Alla ricerca di esopianeti abitabili utilizzando Webb

Il James Webb Telescope è un passo cruciale più vicino a fornirci le migliori informazioni sulle potenzialità della vita negli esopianeti

0
813

La vita nello spazio è stata a lungo un argomento enigmatico per l’umanità. Non c’è quasi nessuna speranza per i pianeti nel nostro sistema solare. D’altra parte, lo studio degli esopianeti – pianeti al di fuori del sistema solare – sfida anche i limiti della tecnologia che abbiamo sviluppato, almeno fino ad ora. Alcuni studi sono stati condotti su esopianeti negli ultimi decenni, e uno ha rivelato di avere un’atmosfera simile a quella della Terra.

E ora, il James Webb Telescope è un passo cruciale più vicino a fornirci le migliori informazioni sulle potenzialità della vita negli esopianeti, secondo la NASA.

L’Ames Research Center della NASA, con sede nella Silicon Valley in California, ha in programma di condurre una ricerca sugli esopianeti utilizzando il telescopio spaziale James Webb in una prima mondiale. Naturalmente, man mano che l’ambito del pianeta nello studio si amplia, aumenta anche la diversità.

“La diversità dei pianeti che abbiamo scoperto all’interno della galassia supera di gran lunga la diversità dei pianeti all’interno del nostro sistema solare”, ha affermato Natasha Batalha, che è co-investigatrice di diversi programmi Webb e ricercatrice presso Ames. “Nel nostro sistema solare, abbiamo i mondi rocciosi interni e i pianeti gassosi esterni, ma gli esopianeti più comuni che vediamo sono in realtà nel mezzo”.

Il team di Baltaha indagherà su 11 pianeti tra quelli menzionati nel mezzo. Il loro scopo è avere un’idea di base di come questi esopianeti si siano formati e si siano evoluti, per capire se tali pianeti hanno un’atmosfera o se la vita su di essi è possibile.



Alla ricerca di esopianeti potenzialmente abitabili

“L’atmosfera di un pianeta è essenziale per la possibilità della vita come la conosciamo”, ha affermato Thomas Greene, astrofisico di Ames. “Abbiamo sviluppato gli strumenti di Webb per essere in grado di fornirci i dati di cui abbiamo bisogno non solo per rilevare le atmosfere, ma anche per determinare di cosa sono fatte”.

James Webb dovrebbe raccogliere dati su un esopianeta roccioso chiamato TRAPPIST-1b. Sebbene le informazioni su questo pianeta siano limitate, è noto che TRAPPIST-1b è il pianeta più interno del suo sistema e orbita molto vicino alla sua piccola, fredda e nana stella ospite. Con le informazioni fornite da James Webb, ulteriori informazioni possono rivelare se il pianeta ha un potenziale per ospitare la vita.

Tornando a Natasha Baltaha, sta conducendo un’indagine su 5 esopianeti due dei quali – TRAPPIST-1h e TRAPPIST-1e – sono nello stesso sistema con TRAPPIST-1b. È anche noto che TRAPPIST-1e si trova nella zona abitabile. Alla fine delle osservazioni, si può scoprire se questi pianeti hanno atmosfere e se sì, di cosa sono fatti.

C’è molto da scoprire sulla Terra, per non parlare del sistema solare. Ma saperne di più sugli esopianeti potrebbe aiutarci a comprendere le prospettive di abitabilità e guidarci verso metodi e direzioni migliori nella nostra esplorazione dello spazio.

2