8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeMedicinaResistenza agli antibiotici terza causa di morte a livello globale

Resistenza agli antibiotici terza causa di morte a livello globale

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La resistenza agli antibiotici è spesso vista come un “problema futuro“, ma i dati appena pubblicati hanno rivelato che sta colpendo molte, molte più vite di quanto si possa immaginare. Infatti, le ultime stime mostrano che nel 2019 si sono verificati 4,95 milioni di decessi associati alla resistenza batterica agli antibiotici, diventando così la terza causa di morte nel mondo.

I farmaci che uccidono i batteri sono innegabilmente una delle più grandi scoperte dell’umanità. Da quando Alexander Fleming ha scoperto l’attività antibatterica dei funghi Penicillium nel lontano 1928, non dobbiamo più preoccuparci della morte provocata dai graffi delle spine delle rose o dalla gonorrea. Nei decenni successivi, gli antibiotici hanno salvato milioni e milioni di vite in tutto il mondo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma con il tempo, probabilmente a causa dell’abuso da parte di molti, i batteri hanno sviluppato resistenza agli antibiotici. L’uso continuo degli stessi antibiotici più e più volte offre ai batteri l’opportunità di adattarsi ad essi, portando a un numero crescente di infezioni che non rispondono più agli antibiotici tradizionali.

Sfortunatamente, più specie batteriche acquisiranno resistenza agli antibiotici, più pazienti soccomberanno alle infezioni resistenti e i ricercatori hanno lanciato un allarme secondo il quale ogni anno muoiono più persone a causa della resistenza agli antibiotici che dell’HIV / AIDS o della malaria.

Questi nuovi dati rivelano la reale portata del problema costituito dai batteri resistenti agli antibiotici in tutto il mondo e sono un chiaro segnale che dobbiamo agire ora per combattere la minaccia“, afferma lo statistico sanitario dell’Università di Washington Chris Murray, coautore della nuova ricerca.

Stime precedenti prevedevano 10 milioni di morti all’anno dalla resistenza agli antibiotici entro il 2050, ma ora sappiamo per certo che siamo già molto più vicini a quella cifra di quanto pensassimo. Dobbiamo sfruttare questi dati per correggere la rotta e spingere l’innovazione se vogliamo vincere la battaglia contro i batteri patogeni“.

I ricercatori hanno analizzato i dati su 23 diverse specie batteriche (tra cui E. coliS. pneumoniae e S. aureus) e 88 combinazioni di batteri e farmaci provenienti da 204 paesi. Ciò ha finito per coprire 471 milioni di record di infezione, che hanno poi utilizzato per creare modelli statistici per stimare la scala della resistenza agli antibiotici.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team ha esplorato due scenari controfattuali. Nel primo, tutte le infezioni resistenti ai farmaci sono state sostituite con nessuna infezione.

Nel secondo scenario, hanno sostituito tutte le infezioni resistenti ai farmaci con infezioni sensibili ai farmaci, portando a una stima dei decessi causati direttamente dalla resistenza agli antibiotici.

Il team ha concluso che nel 2019, 4,95 milioni di decessi sono stati associati a infezioni batteriche resistenti ai farmaci, di cui 1,27 milioni sono stati causati direttamente dalla resistenza agli antibiotici, un onere enorme in tutte le aree del mondo, ma che ha un impatto particolare sui paesi a redditi bassi e medi.

""Tasso di decessi attribuibili e associati alla resistenza agli antibiotici nel 2019. (Antimicrobial Resistance Collaborators, The Lancet, 2022)

Questi calcoli hanno suggerito che solo ictus e malattie cardiache hanno causato più decessi rispetto alla resistenza agli antibiotici quell’anno.

Gli autori osservano che, a loro conoscenza, questa è la prima volta che viene effettuata una stima globale del genere. Poiché ci sono lacune nei dati provenienti da alcune parti del mondo e gravi difficoltà nell’effettuare la sorveglianza della resistenza agli antibiotici, ci sono alcune limitazioni alla loro modellizzazione. Ma la conclusione è chiara: abbiamo un grave problema di salute globale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’innovazione è stata estremamente lenta. I vaccini sono disponibili solo per uno dei sei principali agenti patogeni descritti nello studio. La pipeline clinica per gli antibiotici è troppo piccola per affrontare la crescente emergenza e diffusione della resistenza agli antibiotici“.

Gli autori sia dell’editoriale che dello studio originale esortano i leader a spostare il contrasto alla resistenza antibiotica più in alto nelle loro agende. Senza un’azione urgente, avvertono, negli anni a venire vedremo livelli ancora più elevati di decessi prevenibili.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La ricerca è stata pubblicata su The Lancet.

Articoli più letti