini di mantenimento ed espansione della forza lavoro nel settore pubblico della fusione.

Il mercato del lavoro per i fisici e gli ingegneri della fusione è probabilmente più ampio che mai, e le aziende private sono spesso più attraenti dei laboratori pubblici, soprattutto per i giovani.Quindi rischiamo una fuga di cervelli”.

Per garantire e ampliare l’afflusso di talenti, Fasoli ha sostenuto che la fusione dovrebbe trarre ispirazione dalla Comunità Europea della fisica delle particelle, che dispone di laboratori privati e aziende che sono “ben collegati e integrati nel mondo accademico”.

2