Blue Origin: il lancio di New Glenn previsto nel 2024

New Glenn: il razzo pesante di Jeff Bezos ha davvero una possibilità di essere lanciato l'anno prossimo?

0
165
Blue Origin: il lancio di New Glenn previsto nel 2024
Blue Origin: il lancio di New Glenn previsto nel 2024

Per la prima volta, inizia a sembrare che la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, possa avere la possibilità di lanciare il suo razzo New Glenn, a lungo ritardato, entro i prossimi 12 mesi.

Naturalmente, c’è molto da testare e convalidare per Blue Origin prima che New Glenn sia pronto a volare. Per prima cosa, gli ingegneri della compagnia devono assemblare completamente un razzo New Glenn e sollevarlo sulla vasta rampa di lancio sul mare della compagnia presso lo spazioporto della Space Force di Cape Canaveral in Florida. Ci sono buone probabilità che ciò accada nei prossimi mesi poiché Blue Origin si prepara per una serie di test di rifornimento e conti alla rovescia simulati sul sito di lancio.

New Glenn, la Legge di Berger

La Legge di Berger è una linea guida che afferma che se un lancio è previsto per il quarto trimestre di un anno solare – e se mancano almeno sei mesi – il lancio ritarderà all’anno successivo. Considerando la storia dei ritardi di New Glenn di Blue Origin, questa è probabilmente la scommessa più sicura.

Il volo inaugurale di New Glenn è stato ritardato dal 2020 al 2021, poi al 2022 e, per ora, è previsto per il 2024. Ma vale la pena notare che Blue Origin è coerente nel suo programma di lancio per il 2024 per New Glenn da un po’ di tempo ormai, e martedì un funzionario senior di Blue Origin ha confermato il debutto di New Glenn. Ci sono anche molti segnali, oltre alle dichiarazioni di Blue Origin, che indicano che l’azienda sta facendo progressi reali con il suo nuovo razzo.

Quanto sarà alto il razzo 

Il New Glenn a due stadi sarà alto più di 98 metri, con la capacità di trasportare quasi 45 tonnellate di carico utile nell’orbita terrestre bassa, secondo Blue Origin. Si tratta di una classe di peso superiore alla capacità massima del razzo Vulcan della United Launch Alliance o del razzo Falcon 9 di SpaceX, ma inferiore al Falcon Heavy di SpaceX.

Una possibile missione robotica

Un funzionario della NASA il mese scorso ha detto che l’agenzia prevede di mettere una delle sue missioni robotiche su Marte sul primo volo del nuovo razzo di Blue Origin l’anno prossimo. La missione scientifica su Marte, denominata ESCAPADE, consiste in due piccoli veicoli spaziali identici per studiare la magnetosfera marziana. Ha un costo relativamente basso e la NASA è disposta ad accettare qualche rischio nel lanciarlo sul primo volo New Glenn, ma se non lascerà la Terra l’anno prossimo, la missione dovrà affrontare un ritardo di due anni.



Le dichiarazioni di Lars Hoffman

Lars Hoffman, vicepresidente delle vendite governative di Blue Origin, ha fornito una panoramica di alto livello del razzo New Glenn sviluppato privatamente durante una presentazione martedì alla Spacepower Conference della Space Force Association a Orlando.“Ora siamo pronti per iniziare davvero ad amplificare un po’ le cose”, ha detto Hoffman. “Inizieremo a lanciare New Glenn l’anno prossimo”

Gli obiettivi per il 2024

Hoffman ha mostrato un video all’interno dello stabilimento di produzione di Blue Origin a New Glenn, vicino al Kennedy Space Center della NASA, a poche miglia di distanza dal sito di lancio di Cape Canaveral. Blue Origin intende utilizzare la maggior parte delle parti visibili all’interno, che includevano serbatoi e altre strutture metalliche, su veri razzi New Glenn idonei al volo, ha detto. Parte dell’attrezzatura verrà utilizzata per i test di qualificazione a terra.

“Il ritmo di produzione sta aumentando di giorno in giorno”, ha detto Hoffman al raduno dei funzionari della Space Force. “Questo è tutto l’hardware di volo che utilizzeremo per i nostri primi lanci l’anno prossimo. C’è anche dell’hardware di qualità, ma le cose stanno migliorando molto velocemente”.

2