Riportare gli astronauti sulla Luna: le ambizioni della NASA

La NASA continua a portare avanti il progetto ambizioso di riportare gli astronauti sulla Luna, grazie alla collaborazione con SpaceX e Blue Origin

2
70
SLIM, Tempo Lunare Coordinato

la NASA punta ancora una volta a riportate gli astronauti sulla Luna, decenni dopo che gli Stati Uniti hanno iniziato e vinto la corsa allo spazio con l’Unione Sovietica, questa volta però il match è con la Cina. La missione Artemis della NASA prevede di riportare gli astronauti sulla Luna e stabilire un avamposto nel suo polo sud. Anche il programma spaziale cinese in rapida crescita ha gli occhi puntati sulla Luna, con l’intenzione di inviare lì i suoi taikonauti, o astronauti cinesi, entro la fine del decennio.

telescopio, Mengzhou, riportare gli astronauti sulla Luna

Riportare gli astronauti sulla Luna: la NASA collaborerà con SpaceX

Per riportare gli astronauti sulla Luna, l’agenzia spaziale statunitense ha aperto una collaborazione con SpaceX.

La luna si sta restringendo, riportare gli astronauti sulla Luna

Quando Artemis I è stato lanciato nello spazio nel novembre del 2022, è stato l’inizio di una missione quasi impeccabile. Nel suo primo volo di prova, è stata inviata una capsula vuota dell’equipaggio Orion su un sorvolo di 1,4 milioni di miglia della luna prima di un ritorno sulla Terra perfetto.



Il prossimo volo, l’ Artemis II, destinato a riportare gli astronauti sulla Luna, avrebbe dovuto essere lanciato quest’anno, e poi un anno dopo Artemis III avrebbe fatto atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla luna ma purtroppo ci sono state difficoltà tecniche.

Riportare gli astronauti sulla Luna: i costi sono esorbitanti

L’ispettore generale della NASA afferma che i costi del programma Artemis sono semplicemente insostenibili. George Scott ispettore generale ad interim della NASA, invece ritiene che la Nasat intrapreso un percorso conveniente per svolgere queste missioni.

Crediamo che il razzo di cui disponiamo sia il più adatto per la missione e, francamente, l’unico al mondo in grado di portare gli equipaggi sulla luna.Ma la maggior parte dei componenti di quel razzo SLS finiscono nell’oceano e non sono riutilizzabili. Con l’obiettivo di costruire un avamposto sulla Luna, Artemis avrà bisogno di molti di quei razzi da 4,2 miliardi di dollari!”, ha commentato Jim Free è l’amministratore associato della NASA.

La Luna ha milioni di anni in più di quanto si pensasse in precedenza, SLIM, mattoni di polvere lunare, riportare gli astronauti sulla Luna

È previsto più di un lancio per portare sulla Luna tutto quello che occorre, e questo non riduce certamente i costi: “il numero di lanci è scoraggiante, ma è impegnativo riportare gli astronauti sulla Luna”, ha spiegato Free.

Quando l’America ha inviato Neil Armstrong e altri 11 astronauti sulla Luna mezzo secolo fa, l’equipaggio è arrivato sulla superficie lunare a bordo di lander di proprietà e gestiti dalla NASA. Questa volta, per riportare gli astronauti sulla Luna, l’approccio sarà diverso.

La differenza è che lo acquistiamo come servizio. Stiamo pagando qualcuno per riportare i nostri equipaggi sulla Luna“, ha aggiunto Jim Free.

Riportare gli astronauti sulla Luna: la NASA ha scelto Elon Musk

La NASA ha scelto Elon Musk. Nel 2021, la NASA ha firmato un contratto da quasi 3 miliardi di dollari con la sua SpaceX per utilizzare lo Starship come lander lunare per i riportare gli astronauti sulla Luna grazie alla missione Artemis.

SpaceX ha preparato per il suo terzo lancio di Starship a bordo del suo enorme booster che pero è esploso. I primi due lanci si sono conclusi più o meno allo stesso modo. Il piano dichiarato di SpaceX è quello di mettere prima il lander Starship in orbita terrestre bassa, quindi lanciare altre 10 navi cisterna stellari per pompare carburante per razzi nel lander nello spazio.

La navicella spaziale Juno ha immortalato Io, la luna vulcanica di Giove, riportare gli astronauti sulla Luna

Il contratto della NASA con SpaceX per riportare gli astronauti sulla Luna prevede che la compagnia effettui un atterraggio sul suolo lunare senza equipaggio con Starship prima di provarne uno con gli astronauti a bordo. La NASA tuttavia continua a sostenere che la missione con equipaggio potrà avvenire in due anni e mezzo.

Per garantire che gli Stati Uniti pianteranno per primi la loro bandiera, lo scorso anno la NASA ha firmato un nuovo contratto da 3 miliardi di dollari con Blue Origin, la società spaziale di proprietà del miliardario Jeff Bezos, per costruire un altro lander lunare. E Jim Free è chiarissimo nel considerarla un’opzione se le astronavi SpaceX continuano a esplodere.

SpaceX ha fatto cose straordinarie e ha cambiato la narrativa sull’accesso allo spazio. E Blue Origin sta cercando di fare lo stesso. Prevediamo che questo lander atterrerà sulla Luna tra 12 e 16 mesi a partire da oggi.

2