Sonno: ecco perché è così importante per la salute

Una nuova ricerca ha dimostrato che la perdita di sonno anche per una sola notte, compromette le capacità decisionali specialmente nelle persone con incarichi lavorativi che causano forte stress

0
127
Persone che si svegliano alle tre o alle 4 di notte, sonno

Una nuova ricerca evidenzia gli effetti dannosi della privazione del sonno sul processo decisionale e sul benessere emotivo, sottolineando l’importanza di un riposo notturno adeguato, soprattutto per coloro che svolgono lavori ad alto stress.

Persone che si svegliano alle tre o alle 4 di notte, sonno

Lo studio suggerisce che l’insonnia compromette la risposta neurale ai rischi e alle decisioni, sottolineando la necessità di una gestione efficace del riposo notturno nelle professioni critiche.

Perdita di sonno: ecco cosa causa

Politici, leader militari e operatori dei servizi di emergenza sono tra le professioni consigliate da uno studio dell’Università di Ottawa ad astenersi dal prendere decisioni critiche dopo una notte insonne, evidenziando l’impatto della privazione del sonno sui ruoli ad alto stress.

Comprendiamo tutti il potere del sonno e il ruolo vitale che svolge nella salute umana, nelle prestazioni cognitive e nella regolazione del nostro benessere emotivo. Numerosi studi sull’insonnia hanno mostrato cali delle funzioni neurocognitive, in particolare dell’attenzione vigile, delle risposte motorie, del controllo dell’inibizione e della memoria di lavoro. Nonostante questo, l’insonnia continua a rappresentare una sfida per la salute pubblica e a colpire persone di tutte le età.



Con poche informazioni sull’impatto della mancanza di sonno sul processo decisionale rischioso a livello di neuroimaging, i ricercatori dell’Università di Ottawa e dell’Università della Pennsylvania hanno scoperto che un periodo di insonnia di 24 ore ha avuto un impatto significativo sui processi decisionali degli individui. smorzando le risposte neurali ai risultati delle loro scelte.

In altre parole, le persone tendono a mostrare una riduzione delle emozioni positive in risposta ai risultati vincenti e una diminuzione delle emozioni negative di fronte alle sconfitte dopo aver trascorso una notte intera trascorsa a non dormire rispetto alla loro condizione di base che è caratterizzata da una sana dormita.

Il buon senso impone che se le persone subiscono l’insonnia o disturbi del sonno, la loro funzione cognitiva verrà influenzata, la loro attenzione e la loro efficienza diminuiranno. Ma c’è anche un impatto emotivo”, ha spiegato Zhuo Fang, data scientist presso il Dipartimento di Psicologia della Facoltà di Scienze Sociali.

Se provi anche solo una notte di privazione del sonno, ci sarà un impatto, anche a livello neurale. Quindi, abbiamo voluto combinare l’imaging cerebrale e il comportamento per vedere quell’impatto“, ha aggiunto Fang, affiliato al Brain and Mind Research Institute di Ottawa e al Royal.

Lo studio, che ha valutato l’impatto di una notte di totale deprivazione del sonno su 56 adulti sani, ha rilevato:

Una sola notte di insonnia totale ha ridotto significativamente l’attivazione cerebrale per ottenere e perdere risultati, suggerendo che la perdita acuta di riposo notturno può avere un effetto attenuante sulle risposte neurali agli esiti decisionali durante l’assunzione di rischi.

La privazione totale del sonno ha avuto un effetto dannoso interrompendo la relazione tra la risposta neurale e il comportamento di assunzione di rischi di un individuo, che potrebbe essere correlato alla percezione alterata dell’assunzione di rischi.

Persone che si svegliano alle tre o alle 4 di notte, sonno

Mentre numerosi studi hanno precedentemente illustrato gli effetti ad ampio raggio della privazione del riposo notturno su varie funzioni cerebrali e cognitive, tra cui l’elaborazione dell’attenzione, il consolidamento della memoria e l’apprendimento, questo studio affronta l’impatto specifico dell’insonnia sul processo decisionale.

Questi risultati sottolineano l’importanza di mantenere un sonno adeguato e come le persone dovrebbero astenersi dal prendere decisioni importanti quando sperimentano l’insonnia cronica o acuta“, ha aggiunto Fang, che è stato il primo autore dello studio con Tianxin Mao dell’Università della Pennsylvania insieme all’autore corrispondente Hengyi Rao.

In professioni specifiche in cui i decisori devono operare in condizioni di perdita di sonno accumulata, potrebbe essere necessaria una formazione specializzata o una gestione del rischio di fatica per consentire loro di gestire tali situazioni in modo efficace”.

Secondo l’ANSA: “Sono circa 13,4 milioni gli italiani che soffrono di insonnia, secondo le ultime rilevazioni di Aims – l’Associazione italiana medicina del sonno che promuove la ricerca, la divulgazione e la formazione clinica sul sonno da più di 30 anni – ma il 46% di loro non fa nulla per risolvere il problema.

Persone che si svegliano alle tre o alle 4 di notte, sonno

Una cifra che è raddoppiata con la pandemia da Covid e che vede nelle donne le più colpite, sono circa il 60% del totale, mentre il 20% riguarda bambini e ragazzi. In Italia 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. Eppure per il benessere di corpo e mente un buon sonno è fondamentale“.

2