Ritrovata un’antica struttura più vecchia delle piramidi

Gli archeologi, scavando vicino a Praga, hanno scoperto i resti di una struttura dell'età della pietra più antica di Stonehenge e persino delle piramidi egizie: un complesso enigmatico noto come roundel

880
Ritrovata un'antica struttura più vecchia delle piramidi
Ritrovata un'antica struttura più vecchia delle piramidi

Gli archeologi, scavando vicino a Praga, hanno scoperto i resti di una struttura dell’età della pietra più antica di Stonehenge e persino delle piramidi egizie: un complesso enigmatico noto come roundel.

Quasi 7.000 anni fa, durante il tardo Neolitico, o Nuova Età della Pietra, una comunità agricola locale forse utilizzava questo edificio circolare per incontri e raduni, sebbene il suo vero scopo per ora resta sconosciuto.

L’area circolare è grande – circa 55 metri di diametro, come riferisce Radio Prague International.

Una veduta aerea dell'antica rotonda di Praga che mostra i tre ingressi della struttura.
Una veduta aerea della struttura circolare di Vinoř vicino a Praga, che mostra tre ingressi separati. (Istituto di Archeologia dell’Accademia delle Scienze ceca)

E mentre “è troppo presto per dire qualcosa sulle persone che costruiscono questa struttura circolare, è chiaro che facevano parte della cultura della ceramica decorata, fiorita tra il 4900 a.C. e il 4400 a.C.”, ha dichiarato Jaroslav Řídký, portavoce dell’Istituto di Archeologia di l’Accademia delle scienze ceca (IAP) ed esperto di queste strutture circolari della Repubblica Ceca.

Miroslav Kraus, direttore dello scavo nel distretto di Vinoř per conto dell’IAP, ha affermato che rivelare la struttura potrebbe fornire loro un indizio sull’uso dell’edificio.

I ricercatori hanno appreso per la prima volta dell’esistenza del tondo Vinoř negli anni ’80, durante lavori edili per la posa di gasdotti ma gli scavi attuali hanno rivelato per la prima volta l’integrità della struttura.

Finora, il suo team ha recuperato frammenti di ceramica, ossa di animali e strumenti di pietra nel riempimento del fossato, secondo Řídký.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La datazione al carbonio dei resti organici di questo scavo circolare potrebbero aiutare il team a individuare la data di costruzione della struttura e possibilmente collegarla a un insediamento neolitico scoperto nelle vicinanze.

Advertisement

Ma “la conoscenza della costruzione di tondi ha attraversato i confini di diverse culture archeologiche“, ha osservato Řídký. “Diverse comunità hanno costruito strutture tonde nell’Europa centrale“.

I tondi non erano caratteristiche antiche ben note fino a pochi decenni fa, quando la fotografia aerea e la ricognizione con i droni divennero una parte fondamentale del kit di strumenti archeologici.

Ma ora, gli archeologi sanno che “i tondi sono la più antica testimonianza di architettura in tutta Europa“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Visti dall’alto, i tondi sono costituiti da uno o più ampi fossati circolari con più fessure che fungevano da ingressi. La parte interna di ogni roundel era probabilmente rivestita con pali di legno, forse con fango che intonacava le fessure, secondo Radio Prague International.

Centinaia di questi lavori di sterro circolari sono stati trovati in tutta l’Europa centrale, ma risalgono tutti a un arco di soli due o tre secoli. Sebbene la loro popolarità nel tardo Neolitico sia chiara, la loro funzione è ancora in discussione.

Nel 1991, il primo roundel conosciuto è stato trovato in Germania. Chiamato Goseck Circle, ha un diametro di 75 m e aveva una doppia palizzata di legno e tre ingressi.

Poiché due degli ingressi corrispondono all’alba e al tramonto durante i solstizi d’inverno e d’estate, un’interpretazione del Circolo di Goseck è che funzionasse come un osservatorio o una sorta di calendario, secondo uno studio del 2012 sulla rivista Archaeological Papers of the American Anthropological Association.

Advertisement

Řídký ha preferito un’interpretazione più generale della struttura di Vinoř, osservando che “i tondi probabilmente combinavano diverse funzioni, la più importante delle quali socio-rituale“.

È probabile che queste strutture circolari venissero costruite per raduni di un gran numero di persone, forse per commemorare eventi importanti per loro come comunità, come riti di passaggio, fenomeni astronomici o scambi economici.

Dato che le persone che costruivano i roundel avevano solo strumenti di pietra con cui lavorare, le dimensioni di questi circoli sono piuttosto impressionanti: più comunemente, circa 60 m di diametro, o metà della lunghezza di un campo da calcio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma poco si sa delle persone stesse, poiché sono state trovate pochissime sepolture che potrebbero fornire maggiori informazioni sulla loro vita sette millenni fa.

Dopo tre secoli di popolarità, i roundel scomparvero improvvisamente dalla documentazione archeologica intorno al 4600 a.C.. Gli archeologi non sanno ancora perché i circoli siano stati abbandonati ma considerando che oltre un quarto di tutte queste strutture trovate fino ad oggi si trovano nella Repubblica Ceca, ricerche future simili allo scavo di Vinoř potrebbero eventualmente aiutare a risolvere il mistero dei tondi.

Advertisement