Statua completamente intatta trovata nell’antica città di Aizanoi

Durante gli scavi archeologici in corso nell’antica città di Aizanoi, nel distretto di Çavdarhisar della provincia occidentale di Kütahya, che è nella lista provvisoria del patrimonio mondiale dell’UNESCO, sono venuti alla luce teste di statue degli dei della mitologia greca Eros e Dioniso e del semidio Eracle, e una statua completamente intatta di un uomo con un’altezza di 2 metri e 10 centimetri.

Le statue risalgono a 2000 anni fa, ha affermato Gökhan Coşkun, professore dell’Università Kütahya Dumlupınar e anche direttore degli scavi.

L’unica statua interamente conservata

“Nella statua maschile mancano solo metà del suo piedistallo e un piede, mentre altre parti sono completamente conservate. Spero che troveremo questo pezzo mancante nel 2023”, ha dichiarato il prof. Coşkun sottolineando che la statua che hanno trovato nel recente scavo era l’unica statua interamente conservata e esprimendo che erano molto entusiasti dei ritrovamenti nei recenti scavi.

Per quanto riguarda le altre teste di statue appartenenti alla mitologia greca, Coskun ha detto: “Tra queste c’è una testa di Dioniso con un’altezza di circa 40 centimetri. Abbiamo anche trovato una testa di Eracle. Nel 2020 abbiamo trovato il corpo di una statua di Eracle. Ma questa testa non appartiene a questo corpo. Oltre a questo, ci sono anche teste di statue di vari dei e dee dell’antico pantheon greco. Uno degli esempi di spicco è la testa di Eros, alta circa 20 centimetri. I manufatti che abbiamo trovato in questa zona sono di epoche diverse, ma possiamo dire che i pezzi della statua risalgono a 1.800-2.000 anni fa”.

Antica città di Aizanoi
Antica città di Aizanoi

Antica città di Aizonoi

L’antica città di Aizanoi è situata all’interno dei confini del distretto di Çavdarhisar, 48 km a sud-ovest della provincia di Kütahya, nell’interno dell’Anatolia occidentale. Oggi si trova sull’altopiano pianeggiante e senza alberi noto come Piana di Rencik, tra i 1.000 ei 1.050 metri sul livello del mare. La città era situata sulle rive del fiume Rhyndakos, circa 40 chilometri a sud-ovest del Cotiaeum, 25 chilometri a nord-est di Cadi e 40 chilometri a nord-ovest dell’Appia.

Secondo l’UNESCO, la città fu riscoperta dai viaggiatori europei nel 1824 e tra il 1830 e nel 1840 fu censita e riconosciuta. D. Krencker e M. Schede dell’Istituto archeologico tedesco iniziarono gli scavi scientifici all’interno di Aizanoi nel 1926 e l’Università di Pamukkale sta attualmente gestendo l’operazione di scavo.

Gli scavi nell’antica città di Aizanoi sono stati effettuati in particolare nel torrente Penkalas, con una squadra di 80 operai e 20 tecnici. L’antica città, che risale al 3000 a.C., è ritenuta una delle metropoli dell’epoca con le sue strutture storiche, come il teatro, lo stadio, l’agorà e il Tempio di Zeus.

Il restauro del ponte in marmo di epoca romana, chiamato n.2, è stato completato durante gli scavi nel torrente Penkalas, Coşkun ha affermato che i lavori continuano sul ponte completamente in rovina, chiamato n.3.

Gli archeologi hanno affermato che ogni giorno vengono trovati nuovi manufatti, Coşkun ha dichiarato: “Quest’anno abbiamo trovato reperti sorprendenti che ci hanno reso molto entusiasti durante il nostro lavoro nell’area in cui si trova il ponte. Dalla stagione precedente abbiamo trovato in quest’area molti pezzi grandi e piccoli di sculture in marmo, alcuni dei quali, se completi, raggiungerebbero dai 3 ai 3,5 metri di altezza. In questa stagione, abbiamo scoperto molti blocchi del ponte n.3. Inoltre, abbiamo trovato una meridiana e molti pezzi di statue di marmo”.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Articoli correlati

Popular Categories