Scoperte due galassie precedentemente invisibili

Un team di astronomi del Niels Bohr Institute dell'Università di Copenaghen ha individuato due galassie a 29 miliardi di anni luce di distanza dalla Terra

0
920

Un team di astronomi del Niels Bohr Institute dell’Università di Copenaghen ha individuato due galassie29 miliardi di anni luce di distanza dalla Terra utilizzando il gigantesco Atacama Large Milimeter Array (ALMA) nel deserto di Atacama in Cile.

Queste galassie erano in precedenza invisibili alla lente ottica del telescopio spaziale Hubble, e sono apparse da dietro uno spesso strato di polvere cosmica, grazie a una tecnologia che combina la luce di 66 antenne per generare un’immagine del cielo ad alta risoluzione e può catturare le onde radio dalle profondità più oscure dell’universo.

Svelare i segreti dell’universo

Gli astronomi stavano studiando una collezione di galassie estremamente lontane che era stata precedentemente scoperta utilizzando il telescopio spaziale Hubble.

“Abbiamo notato che due di loro avevano un vicino che non ci aspettavamo affatto“, ha detto il professore associato Pascal Oesch del Cosmic Dawn Center presso l’Istituto Niels Bohr, in un comunicato stampa“Poiché entrambe queste galassie vicine sono circondate da polvere, parte della loro luce è bloccata, rendendole invisibili a Hubble”.

Le due galassie invisibili ora sono state chiamate REBELS-12-2 e REBELS-29-2 e la loro luce ha viaggiato per circa 13 miliardi di anni per raggiungerci e, a causa dell’espansione dell’universo, ora si trovano a 29 miliardi di anni luce di distanza.

Le ultime scoperte indicano che il cosmo primordiale contiene sostanzialmente più galassie di quanto si pensasse in precedenza. Sono semplicemente nascosti sotto la polvere composta da minuscole particelle e ora possono essere individuati grazie all’eccezionale sensibilità del telescopio ALMA e al metodo dei ricercatori. In effetti, secondo i ricercatori, circa il 20 percento di queste prime galassie potrebbe ancora essere oscurato da veli di polvere cosmica. Queste cifre si basano sul confronto di queste galassie con fonti precedentemente identificate dal cosmo primordiale, circa 13 miliardi di anni fa.



 

“La nostra scoperta dimostra che fino a una su cinque delle prime galassie potrebbe essere scomparsa dalla nostra mappa dei cieli. Prima di poter iniziare a capire quando e come si sono formate le galassie nell’Universo, abbiamo bisogno di un resoconto adeguato”, ha spiegato Pascal Oesch. Per fortuna, la NASA, l’ESA e l’Agenzia spaziale canadese hanno costruito un nuovo telescopio chiamato James Webb Space Telescope per aiutare gli astronomi in questa missione, e il telescopio sarà in grado di vedere molto più lontano nell’universo grazie al miglioramento della sua forza e tecnologia.

Tuttavia, il telescopio spaziale James Webb è stato afflitto da ritardi e aumenti dei costi e, più recentemente, un incidente con una fascetta ha causato il rinvio del lancio del telescopio ancora una volta. A seguito dell’incidente, la NASA ha riferito che la data di preparazione del lancio è stata posticipata a non prima del 22 dicembre. Si spera che questo sia l’ultimo dei ritardi che il telescopio incontrerà nel suo viaggio, poiché ha molte scoperte da fare.

2