La sonda Dart della NASA pronta per la collisione con Dimorphos

La sonda della NASA, DART, è pronta a collidere contro un piccolo asteroide, Dimorphos, che orbita intorno ad un altro asteroide, Didymos; un passo avanti per la scienza e per la difesa terrestre

0
277

La sonda della NASA, DART, è pronta a collidere contro un piccolo asteroide, Dimorphos, che orbita intorno ad un altro asteroide, Didymos; un passo avanti per la scienza e per la difesa terrestre.

Tra due settimane, la NASA aprirà una nuova era per il sistema solare. Il traguardo arriva grazie alla missione Double Asteroid Redirection Test (DART), lanciata proprio lo scorso autunno. Il 26 settembre, DART andrà a sbattere a capofitto contro un piccolo asteroide, il raro caso in cui la distruzione di un veicolo spaziale è il risultato desiderato. Lo scopo è nobile, in quanto, come già specificato, la missione è volta alla protezione della Terra da un eventuale impatto di asteroidi; gli scienziati sperano che se un pericoloso asteroide dovesse minacciare il pianeta in futuro, una missione come DART potrebbe evitare il disastro.

NASA, Zurbuchen: ‘Gli asteroidi hanno avuto un impatto importante sulla Terra’

Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza della NASA,  ha preso parola nel corso di una conferenza stampa tenutasi lo scorso 12 settembre, durante la quale ha detto parlando degli asteroidi: “Questi oggetti stanno sfrecciando nello spazio e ovviamente hanno segnato la Luna e, nel tempo, anche sulla Terra hanno avuto un impatto importante, hanno influenzato la nostra storia“. Ha poi aggiunto che una nuova serie di missioni già messe in atto stanno contribuendo a far capire e quantificare tali minacce “in un modo senza precedenti“.

Il lavoro di mappatura da parte degli scienziati

Come informa Space.com, gli scienziati hanno identificato e mappato le orbite di quasi 30.000 asteroidi che scuotono intorno al sistema solare nelle vicinanze della Terra. Tutte queste rocce spaziali non si incrociano mai con la Terra o sono così piccole che, se lo facessero, brucerebbero in modo innocuo nell’atmosfera terrestre . Tuttavia, è possibile che l’impatto di un asteroide in futuro possa danneggiare la Terra e gli esperti di difesa planetaria vogliono essere pronti.

Asteroidi fantastici e… Come combatterli!

La teoria sostiene che se gli scienziati avessero mai rilevato un asteroide in rotta di collisione con la Terra, una sonda d’urto potrebbe riallineare l’orbita della roccia spaziale, assicurando che abbia attraversato il percorso della Terra quando il nostro pianeta è a una distanza di sicurezza. Ma gli scienziati non vogliono lavorare solo sulla base della teoria se la situazione si presenta.



È qui che entra in gioco la drammatica distruzione di DART. La navicella spaziale andrà a sbattere contro un piccolo asteroide chiamato Dimorphos, che come un meccanismo a orologeria orbita attorno a un asteroide vicino alla Terra più grande chiamato Didymos ogni undici ore e cinquantacinque minuti. L’impatto di DART dovrebbe regolare l’orbita di Dimorphos, tagliandone il circuito di forse dieci minuti.

Il cambiamento dell’orbita

Gli scienziati sulla Terra trascorreranno settimane dopo l’impatto misurando l’effettivo cambiamento nell’orbita della luna per confrontarlo con le loro previsioni. Il lavoro perfezionerà la comprensione degli scienziati di come gli asteroidi rispondono agli impattatori e aiuterà a sintonizzare qualsiasi missione futura sulla quantità necessaria di cambiamento orbitale.

Nancy Chabot: ‘Vogliamo sapere come applicare una simile tecnica’

Nancy Chabot è responsabile del coordinamento DART presso l’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University nel Maryland. È lei a gestire la missione. Nel corso della conferenza stampa ha dichiarato che tutto ciò non è solo un evento “una tantum” ma: “Vogliamo sapere cosa è successo a Dimorphos, ma, cosa più importante, vogliamo capire cosa significa per applicare potenzialmente questa tecnica in futuro”. Sebbene la posta in gioco sia bassa rispetto a qualsiasi scenario che motiverebbe una vera missione per deviare gli asteroidi, la difficoltà è la stessa.

Evan Smith: ‘Sulla strada del successo’

Evan Smith, vice ingegnere del sistema di missione, ha spiegato nel corso della conferenza stampa che questo lavoro è molto impegnativo. Osservando che il veicolo spaziale sarà in grado di vedere lo stesso Dimorphos solo circa un’ora e mezza prima dell’impatto ha assicurato: “Questa volta andiamo per il successo”.

2