16.5 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeEsplorazione SpazialeDART ci aiuterà a capire come salvare la Terra da un asteroide...

DART ci aiuterà a capire come salvare la Terra da un asteroide – Video

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’ultima cosa a cui qualcuno deve pensare in questo momento è un catastrofico impatto di un asteroide.

E, per fortuna, la maggior parte di noi non ha motivo di pensarci. La Terra non è in pericolo immediato e nessuna roccia spaziale conosciuta è su una traiettoria d’impatto con il nostro pianeta almeno per un paio di secoli. La possibilità che un asteroide, tra quelli conosciuti, abbastanza grande da causare davvero danni, o mettere in pericolo la nostra intera esistenza, colpisca il pianeta nei prossimi 100 anni è insignificante (molto più probabile che prima di un impatto di un asteroide noi ci si possa estinguere per i cambiamenti climatici e altre ripercussioni negative della nostra presenza sulla Terra).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma può essere utile essere preparati per questo tipo di scenari, e fortunatamente ci sono persone per cui pensarci è un lavoro a tempo pieno. Quindi questa settimana, la NASA ha lanciato la missione spaziale DART per testare la tecnologia che potrebbe, un giorno, aiutare l’umanità a deviare un pericoloso asteroide che si sta avvicinando.

La navicella ora trascorrerà mesi viaggiando verso un asteroide a diverse centinaia di milioni di chilometri dalla Terra. Nel settembre 2022, con l’asteroide nel mirino, la sonda si allineerà e poi… bam! – andrà a sbattere contro la roccia a quasi 25.000 chilometri all’ora. Si prevede che l’impatto cambierà leggermente l’orbita dell’asteroide. Successivamente, gli scienziati osserveranno il cambiamento di orbita con i telescopi per determinare se questa tecnica potrebbe funzionare per proteggere il nostro pianeta da una vera minaccia cosmica.

Il Double Asteroid Redirection Test, o DART in breve, segna il primo tentativo dell’umanità di cambiare l’orbita di un asteroide. È una mossa di potere quasi divino, spostare il cielo e la terra per i nostri scopi. Ma eccoci qui, abbiamo lanciato un’astronave delle dimensioni di un distributore automatico verso un asteroide grande quanto la Grande Piramide d’Egitto.

La serie di eventi che ci ha portato a questo particolare punto della storia umana può essere fatta risalire al 1998, quando un istituto di astronomia emise un avviso su un asteroide scoperto di recente che sembrava potesse colpire nel 2028.

Nell’era dell’astronomia, è praticamente domani, quindi se l’asteroide era davvero una minaccia, dovevamo fare qualcosa al riguardo presto. Gli scienziati della NASA hanno scoperto rapidamente che questa roccia non si sarebbe scontrata con la Terra, ma l’agenzia ha istituito un centro dedicato alla stima della probabilità che asteroidi e comete colpiscano la Terra, in modo di poterci dare la possibilità di fermarli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La missione DART mira a Dimorphos, un piccolo asteroide che orbita attorno a un asteroide più grande, Didymos, come una luna. Se la missione funzionerà come previsto, DART scaverà un cratere sulla superficie di Dimorphos e lancerà un mucchio di detriti rocciosi, noti come ejecta, spiega Angela Stickle, planetaria del laboratorio di fisica applicata della John Hopkins University che guida il team che fa simulazioni di impatto. “Quando quel materiale espulso lascia l’asteroide, si comporta come un motore a razzo e spinge l’asteroide“, dice Stickle. “Creeremo una sorta di motore naturale sull’asteroide che rallenterà la sua velocità“. Stickle e il suo team prevedono che l’impatto ridurrà l’orbita di 12 ore di Dimorphos di circa 10 minuti.

Nel caso in cui tu sia una persona che di solito presuppone il peggio, ti stia chiedendo se la NASA potrebbe rovinare questa missione e spingere accidentalmente l’asteroide verso la Terra, non preoccuparti. Una navicella spaziale delle dimensioni di un distributore automatico non è in grado di far uscire Dimorphos dalla sua orbita attorno a Didymos, né di infliggere gravi danni. “Questo non distruggerà l’asteroide“, ha detto ai giornalisti Nancy Chabot, capo del coordinamento della missione presso l’Applied Physics Laboratory, all’inizio di questo mese. “Gli darà solo una piccola spinta“.

La missione DART deve affrontare alcune incognite. Gli astronomi pensano che Dimorphos sia probabilmente un tipo comune di asteroide roccioso. Ma gli asteroidi li hanno già sorpresi. L’asteroide su cui la NASA è atterrata l’anno scorso, Bennu, si è rivelato più morbido del previsto. E gli asteroidi morbidi sarebbero più difficili da deviare, dice Cristina Thomas, una planetologa della Northern Arizona University che guida un team di osservazione su DART. “È un esperimento di fisica molto più semplice se prendi una cosa dura e la rompi contro un’altra cosa dura“, ha detto.

Nel 2024, un’altra missione di difesa planetaria, gestita dall’Agenzia spaziale europea, lascerà la Terra per Didymos e Dimorphos per osservare la scena e fornire uno sguardo ravvicinato alle conseguenze del tentativo dell’umanità di interferire con un asteroide. Nel frattempo, sulla Terra, la NASA continuerà a cercare e monitorare oggetti di una certa dimensione vicini alla Terra. Nel 2005, il Congresso ha incaricato la NASA di individuare almeno il 90 per cento degli asteroidi potenzialmente pericolosi che sono là fuori. Ricordi che sopra ho scritto che nessun asteroide conosciuto ha una probabilità significativa di schiantarsi sulla Terra nel prossimo secolo? Bene, la NASA avrebbe dovuto raggiungere quell’obiettivo del 90% a partire dal 2020, ma finora gli scienziati sono riusciti a trovarne solo il 40 per cento. Oggetti come Dimorphos appaiono più deboli ai telescopi rispetto agli asteroidi più grandi, che sono più facili da studiare e da escludere come pericolosi, ha detto Thomas.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Diciamo che un giorno gli astronomi identificheranno un nuovo asteroide che, a differenza della scoperta del 1998, potrebbe essere davvero pericoloso. Gli scienziati simulano questo scenario ogni anno da quasi un decennio in un evento organizzato dalla NASA sulla difesa planetaria. Quest’anno gli astronomi hanno fatto finta di aver scoperto un asteroide con una piccola probabilità di colpire la Terra in soli sei mesi. Dopo un mese di osservazioni in questo ipotetico scenario, tale probabilità è balzata al 100%.

Gli astronomi avevano bisogno di più di un anno simulato per determinare dove esattamente un pericoloso asteroide avrebbe colpito la Terra, e non avevano tutto quel tempo. A pochi giorni dall’impatto, gli astronomi hanno fornito solo previsioni sulle regioni a rischio. Questo particolare esercizio si è concluso con una desolante conclusione: la distruzione di New York. Con un telescopio più potente a scansionare i cieli, gli astronomi avrebbero individuato questo asteroide prima e le agenzie spaziali avrebbero avuto il tempo di organizzare una missione come DART per tentare di deviarlo lontano dalla Terra. E quel telescopio avrebbe dovuto essere installato nel 2014.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una missione come DART è un passo importante per dare alla Terra una possibilità in questo futuro. Nonostante ciò che la cultura pop (o, più specificamente, Armageddon) ci ha portato a credere, le agenzie spaziali non si affideranno a un gruppo di coraggiosi lavoratori su piattaforme petrolifere ma a veicoli spaziali con un buon GPS per salvarci.

Qualsiasi arma nucleare – un’altra opzione per distruggere un asteroide diretto verso di noi – verrebbe probabilmente consegnata da veicoli spaziali autonomi, non da astronauti. Una futura missione di reindirizzamento degli asteroidi potrebbe essere informata dai progetti delle precedenti navicelle spaziali che si sono autodistrutte in nome della difesa planetaria e guidate da telescopi che hanno tenuto d’occhio il cielo notturno, registrando ogni nuovo asteroide. Quando si tratta di asteroidi che minacciano la Terra, per parafrasare gli Aerosmith, “non vuoi perderti nulla“.

Articoli più letti