Ricercatori olandesi scoprono un possibile nuovo organo nella gola umana

Un tipo particolare di scansione ha individuato una coppia di ghiandole salivari che precedentemente non erano mai state osservate, situate nel cranio umano, proprio dove si incontrano la cavità nasale e la gola. Sono state denominare ghiandole tubariche

3083

È difficile immaginare che ci sia una parte del corpo umano passata inosservata ai medici, dopo secoli di ricerca medica. Ma questo è esattamente ciò che crede un gruppo di scienziati olandesi. Questi ricercatori hanno detto di aver scoperto un paio di ghiandole precedentemente trascurate, nascoste nei nostri crani, dove si incontrano la cavità nasale e la gola.

La scoperta delle Ghiandole tubariche

I ricercatori si sono imbattuti per la prima volta in una nuova parte del corpo, a cui propongono dare il nome di ghiandole tubariche. E‘ accaduto durante una scansione progettata per cercare escrescenze tumorali. Gli scienziati hanno infatti esaminato le scansioni della testa e del collo di 100 individui che stavano si stavano curando per il cancro alla prostata e hanno sezionato due cadaveri: un maschio e una femmina.


La scoperta è stata elettrizzante anche se all’inizio eravamo un po’ scettici“, ha detto l’autore principale dello studio Matthijs H. Valstar, chirurgo del dipartimento di oncologia e chirurgia della testa e del collo presso il Netherlands Cancer Institute.

Pensavamo che non fosse possibile scoprirlo nel 2020“, ha detto Valstar continuando: “Bisogna che sia replicato e dovrebbe essere fatto con diverse serie di pazienti. È importante avere la conferma dei nuovi risultati medici“.

Nuove ghiandole scoperte con scansione avanzata

Queste “nuove” ghiandole non possono essere viste con metodi convenzionali di imaging medico come ultrasuoni, scansioni TC (topografia computerizzata) o MRI (risonanza magnetica), a detta gli autori dello studio.

L’entità sconosciuta è stata identificata solo quando i medici utilizzavano un nuovo tipo di scansione avanzato chiamato PSMA PET/CT che è stato utilizzato per rilevare la diffusione del cancro alla prostata. PSMA PET è un’abbreviazione per l’imaging dell’antigene di membrana specifico della prostata mediante tomografia a emissione di positroni.

Molte scoperte avvengono accidentalmente

Le ghiandole salivari si mostrano chiaramente in questo tipo di imaging altamente sensibile. “Le persone hanno tre serie di grandi ghiandole salivari, ma non lì“, ha detto l’autore dello studio Wouter Vogel, un radioterapista presso il Netherlands Cancer Institute, che ha aggiunto: “Per quanto ne sappiamo, le uniche ghiandole salivari o mucose nel rinofaringe sono microscopicamente piccole e fino a 1000 sono distribuite uniformemente in tutta la mucosa. Quindi, si può immaginare la nostra sorpresa quando le abbiamo trovate“.

“Molte grandi scoperte scientifiche avvengono come una sorpresa, una scoperta accidentale. Questi ricercatori sono stati sintonizzati sui dati ed erano abbastanza esperti dal punto di vista anatomico da notare l’insolita luminosità in una regione che non si pensava contenesse ghiandole salivari“, ha detto Joy Reidenberg, professore di anatomia presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York City.  “Come disse una volta il famoso biologo francese, Louis Pasteur: “il caso favorisce la mente preparata“, ha aggiunto Reidenberg.

Nuovo organo?

E’ una questione di dibattito se le ghiandole tubariche fossero un organo completamente nuovo o potessero essere considerate parte del sistema di organi delle ghiandole salivari. “Questi risultati supportano l’identificazione delle ghiandole tubariche come una nuova entità anatomica e funzionale“, si legge nello studio, pubblicato sulla rivista “Radiotherapy and Oncology“.

Le ghiandole potrebbero essere state scoperte di recente, ma è difficile escludere che queste possano rappresentare gruppi di ghiandole salivari minori, secondo la dottoressa Valerie Fitzhugh, dottoressa di patologia presso la Rutgers New Jersey Medical School e la Rutgers Robert Wood Johnson Medical School.

Poiché lo studio si è concentrato su un piccolo numero di pazienti che erano per lo più maschi e utilizzavano test specifici piuttosto che standard, l’esame di più donne e pazienti più sani consentirebbe dati migliori. “Nel complesso, c’è ancora molto da imparare sul corpo umano“, ha detto Fitzhugh sottolineando che: “La tecnologia ci sta permettendo di fare queste scoperte. Questa potrebbe essere la prima di alcune eccitanti scoperte all’interno del corpo“.

La scoperta ha avuto implicazioni cliniche

Indipendentemente da come vengono descritte le ghiandole, gli autori hanno affermato che la loro scoperta ha avuto implicazioni cliniche, specialmente per i pazienti con cancro della testa e del collo, compresi i tumori alla gola o alla lingua. La radioterapia può danneggiare le ghiandole salivari, che possono portare a secchezza delle fauci e difficoltà a deglutire, parlare e mangiare.

Per la maggior parte dei pazienti, dovrebbe essere tecnicamente possibile evitare di fornire radiazioni a questa posizione appena scoperta del sistema delle ghiandole salivari, nello stesso modo in cui cerchiamo di risparmiare ghiandole conosciute“, ha detto Vogel che ha concluso così: “Il nostro prossimo passo è scoprire come possiamo risparmiare al meglio queste nuove ghiandole e in quali pazienti. Se riusciamo a farlo, i pazienti potrebbero sperimentare meno effetti collaterali a beneficio della loro qualità di vita complessiva dopo il trattamento“.

Fonte: https://www.cnn.com/2020/10/21/health/new-organ-throat-scn-wellness/index.html