I Denisoviani sono sopravvissuti per 160.000 anni in un ambiente ostile

Un osso proveniente dalla grotta di Baishiya Karst in Tibet indica che i Denisoviani vi hanno vissuto circa 40.000 anni fa, ben dopo che gli esseri umani moderni si erani espansi in gran parte dell’Asia. In combinazione con precedenti prove della loro presenza nell’area 190.000 anni fa, la scoperta ha rivelato una straordinaria persistenza di fronte a condizioni eccezionalmente difficili.

Manufatti denisoviani

Il mistero dei Denisoviani

I membri estinti degli umani sono sempre misteriosi, ma i Denisoviani lo sono particolarmente. Gli unici reperti fossili noti di loro provengono da tre grotte, ma vivono ancora in un po’ nei nostri geni, o almeno nel DNA di persone con antenati est-asiatici o australasiatici.

Con così tanti elementi mancanti, ogni nuova scoperta di fossili è incredibilmente preziosa, ma rischia anche di sollevare più domande di quante risposte fornisca, come nel caso di una costola trovata a Baishiya.

L’osso è uno degli oltre 2.500 conservati nella grotta, risalenti a un periodo compreso tra 190.000 e 30.000 anni fa, ma quasi tutti appartenevano a prede e non a esseri umani.

Lo studio

Il coautore dello studio, il dott. Geoff Smith dell’Università di Reading, ha spiegato: “Siamo stati in grado di identificare che i Denisoviani cacciavano, macellavano e mangiavano una serie di specie animali. Il nostro studio rivela nuove informazioni sul comportamento e l’adattamento dei Denisoviani sia alle condizioni di alta quota che ai climi mutevoli. Stiamo solo iniziando a comprendere il comportamento di questa straordinaria specie umana”.

La maggior parte delle ossa studiate da Smith e dai suoi coautori erano così gravemente rotte che i precedenti tentativi non erano stati in grado di identificarne le origini. Tuttavia, applicando la spettrometria di massa al collagene all’interno delle ossa, il team è stato in grado di associarne 2.005 a una specie, o almeno a un genere, rivelando molto sul mutevole ecosistema dell’area,

Tra gli yak, i piccoli uccelli, i rinoceronti lanosi e persino le pecore blu c’era un singolo osso di Denisova. È stato datato tra 48.000 e 32.000 anni fa, un intervallo ampio secondo molti standard, ma sufficiente per sapere che il suo proprietario è vissuto durante l’ultima era glaciale e dopo che gli esseri umani moderni si sono diffusi in Asia.

Il coautore, il Dottor Jian Wang dell’Università di Lanzhou, ha affermato: “Le prove attuali hanno indicato che sono stati i Denisoviani, e non altri gruppi umani, ad occupare la grotta e a sfruttare in modo efficiente tutte le risorse animali a loro disposizione durante tutta la loro occupazione“.

La scoperta ha confermato che i Denisoviani hanno usato la grotta durante l’ultima era glaciale e anche quella precedente. Le prede hanno continuato ad accumularsi durante il periodo interglaciale, quindi i Denisova sono quasi certamente responsabili anche di questo, anche se non abbiamo esempi delle loro ossa all’epoca.

La grotta di Baishiya è da tempo meta di pellegrinaggio per i buddisti, ma possiamo solo ipotizzare se i ricordi locali del suo antico utilizzo abbiano contribuito a farla considerare sacra.

Nel 2019 è stato rivelato che gli abitanti di 160.000 anni fa erano Denisoviani, non Neanderthal come si pensava in precedenza. Questo ha segnato il primo ritrovamento di ossa di Denisova fuori dalla grotta da cui prendono il nome. Più precisamente, è stata probabilmente la prima identificazione di ossa di altrove: è probabile che abbiamo trovato le loro ossa in altri luoghi e le abbiamo attribuite ad altri rami dell’albero genealogico umano.

Conclusioni

Denisova Cave è un posto abbastanza proibitivo oggi. Alla stessa latitudine di Londra, diventa molto più freddo in inverno grazie alla distanza di migliaia di chilometri dall’effetto moderatore degli oceani. Baishiya, sul bordo orientale dell’altopiano tibetano, è molto più a sud, ma è anche a 3.300 metri sopra il livello del mare, il che la rende ancora più fredda. Per vivere lì durante un’era glaciale, i Denisoviani si devono essere straordinariamente adattati al freddo.

D’altro canto, il fatto che i loro geni siano oggi più abbondanti in Nuova Guinea dimostra che potevano gestire anche il caldo. Forse la loro più grande eredità per gli esseri umani moderni sono i geni che consentono ai tibetani di prosperare nelle condizioni di scarsità di ossigeno a tali altitudini.

Eppure, nonostante tutto questo, i Denisoviani stessi sono scomparsi e il loro DNA è una piccola parte del pool genetico moderno: “Ora ci si chiede quando e perché si siano estinti sull’altopiano tibetano”, ha affermato il Dottor Frido Welker dell’Università di Copenaghen. Considerando che gli umani moderni erano ormai ben radicati nelle aree circostanti, è improbabile che la risposta sia positiva.

Lo studio è stato pubblicato ad accesso libero sulla rivista Nature.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Articoli correlati

Popular Categories