Sviluppato un nuovo modo di studiare la Via Lattea

Un team di astronomi dell’Università di Lund ha sviluppato un nuovo modo per studiare l’evoluzione del cosmo utilizzando uno spettrometro ultrasensibile, originariamente progettato per rilevare l’origine dell’itterbio nella Via Lattea. Lo riporta EurekAlert.

L’interesse degli scienziati per l’itterbio è causato dalla necessità di studiare l’aspetto di questo elemento nello spazio. Inizialmente, c’erano due ipotesi: la prima diceva che l’itterbio provenisse da stelle massicce con un breve periodo di vita, e la seconda che fosse apparso dopo l’esplosione di supernove. Dopo aver studiato gli spettri di 30 stelle situate vicino al Sole, gli esperti sono giunti alla conclusione che molto probabilmente si è verificato secondo lo scenario descritto nella seconda ipotesi, ossia, che sia apparso dopo l’esplosione di supernove.

Gli astronomi hanno potuto svolgere questo lavoro grazie a un nuovo spettrometro ultrasensibile in grado di rilevare la luce infrarossa in alta risoluzione. Gli autori dello studio ritengono che con questo metodo abbiano grandi opportunità di studiare la Via Lattea e l’evoluzione del cosmo, che è circondato da una grande quantità di polvere impenetrabile ai telescopi.

Nel febbraio 2022, gli esperti francesi del National Accelerator Laboratory SLAC e dell’Università di Paris-Saclay hanno scoperto che la materia oscura che passa attraverso una stella può generare onde d’urto che raggiungono la superficie della stella, dove possono essere rilevate da strumenti astrofisici.

Potrebbe interessarti:

La fusione che ha portato alla formazione della Via Lattea – video

Via Lattea: i suoi misteriosi “filamenti radio”

Nella Via Lattea potrebbero esistere stelle fatte di antimateria

Via Lattea: rilevato un filamento di idrogeno lungo 3.900 anni luce-video

Le abitudini alimentari della Via Lattea fanno luce sulla materia oscura

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Marte ha avuto un passato freddo e ghiacciato

La questione se Marte abbia mai ospitato la vita...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Articoli correlati

Popular Categories