La riduzione di un amminoacido allunga la durata della vita nei topi

Un nuovo studio sui topi ha scoperto che l'assunzione limitata di un particolare amminoacido essenziale rallenta gli effetti dell'invecchiamento su tali animali

0
152
La vita dei topi aumenta grazie alla riduzione di un amminoacido
La vita dei topi aumenta grazie alla riduzione di un amminoacido

Un nuovo studio sui topi ha scoperto che la riduzione di un particolare amminoacido rallenta la vecchiaia di questi animali, allungandone addirittura la durata della vita. Gli scienziati adesso si chiedono se questi risultati possano valere anche per gli esseri umani, aumentando la durata della vita e dando ulteriori benefici.

L’isoleucina è uno dei tre aminoacidi a catena ramificata che usiamo per costruire le proteine del nostro corpo. Tale amminoacido è essenziale per il nostro organismo, ma non disponendolo di base, dobbiamo assimilarlo tramite il consumo di alimenti come uova, latticini, proteine di soia e carne. L’isoleucina può dare effetti benefici impensabili. Scopriamo quali. 

Le ricerche sull’isoleucina

Ricerche precedenti , utilizzando i dati di un sondaggio del 2016-2017 condotto tra i residenti del Wisconsin, avevano scoperto che i livelli di isoleucina nella dieta erano collegati alla salute metabolica e che le persone con BMI più elevati generalmente consumavano quantità molto maggiori di questo amminoacido.

Dudley Lamming è ricercatore sul metabolismo dell’Università del Wisconsin, USA, che è stato coinvolto negli studi inerenti alal scoperta. L’esperto ha precisato tramite alcune dichiarazioni riportate da Science Alert: “Diversi componenti della dieta hanno valore e impatto oltre la loro funzione calorica, e abbiamo approfondito un componente di cui molte persone potrebbero mangiare troppo”.

Lo studio sui topi

Lamming ha specificato: “È interessante e incoraggiante pensare che un cambiamento nella dieta possa ancora fare una così grande differenza nella durata della vita e in ciò che chiamiamo ‘durata della salute’, anche quando inizia più vicino alla mezza età”.

Un gruppo geneticamente diverso di topi è stato alimentato con una dieta contenente venti aminoacidi comuni come controllo, una dieta in cui tutti gli aminoacidi erano ridotti di circa due terzi o una dieta in cui solo l’isoleucina era ridotta della stessa quantità. All’inizio dello studio i topi avevano circa sei mesi, l’età equivalente di una persona di 30 anni. Potevano mangiare quanto volevano, ma solo dal tipo specifico di cibo fornito al loro gruppo.



La limitazione dell’isoleucina nella dieta ha aumentato la durata della vita e la salute dei topi, ridotto la loro fragilità e promosso la magrezza e il controllo glicemico. I topi maschi hanno avuto un aumento della durata della vita del 33% rispetto a quelli la cui isoleucina non era stata limitata, e le femmine hanno avuto un aumento del 7%. Questi topi hanno ottenuto punteggi migliori anche in 26 parametri di salute, tra cui forza muscolare, resistenza, livelli di zucchero nel sangue, uso della coda e perdita di pelo.

L’ingrossamento della prostata

I topi maschi di questo gruppo presentavano un ingrossamento della prostata meno correlato all’età e avevano meno probabilità di sviluppare i tumori cancerosi comuni nei diversi ceppi di topi. Curiosamente, i topi a cui è stato somministrato cibo a basso contenuto di isoleucina hanno anche mangiato molte più calorie rispetto agli altri. Ma invece di aumentare di peso, in realtà bruciavano più energia e mantenevano un peso corporeo più snello, anche se i loro livelli di attività non erano diversi.

I ricercatori ritengono che la limitazione dell’isoleucina negli esseri umani, sia attraverso la dieta che con mezzi farmaceutici, abbia il potenziale per produrre effetti anti-età simili, anche se, come per tutti gli studi sui topi, non lo sapremo con certezza finché non sarà effettivamente testato sugli esseri umani.

Questo è più facile a dirsi che a farsi. Sebbene il cibo fornito ai topi fosse controllato, i ricercatori hanno notato che la dieta è una reazione chimica incredibilmente complessa e potrebbero esserci altri componenti dietetici coinvolti nella produzione di questi risultati. Limitare l’assunzione di proteine ​​in generale, ad esempio, ha effetti dannosi sul corpo, sul topo o sull’uomo.

Tradurre questa ricerca per l’uso umano nel mondo reale è più complicato della semplice riduzione dell’assunzione di alimenti ad alto contenuto proteico, anche se questo è il modo più semplice per limitare l’assunzione di isoleucina.

2