Ricostruiti digitalmente i due cervelli di spinosauro più antichi – video

I ricercatori dell’Università di Southampton e dell’Università dell’Ohio hanno ricostruito il cervello e l’orecchio interno di due spinosauri britannici per capire come interagissero con l’ambiente circostante.

Lo spinosauro

Vissuto in quello che oggi è il Nord Africa durante gli stadi Cenomaniano e Turoniano superiore del tardo Cretaceo, circa 99-93,5 milioni di anni fa, lo spinosauro era un insolito gruppo di dinosauri teropodi estinti, dotati di lunghe mascelle simili a coccodrilli e denti conici.

Lo spinosauro fu anche uno dei più grandi, se non il più grande, tra i teropodi conosciuti, superando giganti come Tyrannosaurus e Giganotosaurus in lunghezza. Le stime pubblicate nel 2005, 2007 e 2008 parlavano di una lunghezza compresa tra i 12,6-18 metri e tra le 7 e le 20,9 tonnellate di peso. Le più recenti stime (2014 e 2015), basate su esemplari più completi, fissano la lunghezza complessiva massima dello spinosauro a 15 metri.

È ormai certo che lo spinosauro si cibasse prevalentemente di pesci, e alcuni paleontologi sostengono che potesse cacciare prede sia acquatiche sia terricole, essendo capace di vivere sia nell’acqua sia sulla terra ferma. I suoi processi spinosi misuravano almeno 1,65 metri di lunghezza ed erano probabilmente connessi tra loro dalla pelle, formando una sorta di struttura a “vela”, anche se alcuni paleontologi sostengono che fossero ricoperti di grasso e che avessero una gobba.

I primi resti fossili descritti di spinosauro furono descritti nel XX secolo. Fra il 1910 e il 1914 il nobile paleontologo bavarese Ernest Freiherr Stromer van Reichenbach aveva compiuto con la sua équipe varie e prolungate spedizioni nel Sahara egiziano, ai margini orientali dell’antico sistema fluviale di cui il Kem Kem costituisce il confine occidentale. Stromer scoprì e descrisse circa 45 diversi taxa tra dinosauri, coccodrilli, tartarughe e pesci.

Tra le sue scoperte spiccavano due scheletri parziali di un dinosauro mai identificato prima, che nel 1915 Stromer chiamò Spinosaurus aegyptiacus.

La ricostruzione digitale

I ricercatori hanno scansionato fossili di Baryonyx dal Surrey e Ceratosuchops dall’Isola di Wight. Secondo l’ Università di Southampton, questi sono i più antichi spinosauro per i quali è noto il materiale della scatola cranica. Attraverso 125 milioni di anni fa, le enormi bestie avrebbero passeggiato intorno alla Terra. Le scatole craniche di entrambi i campioni sono in buone condizioni e gli scienziati hanno utilizzato la ricostruzione digitale per ricreare i tessuti molli interni che erano decomposti da tempo.

I bulbi olfattivi, che elaborano i profumi, non erano ben sviluppati e l’orecchio era probabilmente sintonizzato su suoni a bassa frequenza, secondo gli esperti. Le regioni del cervello responsabili del mantenimento dell’equilibrio e dello sguardo fisso sulla preda potrebbero essere state meno sviluppate rispetto allo Spinosauro successivo e più specializzato.

“Nonostante la loro insolita ecologia, sembra che il cervello e i sensi di questo primo Spinosauro conservassero molti aspetti in comune con altri teropodi di grandi dimensioni – non ci sono prove che i loro stili di vita semi-acquatici si riflettano nel modo in cui sono organizzati i loro cervelli”, ha detto il dottorato di ricerca dell’Università di Southampton studente Chris Barker, che ha condotto lo studio.

Aveva solo bisogno di evolversi

Un’interpretazione di questi dati è che gli antenati teropodi dello spinosauro avevano già cervelli e adattamenti sensoriali adatti per la cattura occasionale di pesci e che lo spinosauro aveva solo bisogno di evolvere un muso e denti atipici per specializzarsi per un’esistenza semi-acquatica.

“Poiché i crani di tutti gli spinosauro sono così specializzati per la cattura del pesce, è sorprendente vedere cervelli così ‘non specializzati'”, ha dichiarato l’autore principale Dr. Darren Naish.

Ma i risultati sono comunque significativi. È emozionante ottenere così tante informazioni sulle capacità sensoriali – udito, olfatto, equilibrio e così via – dai dinosauri. Usando una tecnologia all’avanguardia, abbiamo praticamente ottenuto tutte le informazioni che potevamo relative al cervello da questi fossili”, ha concluso il dott. Naish.

Fonte: Journal of Anatomy

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Articoli correlati

Popular Categories