Il morso del T-Rex

L'incredibile potenza del morso di questo grande predatore ovviava alla mancanza di denti specifici adatti alla masticazione del cibo.

0
1317
Indice

I mammiferi carnivori hanno la capacità di triturare e nutrirsi delle ossa delle loro prede grazie alla particolare conformazione della loro dentatura, i rettili invece non hanno denti adatti alla masticazione e quindi possono soltanto ingoiare le prede per intero.
Uno studio recente di alcuni paleontologi della Florida State University ha chiarito come il carnivoro più conosciuto in assoluto tra i dinosauri, ovvero il Tyrannosaurus Rex, ovviasse a questa limitazione con la impressionante forza del suo morso.

E’ stato stimato da questi ricercatori che che la forza applicata al morso equivalesse a 3600 chili, ovvero una pressione di 30 tonnellate per centimetro quadrato!

I due autori hanno studiato a lungo i grandi rettili attuali, come i coccodrilli, che sono parenti dei dinosauri, testando e realizzando modelli al computer di come la loro muscolatura potesse contribuire alla forza del morso. Hanno poi confrontato i dati così ottenuti con quelli relativi agli uccelli, che possono essere considerati i dinosauri moderni, fino a ottenere un modello per il tirannosauro.

Questa poderosa forza consentiva a questo carnivoro vissuto nel Cretaceo superiore circa 68-66 milioni di anni fa di essere un predatore probabilmente all’apice della catena alimentare dell’epoca.
Come afferma Paul Gignac, uno dei paleontologi che ha firmato questa ricerca, grazie a questa abilità ”il T rex è riuscito a sfruttare maggiormente le carcasse dei grandi dinosauri cornuti e dei dinosauri dal becco di anatra, le cui ossa erano ricche di sali minerali e di midollo”

Questo carnivoro reso celebre anche da numerosi blockbuster hollywoodiani ad iniziare dal celebre “Jurassic Park” era uno dei predatori terrestri più grandi e feroci del suo tempo. L’esemplare fossile più completo (scoperto nel 1992 e denominato “Sue”) misura circa 12,3 metri di lunghezza, 4,5 metri di altezza,e si stima fino a 6,8 tonnellate di peso.  Tuttavia, secondo recentissime scoperte, il reperto denominato “Scotty”, scoperto nel 1991, ma completamente recuperato solo da pochi anni, a causa di particolari difficoltà nello scavo, risulterebbe essere ancora più grande e massiccio.



Il tirannosauro popolava il Nord America, in quel tempo un continente isolato denominato Laramidia.e fu una delle ultime specie di dinosauri a perire durante l’estinzione di massa del Cretaceo-Paleocene.

2