Il Sole quando morirà potrà continuare a sostenere la vita?

Il nostro Sole un giorno diventerà una nana bianca, ma potrebbe continuare lo stesso a preservare la vita sul nostro pianeta

0
690
eruzione solare

Gli astronomi hanno trovato numerose stelle nane bianche circondate da dischi di detriti. Quei dischi sono i resti dei pianeti distrutti dalla stella durante la sua evoluzione finale ma hanno anche trovato un pianeta intatto della massa di Giove in orbita attorno a una nana bianca.

Ci sono pianeti intorno alle nane bianche? Possono esistere pianeti terrestri simili alla Terra attorno alle nane bianche?

Una nana bianca (WD) è quanto resta di una stella della sequenza principale un tempo molto più grande, come il nostro Sole. Quando una stella con la stessa massa del nostro Sole lascia la sequenza principale, si gonfia e diventa una gigante rossa.

L’invecchiamento di una gigante rossa

Man mano che la gigante rossa invecchia ed esaurisce il combustibile nucleare, perde i suoi strati esterni come una nebulosa planetaria, un velo scintillante di gas ionizzato in espansione che tutti hanno visto nelle immagini di Hubble. Dopo circa 10.000 anni, la nebulosa planetaria si dissolve e tutto ciò che rimane è una nana bianca, sola al centro di tutta quella gloria in via di estinzione.

Le nane bianche sono estremamente dense e massicce, ma grandi solo quanto la Terra. Si sono lasciate alle spalle la fusione nel nucleo e, ormai, emettono solo calore residuo. Tuttavia, il calore è calore e le nane bianche possono avere zone abitabili, sebbene siano molto vicine.

Come il Sole, anche le altre stelle hanno pianeti

Gli astronomi sono abbastanza certi che la maggior parte delle stelle abbia pianeti. Ma tutti i pianeti sono in pericolo quando orbitano attorno a una stella che ha lasciato la sequenza principale ed è diventata una gigante rossa.



In questa fase terminale della sua vita, una stella può devastare i pianeti, consumandone alcuni e distruggendone altri a causa dell’interruzione delle maree. Alcune nane bianche sono circondate da dischi di detriti che sono i resti dei pianeti della stella, fatti a pezzi a durante la sua fase di nana rossa. Ma nel 2020 i ricercatori hanno annunciato la scoperta di un pianeta intatto tra il disco di detriti nella zona abitabile attorno alla nana bianca WD1054-226.

Se ce n’è uno, quasi certamente ce ne sono altri là fuori da qualche parte. Perché non li abbiamo trovati? E il fatto che il primo che abbiamo trovato sia un pianeta della massa di Giove significa che la popolazione degli esopianeti WD è dominata da loro?

Un nuovo articolo esamina la questione degli esopianeti attorno alle nane bianche e si chiede perché i pianeti nani bianchi rocciosi sembrano essere rari. L’articolo è “La natura gigante di WD 1856 b implica che i pianeti rocciosi in transito sono rari attorno alle nane bianche”. L’articolo è stato accettato negli avvisi mensili della Royal Astronomical Society e l’autore è David Kipping, professore assistente presso il Dipartimento di Astronomia, presso la Columbia University di New York.

La longevità delle nane bianche

Le nane bianche sono longeve e stabili. Quindi, anche se le loro zone abitabili sono molto più piccole della zona attorno a una stella come il nostro Sole, esistono ancora. In teoria, i pianeti in quelle zone abitabili potrebbero sostenere la vita. L’unico pianeta intatto attorno a una nana bianca di cui siamo a conoscenza è stato rilevato dalla navicella spaziale TESS della NASA, ed ha un’enorme massa: 13,8 masse gioviane.

L’esperto è del tutto sorpreso

Kipping ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Science Alert: “Data la relativa scarsità di pianeti giganti rispetto a quelli terrestri, indicata sia dai dati demografici degli esopianeti che dalle simulazioni teoriche (una distribuzione del raggio “basso”), questo è forse in qualche modo sorprendente”.

Un rapido sguardo al catalogo degli esopianeti della NASA mostra 5.535 esopianeti confermati. Di questi, 1898 sono simili a Nettuno e 1756 sono giganti gassosi. Solo 1675 di loro sono Super-Terre e solo 199 sono terrestri. L’affermazione di Kipping secondo cui la distribuzione degli esopianeti è “bottom-heavy”, il che significa che i pianeti con raggio piccolo sono più abbondanti di quelli con raggio grande, sembra sconcertante da questo punto di vista.

2