Sindrome dell’Avana: il mistero si infittisce

I ricercatori del NIH hanno condotto uno studio dettagliato su individui che hanno sperimentato incidenti anomali sulla salute, noti come Sindrome dell'Avana, e non hanno trovato lesioni cerebrali rilevanti tramite MRI o differenze cliniche significative rispetto ai controlli

Riguardo alla fantomatica patologia descritta dai media come Sindrome dell’Avana, utilizzando tecniche avanzate di imaging e valutazioni cliniche approfondite, un team di ricerca presso gli Istituti Nazionali di Salute non ha trovato prove significative di lesioni cerebrali rilevabili tramite MRI (imaging a risonanza magnetica), né differenze nella maggior parte delle misure cliniche rispetto ai controlli, tra un gruppo di dipendenti federali che hanno sperimentato incidenti anomali sulla salute.

Sindrome dell'Avana

I presunti sintomi includono udire rumori e avvertire pressione alla testa, seguita da mal di testa, vertigini, disfunzione cognitiva e altre complicazioni, in seguito alle segnalazioni da parte del personale del Governo degli Stati Uniti di stanza a L’Avana. Gli scienziati presso il Centro Clinico del NIH hanno condotto la ricerca nel corso di quasi cinque anni e hanno pubblicato i loro risultati il 18 marzo in due articoli su JAMA.

Sindrome dell’Avana: il parere degli esperti

Leighton Chan, M.D., capo della medicina riabilitativa e capo scientifico ad interim del NIH Clinical Center, e primo autore di uno dei documenti relativi alla Sindrome dell’Avana, ha detto tramite alcune dichiarazioni: “Il nostro obiettivo è stato condurre valutazioni approfondite, obiettive e riproducibili per vedere se potevamo identificare differenze strutturali cerebrali o biologiche nelle persone che hanno segnalato la sindrome. Anche se non abbiamo identificato differenze significative nei partecipanti affetti dalla Sindrome dell’Avana, è importante riconoscere che questi sintomi sono molto reali, causano significative interruzioni nella vita di coloro che ne sono colpiti e possono essere piuttosto prolungati, disabilitanti e difficili da trattare”.

Sindrome dell'Avana

Cosa dice la medicina al riguardo?

I ricercatori hanno progettato diversi metodi per valutare più di 80 dipendenti del governo degli Stati Uniti e i loro familiari adulti, per lo più di stanza all’estero, che avevano segnalato un caso di Sindrome dell’Avana e li hanno confrontati con controlli sani abbinati. I gruppi di controllo hanno incluso volontari sani che hanno avuto incarichi di lavoro simili ma non hanno segnalato altri casi.

In questo studio, i partecipanti sono stati sottoposti a una serie di test clinici, uditivi, di equilibrio, visivi, neuropsicologici e di biomarcatori ematici. Inoltre, hanno ricevuto diversi tipi di scansioni MRI mirate a investigare il volume, la struttura e la funzione del cervello.

Sindrome dell'Avana

In questo studio, i ricercatori hanno ottenuto molteplici misurazioni e utilizzato diversi metodi e modelli per analizzare i dati. Questo è stato fatto per garantire che i risultati fossero altamente riproducibili, ovvero che risultati simili fossero riscontrati indipendentemente da quante volte i partecipanti fossero valutati o i loro dati analizzati statisticamente.

Gli scienziati hanno inoltre utilizzato la fenotipizzazione approfondita, che è un’analisi dei tratti osservabili o delle caratteristiche biochimiche di un individuo, per valutare eventuali correlazioni tra i sintomi riportati clinicamente e le scoperte della neuroimaging.

Sindrome dell'Avana

Per la parte di imaging dello studio, i partecipanti hanno subito scansioni MRI in media 80 giorni dopo l’inizio dei sintomi, anche se alcuni di essi hanno fatto una MRI già dopo 14 giorni dalla segnalazione di un caso di Sindrome dell’Avana.

Utilizzando una metodologia approfondita e solida, che ha portato a metriche MRI altamente riproducibili, i ricercatori non sono riusciti a identificare un insieme coerente di anomalie di imaging che potrebbero differenziare i partecipanti con tali sintomi dai controlli.

Che cos’è la Sindrome dell’Avana?

La Sindrome dell’Avana è diventata oggetto di interesse internazionale dopo che diversi funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti a Cuba, hanno segnalato sintomi misteriosi che sembravano essere legati a una qualche forma di attacco acustico o energetico. Questi sintomi, che includono diversi problemi neurologici, sono stati riportati per la prima volta nel 2016. Le cause esatte rimangono tuttavia oggetto di dibattito e indagine.

Mentre alcune ipotesi iniziali hanno suggerito l’uso di dispositivi acustici o altri mezzi per provocare danni cerebrali, non c’è stata una conferma definitiva in merito. Alcuni ricercatori hanno avanzato ipotesi alternative, comprese reazioni chimiche o tossiche nell’ambiente. La comunità scientifica ha condotto varie ricerche e studi per cercare di comprendere meglio la sindrome e i suoi potenziali meccanismi e cause, ma è ancora tutto da approfondire.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments