Allevamento di polpi: 1 milione di esemplari per il consumo

Un’azienda spagnola vuole costruire il primo allevamento di polpi al mondo, ma incontra l’opposizione dei gruppi per i diritti degli animali e le ONG ambientaliste. Quali sono le implicazioni etiche e ambientali di questa iniziativa?

0
68
Allevamento di polpi

Per far fronte alla crescente domanda di polpo, un’azienda spagnola di prodotti ittici, Nueva Pescanova, ha deciso di costruire il primo allevamento di polpi al mondo. Il progetto prevede di realizzare un complesso edilizio di 52.691 metri quadrati dedicato all’allevamento di polpi lungo il molo di Las Palmas nelle Isole Canarie, arcipelago spagnolo nell’Oceano Atlantico.

Ma perché ciò? Questi animali sono molto richiesti sul mercato alimentare, soprattutto in paesi come la Spagna, il Giappone e la Corea del Sud, dove sono considerati una prelibatezza, ed ogni anno, vengono pescati e consumati milioni di polpi, mettendo a rischio la sopravvivenza di alcune specie e causando loro sofferenze inutili.

Allevamento di polpi

I polpi sono tra gli animali più affascinanti e misteriosi del pianeta, dotati di otto braccia flessibili, tre cuori, nove cervelli e una pelle che cambia colore, i polpi sono capaci di adattarsi a diversi ambienti, di risolvere problemi complessi e di comunicare con i loro simili, con alcuni scienziati che ritengono addirittura siano esseri coscienti, dotati di una personalità e di una sensibilità proprie.

Tornando a parlare dell’allevamento di polpi, Nueva Pescanova sostiene di aver risolto alcuni degli ostacoli scientifici associati all’acquacoltura commerciale di polpi, grazie alla collaborazione con i ricercatori. Nel 2018, sono riusciti a far nascere decine di polpi comuni (Octopus vulgaris), la specie più consumata in Spagna, e a garantire loro un tasso di sopravvivenza di circa il 50%, che se dovesse sembrare poco, in natura, ha un tasso di sopravvivenza pari allo 0,0001%.

Come sarà strutturato l’allevamento di polpi?

L’obiettivo di Nueva Pescanova è di produrre circa 3.000 tonnellate di polpo ogni anno, pari all’abbattimento di circa un milione di animali, con l’edificio a due piani che si occuperà di ogni fase del processo di acquacoltura del polpo, dalla nascita e morte all’imballaggio e alla spedizione.



Allevamento di polpi

Nell’allevamento di polpi, le larve nasceranno e inizialmente verranno nutrite con una dieta a base di alghe, lella fase successiva, un processo di sviluppo che dura dai sei ai 15 mesi, i giovani polpi verranno nutriti con granchi. Alla fine, verranno collocati in vasche comuni dove completeranno il loro sviluppo, prima di essere macellati, congelati, confezionati e spediti.

Tuttavia, il piano di realizzare un allevamento di polpi da parte di Nueva Pescanova ha scatenato le critiche e le proteste di numerosi gruppi per i diritti degli animali e ONG ambientaliste, che lo ritengono un disastro per il benessere degli animali e per l’ecosistema marino. Nell’ottobre 2023, un collettivo di queste organizzazioni ha inviato una lettera congiunta al governo delle Isole Canarie, esortandolo a riconsiderare la richiesta di realizzare un allevamento di polpi da parte di Nueva Pescanova.

I firmatari della lettera sostengono che i polpi sono animali selvatici profondamente inadatti all’allevamento e che ci sono seri problemi di sostenibilità e benessere degli animali associati allo sviluppo di questo settore. Essendo animali naturalmente solitari, i polpi soffrono di stress e aggressività quando sono costretti a vivere in spazi ristretti e affollati.

Oltre a quanto precedentemente detto, i polpi sono animali molto intelligenti e sensibili, che provano dolore e paura quando vengono catturati, trasportati e uccisi, inoltre il metodo di macellazione scelto da Nueva Pescanova, che consiste nel congelare i polpi vivi, è considerato disumano e crudele, in quanto provoca ai polpi una morte lenta e dolorosa.

Allevamento di polpi

I gruppi per i diritti degli animali e le ONG ambientaliste chiedono al governo delle Isole Canarie di annullare il progetto di allevamento di polpi di Nueva Pescanova, per motivi di insostenibilità e crudeltà sugli animali, al contrario, invece di promuovere l’allevamento di polpi, queste organizzazioni invitano a ridurre il consumo di polpo e ad aumentare la protezione di questi animali e del loro habitat naturale.

Il piano di realizzare un allevamento di polpi da parte di Nueva Pescanova solleva quindi una serie di questioni etiche e ambientali, che richiedono una riflessione approfondita da parte dei consumatori, dei produttori e delle autorità competenti. I polpi sono animali meravigliosi e misteriosi, che meritano rispetto e tutela, perciò allevarli in gabbia, è davvero il modo migliore per soddisfare la nostra domanda di cibo?

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2