domenica, Aprile 2, 2023
Home Esplorazione Spaziale

La NASA ha aggiornato i protocolli di sterilizzazione per proteggere la Luna, Marte e la stessa Terra per le prossime missioni umane

La NASA vuole assicurarsi che non porteremo inconsapevolmente organismi o altri contaminanti dalla Terra in altri mondi (e viceversa) quando gli umani esploreranno lo spazio oltre l'orbita terrestre bassa. 

2609
In un tweet, l’amministratore della NASA Jim Brindestine ha annunciato che l’agenzia ha aggiornato le sue politiche per evitare di contaminare i mondi che ci accingiamo ad esplorare in vista delle imminenti missioni Artemis per tornare sulla Luna e i successivi impegni, previsti per la prima parte del prossimo decennio, per l’esplorazione umana di Marte.
Le nuove politiche di sicurezza sono state studiate anche per evitare di portare contaminanti (microorganismi o altro) al ritorno delle missioni sulla Terra. “Proteggeremo le scoperte scientifiche e l’ambiente terrestre, consentendo allo stesso tempo esplorazione umana dinamica e innovazione commerciale sulla Luna e su Marte“, ha scritto Brindestine.
La NASA ha già inviato numerosi lander e rover automatici sulle superfici della Luna e di Marte, mezzi che prima della partenza dalla Terra sono stati sottoposti a decontaminazione spinta attraverso le procedure di sterilizzazione più sicure che abbiamo, ma ora è preoccupata per i possibili contaminanti biologici associabili alla presenza umana. Se porteremo inconsapevolmente contaminanti in altri mondi quando inizieremo l’esplorazione umana, rischieremo di compromettere la ricerca di vita extraterrestre. Allo stesso tempo, la NASA vuole assicurarsi che le sue missioni con equipaggio non causino cambiamenti avversi all’ambiente terrestre con l’introduzione di contaminanti dallo spazio.
L’agenzia ha emesso due direttive interinali per aggiornare le sue politiche, con la prima incentrata su missioni robotizzate e con equipaggio che viaggiano da e verso la Luna della Terra. Il direttore della missione scientifica della NASA, Thomas Zurbuchen, ha spiegato: “Stiamo perseguendo il nostro importante obiettivo di esplorazione sostenibile della Luna, salvaguardando contemporaneamente la scienza futura nelle regioni permanentemente in ombra. Questi siti hanno un immenso valore scientifico nel plasmare la nostra comprensione della storia del nostro pianeta, della Luna e del sistema solare“.
Nel frattempo, la seconda direttiva si concentra sulla contaminazione biologica per le missioni Terra-Luna su Marte. L’agenzia afferma che utilizzerà i dati e l’esperienza acquisita tramite test a terra per evocare linee guida e sviluppare capacità per monitorare i processi biologici associati alla presenza umana nell’esplorazione dello spazio.
Mira inoltre a sviluppare tecnologie per mitigare la contaminazione, come strumenti e tecniche di smaltimento dei rifiuti più efficaci. Inoltre, l’agenzia vuole avere una migliore comprensione dei processi ambientali marziani al fine di capire come sterilizzare correttamente gli organismi terrestri rilasciati dall’attività umana.
La NASA spera di inviare il prossimo uomo e la prima donna sulla Luna entro il 2024 e di stabilire lì una presenza umana sostenibile a lungo termine.
Fonte: NASA