Svolta contro COVID-19: identificati anticorpi che potrebbero rendere superflui i vaccini contro il coronavirus

I ricercatori dell'Università di Tel Aviv hanno isolato due anticorpi che neutralizzano tutti i ceppi conosciuti di COVID-19 , incluso Omicron, con un'efficienza fino al 95%

223
Svolta contro COVID-19: identificati anticorpi che potrebbero rendere superflui i vaccini contro il coronavirus
Svolta contro COVID-19: identificati anticorpi che potrebbero rendere superflui i vaccini contro il coronavirus

Una svolta scientifica contro il COVID-19 è stata realizzata dall’Università di Tel Aviv. Un team di ricercatori dell’università ha dimostrato che gli anticorpi isolati dal sistema immunitario dei pazienti guariti da COVID-19 sono efficaci nel neutralizzare tutti i ceppi conosciuti del virus. Ciò include le varianti Delta e Omicron.

Questa scoperta potrebbe eliminare la necessità di ripetute vaccinazioni di richiamo e rafforzare il sistema immunitario delle popolazioni a rischio, secondo i ricercatori.

La ricerca è stata condotta dalla dott.ssa Natalia Freund e gli studenti di dottorato Michael Mor e Ruofan Lee del Dipartimento di microbiologia clinica e immunologia della Facoltà di medicina di Sackler. Lo studio è stato condotto in collaborazione con il dottor Ben Croker dell’Università della California San Diego (UCSD). Allo studio hanno preso parte anche il Prof. Ye Xiang della Tsinghua University di Pechino, il Prof. Meital Gal-Tanamy e il Dr. Moshe Dessau dell’Università Bar-Ilan. Lo studio è stato pubblicato il 5 agosto sulla rivista Nature Communications Biology.

Questo studio è la continuazione di uno studio preliminare condotto nell’ottobre 2020, al culmine della crisi COVID-19. A quel tempo, la dott.ssa Freund e i suoi colleghi hanno sequenziato tutte le cellule B del sistema immunitario dal sangue di persone in Israele che si erano riprese dal ceppo COVID originale. Hanno isolato nove anticorpi prodotti dai pazienti. Gli scienziati hanno ora scoperto che alcuni di questi anticorpi sono eccezionalmente efficaci nel neutralizzare le nuove varianti di coronavirus, Delta e Omicron.

Dr. Freund: “Nello studio precedente, abbiamo dimostrato che i vari anticorpi che si formano in risposta all’infezione con il virus originale sono diretti contro diversi siti del virus. Gli anticorpi più efficaci sono quelli che si legano alla proteina “spike” del virus, nello stesso punto in cui la punta si lega al recettore cellulare ACE2. Naturalmente, non siamo stati gli unici a isolare questi anticorpi, e il sistema sanitario globale ne ha fatto ampio uso fino all’arrivo delle diverse varianti del coronavirus, che di fatto hanno reso la maggior parte di quegli anticorpi inutili”.

Nel presente studio, abbiamo dimostrato che altri due anticorpi, TAU-1109 e TAU-2310, legano la proteina spike virale in un’area diversa dalla regione in cui la maggior parte degli anticorpi si concentra (e, quindi, sono meno efficaci contro le varianti) sono in realtà molto efficaci nel neutralizzare le varianti Delta e Omicron. Secondo i nostri risultati, l’efficacia del primo anticorpo, TAU-1109, nel neutralizzare il ceppo Omicron è del 92% e nel neutralizzare il ceppo Delta, del 90%. Il secondo anticorpo, TAU-2310, neutralizza la variante Omicron con un’efficacia dell’84% e la variante Delta con un’efficacia del 97%.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il dottor Freund ritiene che la sorprendente efficacia di questi anticorpi potrebbe essere correlata all’evoluzione del virus.

L’infettività del virus aumenta con ogni variante perché ogni volta cambiava la sequenza amminoacidica della parte della proteina spike che si lega al recettore ACE2, aumentandone così l’infettività ed eludendo allo stesso tempo gli anticorpi naturali che venivano creati a seguito di vaccinazioni. Al contrario, gli anticorpi TAU-1109 e TAU-2310 non si legano al sito di legame del recettore ACE2, ma a un’altra regione della proteina spike – un’area dello spike virale che per qualche motivo non subisce molte mutazioni – e sono quindi efficaci nel neutralizzare più varianti virali. Questi risultati sono emersi quando abbiamo testato tutti i ceppi COVID conosciuti fino ad oggi”.

I due anticorpi, clonati nel laboratorio del Dr. Freund all’Università di Tel Aviv, sono stati inviati per test per verificarne l’efficacia contro virus vivi in ​​colture di laboratorio presso l’Università della California a San Diego (UCSD). Sono stati inoltre testati contro gli pseudovirus nei laboratori della Facoltà di Medicina dell’Università Bar-Ilan in Galilea. In entrambi i test, i risultati sono stati identici e ugualmente incoraggianti.

Questi anticorpi possono portare una vera rivoluzione nella lotta contro il COVID-19 secondo il Dr. Freund.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dobbiamo guardare alla pandemia di COVID-19 nel contesto di precedenti focolai di malattie a cui l’umanità ha assistito. Le persone che sono state vaccinate contro il vaiolo alla nascita e che oggi hanno 50 anni hanno ancora gli anticorpi, quindi probabilmente sono protette, almeno in parte, dal virus del vaiolo delle scimmie di cui abbiamo sentito parlare di recente”.

Purtroppo, questo non è il caso del coronavirus. Per ragioni che non comprendiamo ancora del tutto, il livello di anticorpi contro COVID-19 diminuisce significativamente dopo tre mesi, motivo per cui vediamo persone infettarsi ancora e ancora, anche dopo essere state vaccinate tre volte”.

A nostro avviso, il trattamento mirato con anticorpi e la loro somministrazione all’organismo in alte concentrazioni può servire come un efficace sostituto di ripetuti richiami, specialmente per le popolazioni a rischio e quelle con un sistema immunitario indebolito. L’infezione da COVID-19 può causare gravi malattie e sappiamo che fornire anticorpi nei primi giorni dopo l’infezione può fermare la diffusione del virus. È quindi possibile che, utilizzando un trattamento anticorpale efficace, non dovremo fornire dosi di richiamo all’intera popolazione ogni volta che si afferma una nuova variante“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Riferimento: “Conformational flexibility in neutralization of SARS-CoV-2 by naturally elicited anti-SARS-CoV-2 antibodies” di Ruofan Li, Michael Mor, Bingting Ma, Alex E. Clark, Joel Alter, Michal Werbner, Jamie Casey Lee, Sandra L. Leibel, Aaron F. Carlin, Moshe Dessau, Meital Gal-Tanamy, Ben A. Croker, Ye Xiang e Natalia T. Freund, 5 agosto 2022, Biologia della comunicazione .
DOI: 10.1038/s42003-022-03739-5