Tempo libero: è un bene averne tanto?

Hai più tempo libero della maggior parte della gente? Fai attenzione a come lo usi, poiché una nuova ricerca suggerisce che avere più di due ore di tempo libero al giorno non è una garanzia per il benessere, e ciò che conta di più è come le spendi.

Lo studio è stato condotto da Marissa Sharif, ricercatrice di marketing presso l’Università della Pennsylvania, lo studio ha elaborato i dati di una serie di sondaggi ed esperimenti online per esaminare la relazione tra i livelli di tempo libero e il benessere personale.

La valorizzazione del tempo libero

La ricerca passata mostra che la valorizzazione del tempo rispetto al denaro e la spesa per acquistare più tempo libero, sono entrambi collegati a una maggiore felicità. Sharif e colleghi si sono chiesti se avere una gran quantità di tempo libero avrebbe fatto sentire meglio anche le persone.  

Sentirsi a corto di tempo ha il suo prezzo: non avere abbastanza tempo libero per riposare, ricaricarsi e dedicarsi al divertimento ricreativo, fa sentire le persone oberate di lavoro e stressate; basta chiedere a qualsiasi professionista della salute o lavoratore essenziale dell’attuale pandemia globale.

“I nostri risultati suggeriscono che finire con interi giorni liberi da riempire a propria discrezione può lasciare una persona altrettanto infelice“, affermano Sharif e colleghi.  

“Con troppo tempo discrezionale, le persone possono dedurre la mancanza di produttività e scopo, sentendosi così meno felici e meno soddisfatte nelle loro vite”.

I dati su circa 21.700 adulti americani raccolti tra il 2012 e il 2013, hanno mostrato che il benessere aumenta con più tempo libero, ma solo fino a un certo punto; questa tendenza è stata replicata in un secondo set di dati di quasi 14.000 lavoratori americani intervistati tra il 1992 e il 2008.

Quindi, oltre ad avere due ore di tempo libero in un giorno, più tempo non promette maggiore felicità, sostengono i ricercatori. Il benessere è diminuito quando le persone hanno riferito di avere più di cinque ore di tempo libero al giorno, secondo lo studio.

“Questi risultati suggeriscono che avere troppo tempo discrezionale mina il senso di produttività e scopo delle persone, lasciandole così complessivamente meno soddisfatte”scrivono Sharif e colleghi .

Tuttavia, dipende molto da come le persone trascorrono il loro tempo libero, come hanno dimostrato ulteriori esperimenti. Se le persone affermavano di aver trascorso il loro tempo discrezionale in modi proficui – in attività produttive o sociali che i ricercatori descrivono come “fisicamente o mentalmente coinvolgenti” – la tendenza negativa di avere “troppo” tempo era più debole.

“La ricerca evidenzia in modo importante che il numero di ore giornaliere che un individuo ha a disposizione da spendere come preferisce, così come il modo in cui allocano quelle ore, è fondamentale per il benessere”, affermano i ricercatori.

Ma nonostante i grandi numeri, alcuni dei dati dell’indagine sono piuttosto datati (da prima dei social media), da un paese (di maniaci del lavoro ), e gli studi sperimentali hanno chiesto alle persone di immaginare come si sarebbero sentiti con più o meno tempo libero , speso in vari modi.

Per quanto riguarda lo sweet spot tra le due e le cinque ore, “questi importi sono inesatti e si basano semplicemente sull’osservazione di un grafico, che rappresenta un set di dati e raggruppa molti tipi di individui in base alla quantità di tempo ciascuno speso in attività discrezionali in un dato giorno “, avvertono gli autori dello studio .

Ma possiamo ancora imparare qualcosa dall’essere attenti a come trascorriamo il tempo inattivo, mostrano altre ricerche.

Invece di scorrere i social media, l’utilizzo di piccole tasche di tempo libero sparse durante le giornate impegnative per connettersi con amici o familiari, aumentare la frequenza cardiaca o lasciare vagare la mente, può portare benefici.

“La connessione costante si traduce paradossalmente in meno tempo libero, e i periodi in cui siamo in grado di pensare senza interruzioni offrono un prezioso rifugio dalle esigenze della vita quotidiana”, hanno scritto il sociologo Rowland Atkinson e la ricercatrice di marketing Mariann Hardey per The Conversation.

D’altra parte, avere un accesso di attività divertenti può portare le persone ad assaporarle di menoQuindi, come suggerisce questo nuovo studio, si tratta di trovare il giusto equilibrio tra le ore dedicate al lavoro produttivo e significativo e alla ricreazione ristoratricel’equilibrio finale potrebbe variare da persona a persona.

Sharif e colleghi sperano che il loro studio stimoli future indagini su domande di ricerca più precise, osservando che ci sono “una sfilza di altre variabili che giocano nella valutazione complessiva delle persone sulla loro soddisfazione nella vita”. Il modo in cui trascorriamo il nostro tempo è solo uno.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Offerte Amazon: piastre per capelli super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Starliner: gli astronauti non sono in pericolo

I due astronauti della NASA che a giugno 2024...

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Un evento di estinzione di massa 233 milioni di anni fa innescò l’alba dei dinosauri

Una nuova ricerca ha rivelato che 233 milioni di anni fa vi fu un evento di estinzione di massa che cambiò il pianeta uccidendo molti dei tetrapodi dominanti, preparando l'alba dei dinosauri.

Articoli correlati

Popular Categories