La terapia a base anticorpi di Regeneron efficace in pazienti Covid-19 ospedalizzati

La terapia anticorpale Covid-19 di Regeneron è in grado di ridurre i tassi di mortalità tra i pazienti ospedalizzati che non hanno una risposta immunitaria naturale contro il virus, secondo i risultati preliminari di uno studio britannico che potrebbe cambiare il modo in cui viene utilizzato nella pratica e rivitalizzare l’interesse per i trattamenti antivirali per aiutare chi ha contratto la malattia.

La terapia anticorpale di Regeneron

La terapia di Regeneron, un costoso cocktail di anticorpi per via endovenosa che neutralizza il virus, riduce di un quinto il rischio di morte nei pazienti ospedalizzati che non hanno sviluppato una risposta anticorpale naturale, secondo i dati dello studio RECOVERY del Regno Unito.

Lo studio, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria da esperti indipendenti, ha osservato anche altri benefici per questi pazienti, tra cui ricoveri ospedalieri più brevi di circa quattro giorni e una ridotta necessità di ventilatori.

Lo studio segna la prima volta che è stato dimostrato che un trattamento antivirale per Covid-19, che prende di mira il virus e non il corpo, riduce il rischio di morte nei pazienti ospedalizzati.

Nei giorni scorsi, Regeneron ha affermato che utilizzerà immediatamente i dati per cercare di espandere la sua autorizzazione all’uso di emergenza esistente negli Stati Uniti, dove viene utilizzato per i pazienti ambulatoriali a rischio di sviluppare malattie gravi.

Il trattamento non ha offerto alcun beneficio per i pazienti che avevano sviluppato una risposta anticorpale naturale, che secondo i ricercatori potrebbe aiutare a dirigere facilmente la terapia a coloro che ne hanno più bisogno.

La professoressa Fiona Watt, che presiede il Medical Research Council, finanziatore parziale dello studio, ha elogiato questa scoperta, affermando che consentirà ai fornitori di dare la priorità al trattamento a quei pazienti che possono beneficiare della terapia.

Sir Martin Landray, professore di medicina ed epidemiologia all’Università di Oxford e responsabile congiunto dello studio, ha dichiarato: “Ora sappiamo che questa combinazione di anticorpi non è solo dannosa per il virus, ma è anche buona per i pazienti più gravi che non sono riusciti a sviluppare una propria risposta immunitaria adeguata“. Questa è un’ottima notizia: è la prima volta che è stato dimostrato che un trattamento antivirale salva vite nei pazienti ospedalizzati Covid-19.

Sebbene sia stata dedicata molta attenzione allo sviluppo e alla somministrazione con successo di vaccini per prevenire le malattie, gli sforzi per trovare modi per trattare i pazienti infetti da Covid-19 si sono rivelati deludenti.

Uno steroide poco costoso, il desametasone, e un antinfiammatorio, il tocilizumab, possono entrambi ridurre la mortalità nei pazienti ospedalizzati, ma si concentrano sull’affrontare la risposta dell’organismo al virus e non al virus stesso.

Le terapie anticorpali come quella di Regeneron e quella prodotta da Eli Lilly hanno ricevuto la massima attenzione in termini di lotta al virus ma, mentre hanno dimostrato di aiutare a prevenire il ricovero in ospedale dei pazienti, le prove dei benefici per pazienti giàospedalizzati sono state limitate.

Questi risultati potrebbero rivitalizzare l’interesse nel campo per trattamenti efficaci per Covid-19, che sono ancora necessari nonostante il lancio globale di vaccini.

La terapia anticorpale di AstraZeneca ha dimostrato di non essere in grado di prevenire i sintomi nelle persone esposte a Covid-19 in uno studio pubblicato martedì.

Molti ricorderanno che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump fu sottoposto ad un’infusione dell’allora trattamento anticorpale sperimentale di Regeneron come “misura precauzionale” dopo la sua diagnosi di Covid-19.

Trump ha spesso propagandato la terapia come una “cura” e ha promesso di renderla disponibile gratuitamente a tutti gli americani.

Negli Stati Uniti, a tutt’oggi, la terapia di Regeneron non è né classificata come una cura né disponibile gratuitamente agli americani.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

In Tendenza

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Articoli correlati

Popular Categories