Una controversa teoria afferma che la coscienza umana è… elettromagnetica

Si potrebbe spiegare la coscienza umana con semplici onde elettromagnetiche? Uno scienziato improbabilmente dualista crede di sì e suggerisce che la mente umana sia una combinazione di materia fisica e campo elettromagnetico. Questa è una grande domanda e la risposta proposta è controversa.

Johnjoe McFadden dell’Università di Oxford postula che “la coscienza sia in realtà il campo energetico del cervello“, secondo un documento rilasciato dall’università, rendendo il dualismo di McFadden una questione di materia ed energia, dice l’istituzione, non la classica distinzione “corpo e mente“.

Nel corso della storia, i filosofi di tutto il mondo hanno cercato di spiegare la natura apparentemente speciale degli esseri umani nel mondo o anche, alcuni temono, l’intero universo.

Da dove derivano la nostra autoconsapevolezza e la sensibilità?

La coscienza per i dualisti

Le persone che credono che tutto sia fisicamente presente e causato sono chiamate materialiste, il che significa che non c’è niente che non possa essere misurato: ciò che vedi e tocchi è ciò che sono gli umani. I dualisti invece credono che ci sia qualcosa in più.

La mente, dicono i dualisti, è in qualche modo separata. Ciò potrebbe significare un’anima vivente separata, incommensurabile, che vive dopo la morte, oppure potrebbe essere “semplice” come il suggerimento di un colore in più che gli esseri umani non possono vedere in quanto riferito alla coscienza.

L’idea di un paralume scientifico sul dualismo mente-corpo non è certo nuova, ma la ricerca di McFadden, pubblicata sulla rivista Neuroscience of Consciousness, è l’ultima a cercare di sposare i campi.

Sostengo che quasi tutti gli esempi delle cosiddette ‘informazioni integrate’, inclusa l’elaborazione delle informazioni neuronali e il calcolo convenzionale, sono solo temporalmente integrati nel senso che gli output sono correlati a più input: l’integrazione delle informazioni è implementata nel tempo, piuttosto che spazio, e quindi non può corrispondere a informazioni fisicamente integrate. Sottolineo che solo i campi energetici sono in grado di integrare le informazioni nello spazio“.

Fondamentalmente, McFadden sta dicendo che non crede che le strutture fisiche all’interno del cervello spieghino come le informazioni si estendano attraverso le nostre “menti” e formino idee integrate. Questo, dice, deve accadere all’interno del mezzo aggiunto del campo elettromagnetico del cervello.

E tutto questo, afferma McFadden, è supportato da esperimenti sulla natura dell’attività cerebrale. Questo, chiaramente, suona azzardato, ma McFadden è un genetista molecolare e sta seguendo la secolare tradizione di introdurre le più recenti conoscenze in assoluto in una nuova teoria di ciò che ci rende umani. “Ciò significa che finché il cervello umano è vivo“, dice McFadden, “genera un bagliore elettrico in cui sta accadendo la vera roba umana“. E la parte migliore è che la sua teoria è verificabile in laboratorio.

Ci sono ovviamente molte domande senza risposta, come il grado e l’estensione della sincronia richiesta per codificare pensieri coscienti, l’influenza di farmaci o anestetici sul campo cemi o se i campi cemi sono causalmente attivi nel cervello degli animali“, spiega nel documento. “Eppure la teoria cemi fornisce un nuovo paradigma in cui la coscienza è radicata in una struttura fisica interamente fisica, misurabile e artificialmente malleabile ed è suscettibile di test sperimentali“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Il cervello dei bambini potrebbe mostrare come sesso e genere siano diversi

Sesso e genere sono spesso confusi o equiparati nelle...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Articoli correlati

Popular Categories