Ritrovato in Gran Bretagna il DNA della peste risalente a 4000 anni fa

I ricercatori hanno identificato la più antica prova della presenza di peste in Gran Bretagna. Il team ha individuato tre casi di Yersinia pestis, il batterio responsabile della peste, risalenti a 4.000 anni fa, in resti umani nel Somerset e in Cumbria

0
433
Ritrovato in Gran Bretagna il DNA della peste risalente a 4000 anni fa
Ritrovato in Gran Bretagna il DNA della peste risalente a 4000 anni fa

I ricercatori del Francis Crick Institute, in collaborazione con l’Università di Oxford, il Levens Local History Group e il Wells and Mendip Museum, hanno identificato la più antica prova della presenza di peste in Gran Bretagna. Il team ha individuato tre casi di Yersinia pestis, il batterio responsabile della peste, risalenti a 4.000 anni fa, in resti umani nel Somerset e in Cumbria.

Il team ha identificato due casi di Yersinia pestis in resti umani rinvenuti in una sepoltura di massa a Charterhouse Warren nel Somerset e uno in un tumulo ad anello a Levens in Cumbria.

Tumulo dell'anello del parco di Levens

Levens Park ring cairn in Cumbria, Regno Unito. A destra del grande masso solitario si trova un anello penannulare circolare con tre sepolture di inumazione femminile di circa 4.000 anni fa, una delle quali portava il DNA di Yersinia pestis sequenziato nel presente studio. Credito: Ian Hodkinson

I ricercatori hanno prelevato piccoli campioni scheletrici da 34 individui nei due siti, controllando la presenza di Yersinia pestis nei denti. Questa tecnica viene eseguita in una struttura specializzata in camera bianca dove perforano il dente ed estraggono la polpa dentale, che può intrappolare i resti del DNA di batteri che provocano malattie infettive.

Hanno quindi analizzato il DNA e identificato tre casi di Yersinia pestis in due bambini di età stimata tra i 10 e i 12 anni al momento della morte e in una donna di età compresa tra i 35 e i 45 anni. La datazione al radiocarbonio è stata utilizzata per dimostrare che è probabile che le tre persone vissero all’incirca nello stesso periodo.



Mappa del lignaggio della peste LNBA

Mappa che mostra la distribuzione dei ceppi di Yersinia pestis LNBA. I nuovi genomi sequenziati in questo studio sono in viola. Credito: Pooja Swali et al. Comunicazioni sulla natura

La peste è stata precedentemente identificata in diversi individui dell’Eurasia tra 5.000 e 2.500 anni fa, un periodo compreso tra il tardo neolitico e l’età del bronzo (chiamato LNBA), ma non era mai stato trovata prima in Gran Bretagna. L’ampia diffusione geografica suggerisce che questo ceppo della peste veniva facilmente trasmesso.

L’età del bronzo in Europa iniziò nel 3200 a.C. e durò fino all’800 a.C., fu l’epoca durante la quale l’uomo iniziò a lavorare il metallo, caratterizzata dall’uso di manufatti e strumenti in bronzo.

In Gran Bretagna, l’età del bronzo ha coinciso con la migrazione di persone in Gran Bretagna circa 4.400 anni fa. Questo gruppo di persone può essere identificato poiché venivano sepolte con manufatti distintivi come la ceramica Beaker, che era a forma di campana.

Questo ceppo della peste – il lignaggio LNBA – fu probabilmente portato nell’Europa centrale e occidentale intorno a 4.800 anni fa dagli esseri umani che si espandevano in Eurasia. Questa ricerca suggerisce che si sia estesa fino alla Gran Bretagna.

Utilizzando il sequenziamento del genoma, i ricercatori hanno dimostrato che questo ceppo di Yersinia pestis è molto simile al ceppo identificato in Eurasia in quella stessa epoca.

Certosa Warren

Charterhouse Warren, foto scattata nel 1972. Crediti: Tony Audsley

Gli individui identificati erano tutti privi dei geni yapC e ymt, che si osservano in successivi ceppi di peste, l’ultimo dei quali è noto per essere trasmesso attraverso le pulci. Questa informazione ha suggerito che questo ceppo della peste non si trasmettesse tramite le pulci, a differenza dei successivi ceppi della peste come quello che ha causato la peste nera.

Poiché il DNA patogeno – DNA di batteri, protozoi o virus che causano malattie – si degrada molto rapidamente in campioni che potrebbero essere incompleti o erosi, è anche possibile che altri individui in questi luoghi di sepoltura possano essere stati infettati dallo stesso ceppo di peste.

Certosa Warren Pit

Charterhouse Warren – fossa, scattata nel 1972. Crediti: Tony Audsley

Il sito di Charterhouse Warren è raro in quanto non corrisponde ad altri siti funerari di epoca analoga: le persone sepolte lì sembrano essere morte a causa di un trauma. I ricercatori ipotizzano che la sepoltura di massa non sia stata dovuta ad un’epidemia di peste, ma che gli individui potrebbero essere stati infettati al momento della morte.

Pooja Swali, primo autore e studente di dottorato al Crick, ha dichiarato: “La capacità di rilevare antichi agenti patogeni da campioni degradati, risalenti a migliaia di anni fa, è incredibile. Questi genomi possono informarci della diffusione e dei cambiamenti evolutivi dei patogeni nel passato e, si spera, aiutarci a capire quali geni possono essere importanti nella diffusione delle malattie infettive. Vediamo che questo lignaggio di Yersinia pestis, compresi i genomi analizzati in questo studio, perde geni nel tempo, un modello che è emerso nelle epidemie successive causate dallo stesso agente patogeno”.

Pontus Skoglund, capogruppo dell’Ancient Genomics Laboratory presso il Crick, ha dichiarato: “Questa ricerca è un nuovo pezzo del puzzle nella nostra comprensione dell’antica documentazione genomica di agenti patogeni e umani e di come ci siamo evoluti”.

Comprendiamo l’enorme impatto di molti focolai storici di peste, come la peste nera, sulle società umane e sulla salute, ma il DNA antico può documentare malattie infettive molto più lontane nel passato. La ricerca futura ci farà capire meglio come i nostri genomi hanno risposto a tali malattie in passato e la corsa agli armamenti evolutiva con gli stessi agenti patogeni, che possono aiutarci a comprendere l’impatto delle malattie nel presente o nel futuro“.

Fonte: “Yersinia pestis genomes reveal plague in Britain 4,000 years ago” di Swali, P. et al., 30 maggio 2023, Nature Communications .
DOI: 10.1038/s41467-023-38393-w

2