Studio genetico sui supercentenari rivela perchè alcuni hanno un invecchiamento sano

La ricerca ha dimostrato che coloro che vivono oltre i 100 anni tendono ad avere un invecchiamento sano. È meno probabile che siano stati ricoverati in ospedale in età precoce e sembra che evitino molte condizioni legate all'età che la maggior parte delle persone combatte tra gli 80 o i 90 anni, come le malattie cardiache o la neurodegenerazione

0
741
Indice

Nello studio genomico più dettagliato mai condotto su individui di età superiore ai 100 anni, i ricercatori si sono concentrati su diverse caratteristiche genetiche particolari che sembrano conferire protezione dalle malattie legate all’età. Le varianti geniche che migliorano i processi di riparazione del DNA sono particolarmente importanti in questa coorte di supercentenari.

Se mangi bene, fai esercizio fisico frequentemente ed eviti i vizi dannosi, puoi ragionevolmente sperare di vivere una vita lunga e sana. Certo, molte malattie legate all’età sembrano quasi inevitabili, sia che ti raggiungano nei tuoi anni ’80 o nei tuoi anni ’90. Ma alcune persone mostrano una propensione all’estrema longevità, vivendo in modo sano ben oltre i 100 anni.

La ricerca ha dimostrato che coloro che vivono oltre i 100 anni tendono ad avere un invecchiamento sano. È meno probabile che siano stati ricoverati in ospedale in età precoce e sembra che evitino molte condizioni legate all’età che la maggior parte delle persone combatte tra gli 80 o i 90 anni, come le malattie cardiache o la neurodegenerazione.

Questo nuovo studio presenta un’indagine completa su 81 semi-supercentenari (di età superiore a 105 anni) e supercentenari (di età superiore a 110 anni). I ricercatori hanno anche confrontato questa coorte con un gruppo di soggetti sani e geograficamente abbinati di età compresa tra i 60 ei 60 anni. L’obiettivo era distinguere geneticamente quelle persone generalmente sane intorno ai 60 anni da quelle supercentenarie estremamente sane.

Cinque particolari cambiamenti genetici sono stati comunemente rilevati nella coorte supercentenaria, concentrati attorno a due geni chiamati STK17A e COA1.



È noto che STK17A è coinvolto nei processi di risposta al danno al DNA. Con l’avanzare dell’età, i meccanismi di riparazione del DNA del corpo diventano meno efficaci. È noto che il danno accumulato al DNA è responsabile di alcuni segni di invecchiamento, quindi una maggiore espressione di STK17A può favorire un invecchiamento sano preservando i processi di riparazione del DNA nella vecchiaia.

È stata anche rilevata una ridotta espressione di COA1 nei supercentenari. Questo gene svolge un ruolo nelle comunicazioni tra il nucleo di una cellula e i mitocondri.

Studi precedenti hanno dimostrato che la riparazione del DNA è uno dei meccanismi che consentono una durata di vita estesa tra le specie“, spiega l’autore senior del nuovo studio, Cristina Giuliani. “Abbiamo dimostrato che questo è vero anche all’interno degli esseri umani, ed i dati suggeriscono che la diversità naturale nelle persone che raggiungono gli ultimi decenni di vita sono, in parte, legate alla variabilità genetica che conferisce ai semi-supercentenari la peculiare capacità di gestire efficacemente i danni cellulari durante il loro corso di vita“.

I ricercatori hanno anche scoperto che i supercentenari mostrano un livello inaspettatamente basso di mutazioni geniche somatiche, che sono le mutazioni che tutti noi generalmente accumuliamo quando invecchiamo. Non è chiaro il motivo per cui questi soggetti più anziani abbiano evitato l’aumento esponenziale correlato all’età di solito osservato con questo tipo di mutazioni.

I nostri risultati suggeriscono che i meccanismi di riparazione del DNA e un basso carico di mutazioni in geni specifici sono due meccanismi centrali nella protezione delle persone che hanno raggiunto un’estrema longevità dalle malattie legate all’età  , afferma Claudio Franceschi, un altro autore senior dello studio.

La nuova ricerca è stata pubblicata sulla rivista eLife.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

2