Aggiornamento: il razzo cinese probabilmente farà un rientro incontrollato l’8 maggio

Il core stage del razzo cinese Long March 5B utilizzato la scorsa settimana nel lancio del primo modulo della nuova stazione spaziale della Cina dovrebbe rientrare nell'atmosfera terrestre l'8 maggio, secondo un rapporto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Il sito che segue la traiettoria del razzo

0
632

Il core stage del razzo cinese Long March 5B utilizzato la scorsa settimana nel lancio del primo modulo della nuova stazione spaziale della Cina dovrebbe rientrare nell’atmosfera terrestre l’8 maggio, secondo un rapporto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

SpaceNews, citando le prime previsioni di tracciamento, ha riferito che un portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha detto che l’agenzia è a conoscenza del razzo e sta monitorando la sua posizione, “ma il suo esatto punto di ingresso nell’atmosfera terrestre non può essere individuato fino a poche ore dal suo rientro, previsto intorno all’8 maggio“. 

La dichiarazione afferma che il dipartimento continuerà a fornire aggiornamenti.

Il nucleo del Long March 5B rientrerà sulla Terra la prossima settimana come uno dei “più grandi casi di rientro incontrollato di un veicolo spaziale e potrebbe potenzialmente impattare su un’area abitata“.

Il sito web stima che l’oggetto di circa 30 metri compie un’orbita della Terra ogni 90 minuti e sfreccia a nord di New York, Pechino e a sud fino alla Nuova Zelanda.



Cosa è successo con l’ultimo razzo cinese

Il rapporto afferma che, nonostante la minaccia, è molto probabile che l’oggetto precipiti in uno degli oceani del mondo o in un’area isolata.

Jonathan McDowell, un osservatore del volo spaziale, ha riferito al sito web che dal 1990 non ci sono stati casi di veicoli spaziali di oltre 10 tonnellate che sono stati “deliberatamente lasciati in orbita per rientrare incontrollati“.

Il rapporto afferma che lo stadio centrale del razzo, a vuoto, è di circa 21 tonnellate di massa. (Puoi seguire la traiettoria del razzo qui).

“Siamo davanti ad un grosso rischio potenziale”, ha detto McDowell al The Guardian. “L’ultima volta che hanno lanciato un razzo Long March 5B grossi frammenti di metallo sono precipitati tra l’oceano Atlantico e l’Africa occidentale, con grosse barre di metallo che hanno danneggiato diversi edifici in Costa d’Avorio“.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

2