OSIRIS-REx, missione compiuta

Secondo Dante Lauretta, investigatore principale della missione e professore presso l'Università dell'Arizona, Lunar and Planetary Laboratory, tutto è andato alla perfezione in base ai dati comunicati dalla sonda

1327

Dopo aver orbitato attorno all’asteroide Bennu vicino alla Terra per quasi due anni, la sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA ha toccato con successo la superficie dell’asteroide Bennu e ha allungato il suo braccio robotico per raccogliere un campione dalla superficie dell’asteroide.
Il campione raccolto verrà consegnato sulla Terra nel 2023.
Per ottenere questo primato storico per la NASA, un veicolo spaziale delle dimensioni di un furgone ha dovuto appoggiare brevemente il suo braccio in un sito di atterraggio chiamato Nightingale. L’area scelta per l’atterraggio aveva l’ampiezza di pochi posti auto.
Il braccio si è esteso per raccogliere un campione per una quantità che potrebbe essere compresa tra una ventina di grammi e 2 chilogrammi. Quindi, il veicolo spaziale si è ritirato per mettersi al sicuro.


Secondo Dante Lauretta, investigatore principale della missione e professore presso l’Università dell’Arizona, Lunar and Planetary Laboratory, tutto è andato alla perfezione in base ai dati comunicati dalla sonda. Ha detto che si sente “trascendente” e la squadra è “esuberante” sulla base dei dati attuali.
Martedì notte, il team OSIRIS-REx esaminerà i dati inviati dalla sonda.
Dopo oltre un decennio di pianificazione, il team è felicissimo per il successo del tentativo di campionamento di oggi“, ha detto Lauretta in una nota. “Anche se abbiamo del lavoro da fare per determinare l’esito dell’evento: il successo del contatto, l’accensione del gas TAGSAM e l’allontanamento da Bennu sono risultati importanti per il team. Non vedo l’ora di analizzare i dati per determinare la massa del campione raccolto“.
L’agenzia sarà in grado di confermare se un campione è stato raccolto con successo in seguito e le immagini dell’evento saranno disponibili mercoledì sul sito della NASA.
Questa è stata un’impresa incredibile – e oggi abbiamo fatto progredire sia la scienza che l’ingegneria e le nostre prospettive di future missioni per studiare questi misteriosi narratori  della storia antica del sistema solare“, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Direzione della missione scientifica della NASA in una dichiarazione . “Un pezzo di roccia primordiale che è stato testimone dell’intera storia del nostro sistema solare potrebbe ora essere pronto a tornare a casa per generazioni di scoperte scientifiche e non vediamo l’ora di vedere cosa verrà dopo“.
Il sito da cui la sonda ha prelevato il campione si trova all’interno di un cratere delle dimensioni di un campo da tennis e circondato da massi delle dimensioni di un edificio.
Situato a più di 350 milioni di chilometri dalla Terra, Bennu è un asteroide costellato di massi e alto quanto l’Empire State Building. È un asteroide “mucchio di macerie“, che è un raggruppamento di rocce tenute insieme dalla gravità piuttosto che un singolo oggetto.
La missione – che sta per Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer – è stata lanciata a settembre 2016.
Da quando ha raggiunto Bennu, il veicolo spaziale e le sue telecamere hanno raccolto e inviato dati e immagini per aiutare il team a saperne di più sulla composizione dell’asteroide e mappare i migliori potenziali siti di atterraggio per raccogliere campioni.
L’evento principale della missione è l’evento di raccolta di campioni Touch-and-Go, o TAG, che si è verificato oggi.
Bennu ha un’orbita che lo avvicina alla Terra, motivo per cui è considerato un NEAR e uno dei suoi approcci futuri potrebbe portarlo pericolosamente vicino alla Terra nel prossimo secolo; ha una possibilità su 2.700 di impattare il nostro pianeta.
I campioni di Bennu potrebbero aiutare gli scienziati a capire non solo di più sugli asteroidi che potrebbero avere un impatto sulla Terra, ma anche su come si sono formati i pianeti e ha avuto inizio la vita.
La manovra TAG di oggi è stata storica“, ha dichiarato Lori Glaze, direttore della Divisione Planetary Science presso la sede della NASA a Washington, in una dichiarazione. “Il fatto che abbiamo toccato in sicurezza e con successo la superficie di Bennu, oltre a tutte le altre pietre miliari che questa missione ha già raggiunto, è una testimonianza dello spirito vivente di esplorazione che continua a scoprire i segreti del sistema solare“.

L’attesa del contatto

Invece dei cosiddetti “sette minuti di terrore” del tentativo di far atterrare il rover Perseverance su Marte il prossimo anno, il team OSIRIS-REx ha sperimentato “4,5 ore di lieve ansia”, secondo Beth Buck, responsabile del programma operativo della missione presso la Lockheed Martin Space a Littleton, Colorado.
L’evento è iniziato ufficialmente alle 13:57 ET.
Durante questo periodo, il veicolo spaziale è disceso dalla sua orbita attorno all’asteroide e si è avvicinato abbastanza da toccarlo.
L’asteroide e il veicolo spaziale si trovano attualmente a circa 350 milioni di chilometri dalla Terra, il che causa un ritardo di comunicazione di circa 18,5 minuti tra il team della missione e il veicolo spaziale.
Il team della NASA ha condiviso animazioni sull’account Twitter della missione che raffigurano ciò che stava accadendo in base ai comandi che erano stati inviati a OSIRIS-REx ore prima per la sequenza di raccolta dei campioni.
La sonda ha eseguito l’intera sequenza di avvicinamento all’asteroide e di raccolta del campione in modo autonomo poiché i comandi dal vivo dalla Terra non erano possibili.

Atterrare su un asteroide

L’evento ha richiesto circa 4,5 ore in totale per svolgersi e il veicolo spaziale ha eseguito tre manovre per raccogliere il campione.
La navicella ha acceso propulsori per lasciare la sua orbita sicura attorno all’asteroide e ha viaggiato per un totale di quattro ore prima di raggiungere la distanza minima dall’asteroide.
OSIRIS-REx ha quindi rallentato la sua discesa per indirizzare un percorso in modo che corrispondesse alla rotazione dell’asteroide durante il contatto. I suoi pannelli solari si sono piegati in una configurazione di ala a Y sopra il veicolo spaziale per proteggerli.
Se la raccolta del campione è avvenuta come previsto, la testa del collettore della sonda ha catturato il materiale smosso. Questa testa, situata sul braccio robotico di campionamento è l’unica parte del veicolo spaziale che ha toccato Bennu. Il team lo paragona a un filtro dell’aria di un vecchio modello di auto, perfetto per raccogliere materiale fine.

Dopo l’evento

Una telecamera sul veicolo spaziale ha catturato il filmato dell’evento di raccolta.
La sonda OSIRIS-REx aveva il compito di rilevare i pericoli e ritardare la propria missione se eventuali ostacoli si fossero intromessi nella raccolta dei campioni. Sulla base delle sue simulazioni, il team ha stimato che c’era meno del 6% di possibilità che il veicolo spaziale avrebbe interrotto la missione.
Oggi la navicella invierà le immagini registrate durante l’operazione fornendo maggiori dettagli sulla raccolta dei campioni e su come sta andando la navicella.
È difficile esprimere a parole quanto sia stato emozionante ricevere la conferma che il veicolo spaziale ha toccato con successo la superficie e ha sparato una delle bombole del gas“, ha affermato Michael Moreau, vice project manager di OSIRIS-REx presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland , in una dichiarazione.
La nostra prima indicazione del fatto che siamo riusciti a raccogliere un campione arriverà oggi quando effettueremo il downlink del filmato di back-away dalla navicella“, ha detto Moreau. “Se TAG ha prodotto un disturbo significativo della superficie, probabilmente abbiamo raccolto molto materiale“.
Il team stima che sabato avranno una misurazione della massa del campione. Entro il 30 ottobre, la NASA confermerà se il veicolo spaziale ha raccolto un campione sufficiente o se ha bisogno di fare un altro tentativo di raccolta di campioni a gennaio in un altro sito di atterraggio chiamato Osprey.
Ma se tutto è andato secondo i programmi il veicolo spaziale e il suo prezioso campione inizieranno il lungo viaggio di ritorno sulla Terra il prossimo anno per giungervi nel 2023.