Come il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte seconda)

Come siamo arrivati all'ammissione da parte del Pentagono che UFO e UAP sono fenomeni reali cui i militari si stanno interessando? Ricostruiamo la storia in questo lungo articolo a puntate

Indice

(segue da parte prima)

Condon, che ha annunciato molto prima che lo studio fosse completo che gli UFO erano un vero e proprio schifo, ha scritto il sommario del rapporto e la sua sezione “Conclusioni e raccomandazioni“. Sembrava avere solo una minima familiarità con le altre novecento pagine del rapporto. Come ha detto, “un’attenta considerazione del record così come è a nostra disposizione ci porta a concludere che ulteriori studi approfonditi sugli UFO probabilmente non possono essere giustificati nell’aspettativa che la scienza possa progredire in tal modo.

Nel 1972, Hynek pubblicò “The UFO Experience: A Scientific Inquiry“, un pungente post-mortem sul Blue Book e il Condon Report, e un progetto per la ricerca sistematica. 

Il compito del progetto Blue Book non era quello di cercare di spiegare gli UFO, scrisse; piuttosto, era stato per spiegarli alla gente. Il Rapporto Condon, che si concentrava sul smentire qualsiasi congettura sulle astronavi aliene, era anche peggio. Ciò che era invece richiesto era un approccio agnostico, uno sbilanciato né a favore delle astronavi extraterrestri né del tempo atmosferico o di Venere. 

Gli UFO non erano identificati per definizione. Ma, come scrive Kean nel suo libro, il Condon Report ha autorizzato scienziati e funzionari a guardare dall’altra parte; nel frattempo, “i media potevano prendere in giro gli UFO o relegarlialla fantascienza“. Il gruppo Robertson era finalmente riuscito nella sua missione: “L’età d’oro delle indagini ufficiali, delle udienze del Congresso, delle conferenze stampa, uno studio scientifico indipendente, potenti gruppi di cittadini, libri di successo e storie di copertine di riviste era giunta al termine“. Hynek fondò un’organizzazione indipendente per continuare le sue ricerche, ma morì, a settantacinque anni, nel 1986, senza aver alterato il corso dell’opinione pubblica.

Una volta che fu chiaro che gli UFO sarebbero stati il ​​lavoro della sua vita, Kean decise di allearsi con la tradizione di ricerca di cui Hynek aveva aperto la strada. Agli ufologi piaceva soffermarsi su certi incontri storici, come Roswell, in cui ogni prova concreta che poteva essere esistita una volta era diventata irrimediabilmente intrecciata con la mitologia. 

Kean scelse di concentrarsi sui “casi veramente buoni” che erano stati segnalati dalla chiusura del Blue Book, compresi quelli che coinvolgevano osservatori professionisti, come i piloti, e idealmente più testimoni; quelli che erano stati convalidati con foto o tracce radar; e soprattutto quelli in cui gli esperti avevano eliminato altre interpretazioni. 

Un caso che ha studiato ha coinvolto un incidente spettrale in Inghilterra nel 1980, noto come la “Roswell britannica“, in cui diversi ufficiali dell’aeronautica americana hanno affermato di aver osservato un UFO a distanza ravvicinata appena fuori della base RAF Bentwaters, nella foresta di Rendlesham. 

I dettagli dell’incidente così come è descritto nel libro di Kean sono a dir poco sensazionali. Un testimone, il sergente James Penniston, ha detto di essersi avvicinato abbastanza a un silenzioso velivolo triangolare per sentire la sua carica elettrica e notare i disegni simili a geroglifici incisi sulla sua superficie.

Kean ha sempre evitato la parola “rivelazione”, ma era chiaro che, nonostante il Rapporto Condon, il governo aveva nascosto un persistente interesse per gli UFO.

Nel 1976, il maggiore Parviz Jafari, comandante di squadriglia dell’aeronautica iraniana, fu inviato in un jet F-4 per intercettare un diamante luminoso fuori Teheran, vicino al confine sovietico. In un contributo al libro di Kean, Jafari ha scritto che, mentre si avvicinava all’oggetto, “lampeggiava con intense luci rosse, verdi, arancioni e blu così luminose che non ero in grado di vedere il suo corpo“. Le sue armi e le comunicazioni radio si erano bloccate. 

Fonti dell’intelligence americana in Iran hanno descritto l’incidente in un promemoria di quattro pagine riservato a Washington. Kean ha letto una valutazione allegata al documento, scritta dal colonnello Roland Evans: “Un rapporto eccezionale. Questo caso è un classico, che soddisfa tutti i criteri necessari per uno studio valido del fenomeno UFO“. 

Nel 2002, Larry Landsman, il direttore dei progetti per Sci Fi Channel (ora Syfy), invitò Kean a guidare un ampio “sforzo pubblico alla ricerca di nuovi documenti governativi su un caso UFO ben documentato“, uno in grado di fornire materiale per una trasmissione speciale. 

I produttori di Sci Fi hanno assunto avvocati, ricercatori e un gruppo di pubbliche relazioni, la società PodestaMattoon con sede a Washington. Edwin S. Rothschild, all’epoca il capo del settore energia e ambiente di PodestaMattoon, ricordò di aver detto a Kean: “La maggior parte delle persone potrebbe anche pensare che ci sia qualcosa là fuori, ma ci sono anche persone che pensano che, se inizi a parlarne, sei un pazzo“. Ha continuato: “Abbiamo dovuto tracciare una linea netta tra le persone prive di credibilità e quelle che ce l’hanno“.

Kean ha selezionato un incidente avvenuto a Kecksburg, in Pennsylvania, un villaggio rurale a sud-est di Pittsburgh, il 9 dicembre 1965, in cui un oggetto delle dimensioni di un Maggiolino Volkswagen era precipitato. Secondo diversi testimoni, la massa a forma di ghianda era stata rimossa dai boschi su un camion a pianale mentre membri armati dei servizi segreti sorvegliavano l’area. 

Kean ha presentato richieste al Freedom of Information Act per i file della nasa, inclusi alcuni che riteneva contenessero informazioni sui detriti che erano stati recuperati dalla scena. la nasa ha affermato che i documenti pertinenti erano scomparsi nel 1987.

Dopo un appello infruttuoso, Kean ha intentato una causa contro la nasa per forzarne la conformità. Rothschild ha presentato Kean a John Podesta, L’ex capo dello staff del presidente Clinton, che aveva un noto interesse sia per la trasparenza del governo che per gli UFO.

Podesta, accettò di sostenere pubblicamente la causa. Il caso si trascinò per quattro anni, finché non si chiuse un accordo. Kean ha ricevuto centinaia di documenti in gran parte irrilevanti. Podesta ha detto: “C’era una storia vera. Si sono semplicemente rifiutati di riconoscere ciò che era realmente accaduto. Ero perfettamente disposto a credere che fossero i detriti di un satellite sovietico che non volevamo restituire, ma non c’era nulla che fornisse chiarezza e dopo quarant’anni non c’era motivo plausibile per loro di non parlare. Dovevano dire cosa che pensavano che fosse“.

Come ha scoperto Kean, un’eredità di paranoia e ostruzionismo della Guerra Fredda ha continuato a tormentare la questione degli UFO. Il 7 novembre 2006, un disco rotante dall’aspetto metallico è stato visto sospeso a circa millecinquecento piedi sopra il Gate C17 dell’aeroporto O’Hare di Chicago. L’oggetto rimase sospeso per diversi minuti prima di accelerare verso l’alto e lasciare un cerchio quasi perfetto nello strato di nuvole dove si trovava il velivolo, come disse successivamente un testimone anonimo. 

Quando il Chicago Tribune ha pubblicato un resoconto dell’avvistamento l’articolo risultò il più letto sul sito web del giornale. Inizialmente, la Federal Aviation Administration ha negato di avere informazioni sull’incidente, ma la pressione dei media ha portato alla luce una conversazione telefonica registrata tra un supervisore della United Airlines e un controllore del traffico aereo. 

Nella registrazione, il supervisore, di nome Sue, chiede: “Ehi, hai visto un disco volante fuori dal C17?” Viene accolta da una risata udibile. “Un volo. . . vedi dischi volanti?” chiede il controllore. Sue risponde: “Bene, questo è quello che ci ha detto un pilota nell’area della rampa al C17“. C’è una pausa. “Festeggi il Natale oggi?” il controllore chiede, poi continua: “Non ho visto niente, Sue, e se lo facessi non lo ammetterei“.

La FAA ha affermato che doveva essere una “nuvola perforante“, una nuvola di cirrocumuli o altocumuli perfettamente perforata con uno spazio circolare, che occasionalmente appare a temperature sotto lo zero. Secondo i meteorologi che Kean ha intervistato, quel giorno faceva troppo caldo perché si formassero nuvole di quel genere. L’episodio ha suscitato l’indignazione di Kean. Come ha scritto nel suo libro, “Quelli che diffondono i fatti riguardanti l’incidente O’Hare continuano a diffidare il nostro governo, che ha dimostrato, ancora una volta, che preferisce evitare di trattare con incidenti UFO, a tutti i costi.”

Kean ha cercato all’estero casi trattati con maggiore apertura mentale. Lunedì 23 aprile 2007, un aereo da diciotto passeggeri della Aurigny Air Services è partito da Southampton, in Inghilterra, per un volo di routine per Alderney, una delle Isole del Canale. Il comandante, Ray Bowyer, era un pilota professionista da diciotto anni. Nel decennio precedente, aveva sorvolato la Manica per quaranta minuti più di mille volte. Quel giorno in particolare, l’aereo decollò come previsto e si arrampicò attraverso uno strato di foschia poco profonda prima di raggiungere l’altitudine di crociera. Bowyer ha attivato il pilota automatico e ha rivolto la sua attenzione ad alcune scartoffie.

Alle 2:06 pm Bowyer guardò in alto per scoprire una luce gialla scintillante proprio davanti a sé. All’inizio pensò che fosse la luce del sole che si rifletteva sulle serre di vetro dell’industria del pomodoro di Guernsey, ma la luce non tremolava. Bowyer prese il binocolo. A un ingrandimento di dieci volte, il bagliore giallo assumeva il contorno di un oggetto corporeo. Aveva una forma lunga, sottile, a forma di sigaro, con bordi affilati e estremità appuntite, come una ruota vista di profilo. Era fermo e irradiava una brillantezza che era “difficile da descrivere“, scrisse in seguito Bowyer, ma “era in grado di guardare questa luce fantastica senza disagio“. 

Qualche istante dopo, vide un secondo oggetto, che sembrava muoversi in formazione con il primo. Il passeggero seduto dietro Bowyer, il cui nome non è stato reso pubblico, si protese in avanti per prendere in prestito il binocolo. Tre file indietro, Kate Russell, un residente di Alderney, alzò gli occhi dal suo libro e lei e suo marito videro entrambi gli oggetti “color luce solare“. 

Quando il volo è atterrato ad Alderney, Bowyer ha presentato i dettagli alla Civil Aviation Authority britannica, che dispone di un sistema di segnalazione delle occorrenze obbligatorie, incluso uno schizzo di ciò che aveva visto. Secondo la sua opinione professionale, gli oggetti avevano all’incirca le dimensioni di una “città ragionevolmente grande“.

I giornali locali hanno fatto riferimento a ” X-Files ” e la CAA ha rifiutato di fornire ulteriori informazioni. Un certo numero di richieste del Freedom of Information Act sono state presentate da alcuni ufologi. Una settimana dopo l’avvistamento, il Ministero della Difesa del Regno Unito ha concluso che, poiché la posizione di volo segnalata era nello spazio aereo francese, un’identificazione definitiva non era problema del governo. 

Tuttavia, tre settimane dopo, il ministero britannico ha rilasciato la documentazione disponibile, un pacchetto che includeva dati radar corroboranti da un controllore del traffico aereo sulla vicina isola di Jersey e una dichiarazione di un secondo pilota commerciale nelle vicinanze, che aveva visto gli oggetti da una direzione diversa.

Dieci mesi dopo, David Clarke, un noto scettico sugli UFO, insieme a tre collaboratori, pubblicò un audit. Il “Report on Aerial Phenomena Observed Near the Channel Islands, UK, April 23 2007“, redatto con la collaborazione di dozzine di esperti del settore – meteorologi, oceanografi, portuali – e vari istituti francesi e ministeri britannici, culminante in sedici ipotesi prevalenti, classificate in base alla plausibilità. In gran parte sono state escluse aberrazioni atmosferiche come cani solari e nuvole lenticolari, e un fenomeno sismologico estremamente raro e poco compreso noto come “luci da terremoto“, che si esprime in aurore o sfere bluastre. Il rapporto concludeva: “In sintesi, non siamo in grado di spiegare gli avvistamenti UAP in modo soddisfacente“.

Subito dopo l’incontro con Alderney, Kean ha iniziato a lavorare con James Fox, il regista del documentario “The Phenomenon“, per organizzare un evento al National Press Club. Lei e Fox hanno scelto una data che coincideva più o meno con il primo anniversario dell’avvistamento di O’Hare. 

Tra i quattordici oratori c’erano il Maggiore Jafari, quello del “duello aereo su Teheran“, e il Capitano Bowyer, che Kean ha incoraggiato a esporre sulle differenze che aveva osservato tra il trattamento ufficiale degli incontri UFO nel Regno Unito e negli Stati Uniti “resterei scioccato se mi venisse detto che la CAA ha ostacolato un’indagine, o se la CAA mi dicesse che ciò che avevo visto era qualcosa di completamente diverso“, ha detto Bowyer, confrontando la sua esperienza con l’episodio di O’Hare. “Ma sembra che i piloti in America siano abituati a questo genere di cose, per quanto ne so“.

Nessuno degli oratori ha fatto menzione a Roswell, corpi alieni, ingegneria inversa o insabbiamenti governativi. Nei due anni successivi, Kean raccolse i loro racconti e altri rapporti per il suo libro. In esso, ha sostenuto che, per ragioni di sicurezza e protezione, e per incoraggiare le persone che hanno visto cose particolari nel cielo a parlare, il governo aveva bisogno di una sorta di agenzia UFO centralizzata. 

Molti altri paesi avevano seguito l’esempio della Francia e avevano declassificato e pubblicato file UFO (Regno Unito, Danimarca, Brasile, Russia, Svezia) o formato le proprie organizzazioni ufficiali dedicate alla questione (Perù, Cile). Il problema negli Stati Uniti, per come la vedeva Kean, era che iniziative discrete erano state guidate da individui interessati; non c’era un unico punto di smistamento per i dati salienti. Ha incontrato Thomas Kean per discutere dell’UFO questione e la sua proposta per un’agenzia dedicata, nel contesto della sua esperienza come presidente della Commissione 11 settembre. Mi ha detto: “Come molti americani, avevo un’immensa curiosità per gli UFO. Il governo non è stato chiaro su cosa sa“.

Il libro di Kean, che è stato elogiato dal fisico teorico Michio Kaku come “il gold standard per la ricerca sugli UFO“, e al quale John Podesta aveva contribuito con una prefazione, ha migliorato e ampliato la sua influenza. Nel giugno del 2011, Podesta ha invitato Kean a fare una presentazione riservata a un think tank da lui fondato, il Center for American Progress. In piedi accanto a un fisico della Johns Hopkins University e figure militari straniere, Kean ha informato il pubblico – funzionari della nasa , del Pentagono e del Dipartimento dei trasporti, insieme al personale del Congresso e ai funzionari dell’intelligence in pensione – che la sfida era “annullare cinquant’anni di rafforzamento dell’idea degli UAP come folclore e pseudoscienza “.

Podesta ha detto: “Non era un gruppo di persone che sembravano andare a una convention di memorabilia di ‘Guerre Stellari’ – erano persone serie dall’arena della sicurezza nazionale che volevano risposte a questi fenomeni inspiegabili“. Subito dopo l’evento, ha detto, un senatore democratico lo ha invitato per un incontro. “Ho pensato che sarebbe stato su buoni pasto e tagli fiscali o altro, ma a porta chiusa ha detto, ‘Non voglio che nessuno lo sappia, ma sono davvero interessato agli UFO, e so che lo sei anche tu. Allora che ne sai? “

Nell’agosto 2014, Kean ha visitato l’ala ovest per incontrarsi di nuovo con Podesta, che a quel tempo era un consigliere del presidente Obama. Aveva ridimensionato la sua richiesta, proponendo che un singolo individuo nell’Office of Science and Technology Policy fosse incaricato di gestire la questione. Non ne è venuto fuori niente. Era, tuttavia, una figura ben nota nel circuito UFO internazionale e aveva un cordiale rapporto con il Comité de Estudios de Fenómenos Aéreos Anómalos del governo cileno (cefaa). 

Aveva cominciato a raccontare storie dai suoi fascicoli con un’incoscienza atipica. Il lavoro di Kean di questo periodo, pubblicato principalmente sull’Huffington Post, mostra segni di agitazione ed evangelizzazione. Nel marzo del 2012, ha scritto un articolo intitolato “UFO Caught on Tape Over Santiago Air Base“, che si riferiva a un video fornito da cefaa. Kean ha descritto il video in cui si vedeva “un oggetto a forma di cupola, a fondo piatto, senza mezzi di propulsione visibili. . . che volava a velocità troppo alte per non essere artificiale“. 

Per la maggior parte, le persone che non ritengono che gli UFO rappresentino una categoria significativa di studio considerano il punto di vista opposto come un’innocua curiosità. Il mondo è pieno di convinzioni strane e inspiegabili: alcune persone credono che lasciare il collo scoperto in inverno ti faccia ammalare, e altri credono negli UFO. 

Quando Kean ha scritto del video cefaa, i debunker hanno colto al volo l’occasione per sottolineare che l’oggetto nel caso che avevano temuto era con ogni probabilità una mosca domestica o uno scarafaggio che ronzava intorno all’obiettivo della telecamera. Robert Sheaffer, il proprietario di un blog chiamato Bad UFOs, ha scritto nella sua colonna sullo Skeptical Inquirer, “In effetti, il fatto stesso che un video di una mosca che fa loop sia stato citato da alcuni dei migliori UFOlogisti del mondo come tra le migliori immagini di UFO di tutti i tempi rivela quanto siano estremamente leggere anche le migliori foto e video di UFO“. Kean si è consultato con quattro entomologi, che per lo più hanno rifiutato di emettere un giudizio categorico sulla questione, e ha sollecitato la pazienza con le indagini in corso del cefaa .

Uno scettico informato è una cosa molto diversa da uno smascheratore in missione“, ha scritto. “Ci sono molti là fuori che sono in missione per sfatare gli UFO a tutti i costi. Non sono razionali e non sono informati“. Kean pensava che fossero accecati dal fanatismo. Lo scettico Michael Shermer, ad esempio, in una recensione del libro di Kean, aveva pigramente ipotizzato che un’ondata di silenziosi triangoli neri osservata sul Belgio nel 1989 e nel 1990 erano probabilmente bombardieri stealth classificati e sperimentali, nonostante le attestazioni ufficiali del fatto che lo smentivano.

La tendenza a scartare o trascurare i fatti scomodi è una cosa che i debunker e i credenti hanno in comune. Un ostinato ricercatore britannico ha dimostrato in modo convincente che il caso Rendlesham, o Roswell britannico, probabilmente consisteva in una concatenazione di una meteora, un faro percepito attraverso boschi e nebbia, e i suoni inquietanti prodotti da un cervo muntjac. 

I resoconti dei testimoni oculari sono soggetti a ricami considerevoli nel tempo e stringhe di coincidenze improbabili possono essere facilmente trasformate in uno schema occulto da una mente umana incline a fraintendimenti e desiderosa di significato. Il ricercatore aveva demistificato in modo esauriente il caso ma Kean non fu turbata dal suo verdetto. Hynek, in “The UFO Experience“, aveva sostenuto che gli avvistamenti UFO rappresentavano un fenomeno che doveva essere preso in aggregato: centinaia e centinaia di storie incredibili raccontate da persone credibili.

Molti smascheratori degli UFO sono apertamente ostili, ma Mick West ha un modo mite e disarmante, che solo occasionalmente ricorda la deferenza performativa con cui un inserviente potrebbe indurre un paziente a tornare nella sua camicia di forza. È cresciuto in una piccola città nel nord dell’Inghilterra. La sua famiglia non aveva una televisione o un telefono e ha imparato a leggere con la collezione di fumetti Marvel di suo padre. Era molto bravo in matematica e, dopo aver acquistato un primo computer di casa con i suoi guadagni da giornalista, divenne ossessionato dai videogiochi primitivi. 

Da adolescente, all’inizio degli anni Ottanta, amava la fantascienza, e fu stregato da una rivista chiamata The Unexplained: Mysteries of Mind, Space and Time. Il periodico era pieno di storie “vere” sugli UFO e il paranormale: i fantasmi e le creature minacciose della criptozoologia. Di notte giaceva a letto, come scriveva nel suo libro “Escaping the Rabbit Hole“, “letteralmente tremando al pensiero che qualche alieno potesse entrare nella mia stanza e trascinarmi via per eseguire esperimenti su di me“. Di particolare motivo di terrore fu “l’incontro Kelly-Hopkinsville“, un caso del 1955 in cui si diceva che una fattoria del Kentucky fosse stata attaccata da piccoli uomini verdi.

Quando West divenne scientificamente istruito, arrivò a credere che gli “alieni” di Kelly-Hopkinsville fossero probabilmente gufi. Piuttosto che curare il suo interesse per il paranormale, tuttavia, questa comprensione lo affinò e iniziò a provare piacere nel paziente smantellamento di una logica malsana. Questa pratica aveva, per l’Occidente, un valore terapeutico e da adulto le sue ansie infantili si manifestavano solo in un disagio rudimentale con l’oscurità. 

Negli anni Novanta, West si è trasferito in California, dove ha co-fondato uno studio di videogiochi. Nel 1999 l’azienda per cui lavora è stata acquisita da Activision e, prima dei quarant’anni, è andato più o meno in pensione. Si è trovato coinvolto in guerre di modifica su Wikipedia su argomenti controversi come l’omeopatia, la preconoscenza scientifica nei testi sacri, e leoni vegetariani. 

Alla fine ha creato il suo sito Web per combattere la diffusa disinformazione che circonda la malattia di Morgellons, un’afflizione senza basi mediche consolidate, caratterizzata dalla preoccupazione che strane fibre stiano emergendo dalla propria pelle. Poi ha adottato la teoria delle scie chimiche e si è confrontato con l’attentato dell’11 settembre. Come ha scritto nel suo libro, “Una piccola parte del motivo per cui ho smascherato ora (e ancora occasionalmente mi rivolgo a storie di fantasmi) è la rabbia per la paura che questa assurdità ha instillato in me da bambino“. 

I malati di Morgellons e gli isterici delle scie chimiche, supponeva, sarebbero stati grati di essere sollevati dalle loro paure infondate, proprio lui come era stato liberato dal rischio psichico rappresentato dagli alieni della fattoria – e non vedeva perché i sostenitori degli UFO dovrebbero essere diversi. Sembrava incapace di immaginare che qualcuno potesse trovare conforto nella prospettiva di decentramento che non siamo soli in un universo di cui alla fine sappiamo molto poco.

Nel 2013, West ha fondato Metabunk, un forum online in cui collaboratori che la pensano allo stesso modo esaminano fenomeni anomali. Il 6 gennaio 2017, un altro scettico ha portato alla sua attenzione un pezzo dell’Huffington Post di Kean. Nell’articolo, “Video rivoluzionario sugli UFO appena rilasciato dalla Marina cilena”, Kean ha scritto in dettaglio su un film “eccezionale di nove minuti“, girato con telecamere a infrarossi da un elicottero, che la cefaa studia da due anni. West ha guardato la clip con un immediato senso di riconoscimento. Ha pubblicato il collegamento su Skydentify, un subforum di Metabunk, ipotizzando che le strane formazioni del video fossero “scie di condensazione aerodinamiche“, che era abituato a vedere mentre gli aerei sorvolavano la sua casa a Sacramento. Entro l’11 gennaio, la comunità aveva accertato che il presunto UFO era IB6830, un volo passeggeri regolarmente programmato da Santiago a Madrid.

Le indagini sugli UFO possono procedere solo attraverso il processo di eliminazione, uno stile di argomentazione altamente vulnerabile a supposizioni errate. In questo caso, come estrapolavano i partecipanti a Metabunk, i piloti di elicotteri avevano misurato in modo impreciso la distanza e l’altitudine dell’UFO, e le possibilità praticabili. West non è stato sorpreso. Sebbene Kean consideri i piloti come “gli osservatori più addestrati al mondo di tutto ciò che vola“, anche Hynek ha stabilito, nel 1977, che i piloti sono particolarmente inclini all’errore (ha affermato, tuttavia, che “se la cavano leggermente meglio in gruppo“). Come ha scritto West, “Non puoi essere un esperto dell’ignoto“.

(Continua)

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Articoli più letti

Related articles