16.1 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaDue brillamenti sono appena scoppiati sul Sole, emettendo massa coronale

Due brillamenti sono appena scoppiati sul Sole, emettendo massa coronale

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Dopo una serie di eruzioni del Sole avvenuta in questi giorni, sulla Terra potrebbero verificarsi aurore anomale nei prossimi giorni. Infatti, una macchia solare chiamata AR2929 ha emesso due brillamenti solari, accompagnati da espulsioni di massa coronale. Sebbene nessuno delle due sia diretta verso la Terra, il materiale espulso che sta attraversando lo spazio potrebbe fornire colpi di striscio all’atmosfera del nostro pianeta che potrebbero causare piccole tempeste geomagnetiche.

Il primo brillamento ha avuto luogo il 18 gennaio alle 17:44 UT ed è stato classificato come un bagliore di classe M1.5. Il secondo è avvenuto il 20 gennaio alle 6:01 UT. Era più potente, con un clock di M5.5. Entrambi sono considerati bagliori di livello medio, non l’attività più potente di cui è capace il nostro Sole, ma abbastanza forti da far sentire i propri effetti qui sulla Terra.

Per entrambi i bagliori, un’esplosione di raggi X ha ionizzato la parte superiore dell’atmosfera terrestre, provocando brevi e minori blackout radio a onde corte; la prima sopra il Sudamerica e la seconda sopra l’Oceano Indiano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le espulsioni di massa coronale (CME), che sono causate dallo spezzarsi e dal ricollegarsi delle linee del campo magnetico, sono massicce espulsioni di miliardi di tonnellate di plasma dalla corona solare, dotate di un campo magnetico. Questi eventi spesso si verificano di concerto con i brillamenti solari e viaggiano dal Sole verso l’esterno, impiegando diversi giorni per arrivare sulla Terra, se l’espulsione di massa coronale avviene nella nostra direzione.

m55 flare cme ar2929Il CME associato al brillamento del 20 gennaio. (NOAA)

Se non lo sono, possono comunque sfiorarci. Questo è ciò che potremmo vedere con i due CME di AR2929. Le tempeste geomagnetiche risultanti saranno minori: forse avremo alcune fluttuazioni della rete elettrica, un lieve degrado delle comunicazioni radio e piccole interruzioni alle operazioni spaziali.

Per saperne di più sui danni che potenzialmente potrebbero provocare le espulsioni di massa coronale emesse dai brillamenti solari guarda qui.

Potremmo anche vedere le aurore, quando le particelle cariche della CME si scontreranno e interagiranno con l’atmosfera terrestre e il campo magnetico terrestre, producendo splendidi spettacoli di luce alle alte latitudini.

I brillamenti diventeranno più comuni e frequenti man mano che il Sole si avvicinerà al momento di massimo solare del suo ciclo, il picco dell’attività solare che si verifica con un ciclo di 11 anni.

Questo ciclo si basa sul campo magnetico del Sole, che cambia ogni 11 anni, con i poli magnetici nord e sud che si scambiano di posto. Non è noto cosa guidi questi cicli (ricerche recenti suggeriscono che ha a che fare con un allineamento planetario di 11,07 anni), ma i poli si invertono anche quando il campo magnetico è più debole, un momento del ciclo solare noto anche come minimo solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

20 gennaio chiarore verde acquaIl bagliore del 20 gennaio a 131 lunghezze d’onda di Angstrom. (NASA/SDO)

Il campo magnetico del Sole controlla la sua attività, comprese le macchie solari (regioni temporanee di forti campi magnetici), i brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale, quindi il minimo solare si manifesta come un periodo di attività minima. Dopo che i poli si sono scambiati, l’attività solare aumenta gradualmente fino al massimo, quando il Sole è più turbolento.

Il minimo solare più recente è iniziato a dicembre 2019. Attualmente siamo nella fase ascendente, con il massimo solare che si verificherà intorno a luglio 2025. L’anno scorso ci sono stati dei brillamenti davvero epici, il che potrebbe significare che quest’anno ci aspettano fuochi d’artificio ancora più spettacolari.

Non esistono due cicli solari uguali, quindi è difficile prevedere esattamente quanto sarà attivo il Sole. Sonde e osservatori come la Parker Solar Probe e il Solar Dynamics Observatory stanno aiutando gli scienziati a cercare di comprendere meglio il comportamento del nostro Sole per prevedere meglio le tempeste solari.

I possibili CME in arrivo dovrebbero raggiungere la distanza orbitale terrestre nei prossimi giorni, con buone possibilità di aurore nel fine settimana. Puoi tenere d’occhio le previsioni delle aurore qui o qui.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti