Il Tirannosaurus Rex era intelligente come i primati moderni

Uno studio dei ricercatori della Vanderbilt University suggerisce che il cervello del Tirannosaurus Rex conteneva abbastanza neuroni da poter risolvere problemi e persino adottare forme di comportamenti sociali come i moderni babbuini.

A lungo considerato grande e stupido, il T. Rex potrebbe essersi guadagnato il suo titolo di re del Cretaceo grazie al suo cervello tanto quanto alle mascelle e ai denti giganti. Ciò significa che almeno alcuni dei dinosauri erano più intelligenti di quanto pensassimo.

Simile al cervello di babbuino

L’ultimo studio si aggiunge a un numero crescente di prove che indicano che il Tirannosaurus Rex era più di un semplice bruto massiccio. Sembra fosse un animale gregario che cacciava in gruppo. Secondo Suzana Herculano-Houzel, neuroscienziata e biologa della Vanderbilt University, il cervello del T. Rex conteneva 3 miliardi di neuroni, simile al cervello di un babbuino. Un altro terrificante dinosauro carnivoro chiamato Alioramus, ne aveva oltre 1 miliardo, simile a una scimmia cappuccina.

Se le capacità cognitive del T. Rrex si avvicinavano effettivamente a quelle di un babbuino, il dinosauro potrebbe essere stato in grado di usare strumenti e tramandare la conoscenza attraverso le generazioni, ha dichiarato Herculano-Houzel.

Il tessuto molle che costituiva la materia grigia dei dinosauri non si è consevato nei fossili. Così Herculano-Houzel ha esaminato le casse cerebrali ossee del Tirannosaurus Rex e le ha confrontate con gli scheletri dei suoi cugini viventi: gli uccelli.

“Lo studio complessivo è un passo importante nella comprensione dell’evoluzione della struttura e della funzione del cervello degli uccelli moderni”, ha affermato Amy Balanoff, biologa evoluzionista della Johns Hopkins University non coinvolta nello studio.

Balanoff ha dichiarato anche che vorrebbe vedere la ricerca futura con misurazioni fossili aggiornate. Ha definito la nozione di T. Rex dotato di cultura una “idea davvero affascinante”, ma ha aggiunto: “Non so se siamo arrivati ​​al punto di poter fare questa previsione. Detto questo, accolgo con favore le nuove idee per portare avanti la scienza”, ha concluso Balanoff.

Scansioni TC per teschi di dinosauro

Misurare l’intelligenza dei dinosauri non è mai stato facile. Storicamente, i ricercatori hanno utilizzato qualcosa chiamato quoziente di encefalizzazione (EQ), che misura la dimensione relativa del cervello di un animale, in relazione alla sua dimensione corporea. Un T. Rex , ad esempio, aveva un EQ di circa 2,4, rispetto a 3,1 per un pastore tedesco e 7,8 per un essere umano, portando alcuni a presumere che fosse almeno un po “intelligente”.

Tuttavia, l’equalizzazione non è certo infallibile. In molti animali, le dimensioni del corpo si evolvono indipendentemente dalle dimensioni del cervello, ha affermato Ashley Morhardt, paleoneurologa della Washington University School of Medicine di St. Louis, che non è stata coinvolta nello studio. “L’EQ è una metrica complessa, specialmente quando si studiano le specie estinte”.

Alla ricerca di un’alternativa più affidabile, Herculano-Houzel ha creato un’equazione che collega la massa cerebrale di un animale con la quantità approssimativa di neuroni nel cervello, che include la corteccia, sulla base di masse cerebrali stimate ottenute con scansioni TC di crani di dinosauri e un considerevole database di masse cerebrali di uccelli e rettili dell’anno precedente.

“È fantastico, francamente, essere in grado di ottenere questi numeri per queste incredibili creature che non esistono più e poter aggiungere qualcosa al puzzle di come erano le loro vite”, ha affermato Herculano-Houzel

Lo studio, secondo gli esperti, presenta una tesi forte. “Fino ad ora, non avevamo idea del possibile numero di neuroni posseduti dai dinosauri”, ha dichiarato Fabien Knoll, paleontologo della Fondazione aragonese per la ricerca e lo sviluppo di Dinópolis, un museo paleontologico a Teruel, in Spagna.

“È davvero piacevole avere un neurologo che esamina i dati paleontologici”, ha aggiunto Stig Walsh, curatore senior di paleobiologia dei vertebrati presso i National Museums Scotland, anche lui non coinvolto nel lavoro. 

Altre ricerche che intaccano l’antica immagine del T. Rex come un mostro squamoso bruto e solitario riguardano luoghi di sepoltura di massa trovati nello Utah, nel Montana e altrove, suggerendo che i carnivori si muovessero in gruppi come i lupi. I resti di altri teropodi maschi sono stati trovati a guardia di covate di uova, un comportamento sociale visto negli uccelli moderni.

I paleontologi sospettano persino che i tirannosauri avessero piume e stanno cercando prove fossili.

L’analisi di Herculano-Houzel si basa sul trattare i teropodi come un gruppo separato a sangue caldo invece di raggruppare T-rex e i suoi cugini con il resto dei dinosauri.

Fonte: Journal of Comparative Neurology

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Perseidi: potrai ammirarle nelle notti dell’11 e del 12 agosto 2024

Il miglior spettacolo di meteore dell'estate si verificherà durante...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

Articoli correlati

Popular Categories