Un nuovo studio fa luce sulle origini della vita sulla Terra

Il modo in cui la vita si è sviluppata dalla zuppa primordiale miliardi di anni fa è uno dei grandi misteri della scienza, e un nuovo studio sostiene che il metallo potrebbe essere stato ciò che ha dato alla vita le sue prime scintille.

Le proteine ​​che legano i metalli potrebbero essere state l’origine della vita sulla Terra?

I ricercatori hanno studiato come la vita primitiva possa aver avuto origine sul nostro pianeta da materiali semplici e non viventi. Hanno chiesto quali proprietà definiscono la vita come la conosciamo e hanno concluso che qualsiasi cosa viva avrebbe avuto bisogno di raccogliere e utilizzare energia, da fonti come il Sole o da prese d’aria idrotermali.

In termini molecolari, ciò significherebbe che la capacità di mescolare gli elettroni è fondamentale per la vita. Poiché i migliori elementi per il trasferimento di elettroni sono i metalli (si pensi ai fili elettrici standard), e la maggior parte delle attività biologiche sono svolte dalle proteine, i ricercatori hanno deciso di esplorare la combinazione dei due, ovvero le proteine ​​che legano i metalli.

Hanno confrontato tutte le strutture proteiche esistenti che legano i metalli per stabilire eventuali caratteristiche comuni, sulla base del presupposto che queste caratteristiche condivise erano presenti nelle proteine ​​ancestrali e sono state diversificate e tramandate per creare la gamma di proteine ​​che vediamo oggi.

L’evoluzione delle strutture proteiche implica la comprensione del modo in cui sono nate nuove pieghe da quelle esistenti in precedenza, quindi i ricercatori hanno progettato un metodo computazionale che ha scoperto che la stragrande maggioranza delle proteine ​​​​leganti i metalli attualmente esistenti, sono in qualche modo simili indipendentemente dal tipo di metallo a cui si legano, dall’organismo a cui si legano o provengono o dalla funzionalità assegnata alla proteina nel suo insieme.

“Abbiamo visto che i nuclei di legame dei metalli delle proteine ​​esistenti sono effettivamente simili anche se le proteine ​​stesse potrebbero non esserlo”, ha affermato l’autrice principale dello studio Yana Bromberg, professoressa presso il Dipartimento di Biochimica e Microbiologia della Rutgers University-New Brunswick.

“Abbiamo anche visto che questi nuclei di legatura metallica sono spesso costituiti da sottostrutture ripetute, un po’ come i blocchi LEGO. Curiosamente, questi blocchi sono stati trovati anche in altre regioni delle proteine, non solo nei nuclei che legano i metalli, e in molte altre proteine ​​che non sono state considerate nel nostro studio. La nostra osservazione suggerisce che i riarrangiamenti di questi piccoli elementi costitutivi potrebbero aver avuto un singolo o un piccolo numero di antenati comuni e dato origine all’intera gamma di proteine ​​e alle loro funzioni attualmente disponibili, cioè alla vita come la conosciamo”.

“Abbiamo pochissime informazioni su come è nata la vita su questo pianeta e il nostro lavoro fornisce una spiegazione precedentemente non disponibile”, ha affermato Bromberg, la cui ricerca si concentra sulla decifrazione dei modelli di DNA del macchinario molecolare della vita.

“Questa spiegazione potrebbe anche potenzialmente contribuire alla nostra ricerca della vita su altri pianeti e corpi planetari. La nostra scoperta degli elementi costitutivi specifici della struttura è forse rilevante anche per gli sforzi di biologia sintetica, in cui gli scienziati mirano a costruire di nuovo proteine ​​specificamente attive”.

La ricerca finanziata dalla NASA, includeva anche ricercatori dell’Università di Buenos Aires.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances. 

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Starliner: gli astronauti non sono in pericolo

I due astronauti della NASA che a giugno 2024...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Materia oscura: 18 anni di affascinante analisi e studio

L’universo è un vasto e misterioso luogo, pieno di...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Il modello linguistico Gemini rivoluziona la robotica

In un ufficio open space a Mountain View, California,...

Articoli correlati

Popular Categories