17.3 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeGeologiaLo scioglimento del ghiaccio polare sta deformando la Terra

Lo scioglimento del ghiaccio polare sta deformando la Terra

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Lo scioglimento del ghiaccio polare terrestre sta deformando la crosta del pianeta. Questo cambiamento di forma è sottile si verifica a molte centinaia di miglia di distanza dalle calotte glaciali. I ricercatori potrebbero essere in grado di monitorare il cambiamento come parte della ricerca per capire come il cambiamento climatico influenzerà il livello del mare; anche la comprensione della deformazione è importante, perché gli scienziati devono essere in grado di correggere questo movimento del suolo quando misurano altri tipi di processi geologici, hanno scritto gli autori dello studio nella rivista Geophysical Research Letters.

Gli scienziati sapevano già che quando il ghiaccio scompare, la crosta sottostante cambia. Immagina di sollevare la testa da un cuscino in memory foam: man mano che il peso della tua testa viene sollevato, il cuscino si solleva gradualmente, continuando a muoversi dopo aver lasciato il letto. Qualcosa di simile accade quando un ghiacciaio si ritira. La crosta sottostante, non più sotto tutto quel peso, si rialza lentamente. Questo è chiamato rimbalzo isostatico ed è davvero molto lento. In alcune regioni ad alta latitudine, il terreno sta ancora rimbalzando dal ritiro delle calotte glaciali durante la fine dell’ultima era glaciale

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cambiamento climatico: le regioni polari perdono ghiaccio a un ritmo crescente

Ma ora le regioni polari stanno perdendo ghiaccio a un ritmo crescente a causa dei cambiamenti climatici. Dal 2000 al 2010, la perdita di ghiaccio dall’Antartide, dalla Groenlandia e dai ghiacciai montani è aumentata del 60% rispetto alla perdita di ghiaccio tra il 1990 e il 2000, secondo un documento pubblicato nel 2020 su The Cryosphere

Questo scioglimento sta influenzando la forma della crosta, proprio come ha fatto la perdita di ghiaccio alla fine dell’era glaciale. Ma la maggior parte delle ricerche si sono concentrate sui cambiamenti della crosta proprio sotto e intorno alle calotte glaciali. Anche quando i ricercatori studiano effetti più lontani, si concentrano sui cambiamenti verticali nella forma della crosta. Ma il movimento crostale dopo la perdita di ghiaccio è tridimensionale, il che significa che si sposta anche orizzontalmente. 

Sophie Coulson, ricercatrice post-dottorato presso il Los Alamos National Laboratory nel New Mexico che ha condotto la ricerca mentre era all’Università di Harvard, voleva dare uno sguardo globale in 3D all’impatto della perdita di ghiaccio del 21° secolo. Lei e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati satellitari raccolti tra il 2003 e il 2018 per cercare piccoli movimenti nella crosta, confrontando di anno in anno questi cambiamenti con la perdita di ghiaccio in Antartide, Groenlandia e ghiacciai ad alta latitudine. 

Hanno scoperto che in molti casi il movimento orizzontale della crosta superava il movimento verticale (sollevamento). Il movimento dipendeva molto dalla quantità di ghiaccio persa ogni anno, ma sia negli anni ad alta che a bassa perdita, la maggior parte del Nord America ha avuto in media un movimento più orizzontale che verticale. Lo scorrimento orizzontale, per lo più verso nord, ha raggiunto il picco nel 2012 fino a 0,017 pollici (0,45 millimetri). Negli anni con poche perdite, questo movimento è stato in media di circa 0,004 pollici (0,1 mm) per l’intero continente

All’inizio degli anni 2000, il ghiaccio si è ritirato rapidamente dalla penisola antartica e dall’Antartide occidentale, ma l’Antartide orientale ha guadagnato ghiaccio. Questo guadagno e questa perdita hanno finito per essere mediati in termini di crosta terrestre, quindi la maggior parte della deformazione è stata limitata a un’area relativamente piccola nel Pacifico meridionale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’emisfero settentrionale aveva una storia diversa. La perdita di ghiaccio dalle latitudini settentrionali è stata collegata a una media di 0,015 pollici (0,4 mm) di movimento orizzontale – principalmente verso nord – ogni anno nell’emisfero settentrionale. Ciò includeva fino a 0,01 pollici (0,3 mm) di movimento in Canada e negli Stati Uniti e fino a 0,008 pollici (0,2 mm) in Europa e Scandinavia. 

Questi numeri possono sembrare insignificanti, ma si sommano nel tempo. E questa deformazione potrebbe influenzare il modo in cui si svolgerà la futura perdita di ghiaccio

“In alcune parti dell’Antartide, ad esempio, il rimbalzo della crosta sta cambiando la pendenza del substrato roccioso sotto la calotta glaciale, e questo può influenzare la dinamica del ghiaccio”, ha affermato Coulson alla Harvard Gazette. Una pendenza più ripida significa un flusso più veloce di ghiaccio verso il mare.

Articoli più letti