8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeAttualitàLa Russia non inizierà una guerra con l'Ucraina di punto in bianco....

La Russia non inizierà una guerra con l’Ucraina di punto in bianco. Ecco 8 segnali propedeutici per l’attacco

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il potenziamento militare della Russia nell’Europa orientale ha portato molti governi, compresi gli Stati Uniti, a credere che una qualche forma di attacco contro l’Ucraina sia imminente. Una guerra, che gli esperti avvertono potrebbe essere il più grande conflitto in Europa in quasi 80 anni, però non inizierebbe all’improvviso. Invece, il Cremlino completerebbe i preparativi da dietro uno scudo di guerra informatica e disturbo elettronico, dispiegando intanto droni ed eventi “omini verdi” che fornirebbero alcuni segnali di avvertimento al mondo.

Finora, la Russia ha accumulato più di 100.000 soldati lungo i confini con l’Ucraina, in Russia, Bielorussia e nella parte di Ucraina occupata, e lo spiegamento di altre truppe sembra ancora in corso. Le forze di terra dell’esercito russo hanno schierato elementi di dieci corpi d’armata nelle vicinanze dell’Ucraina, per un importo di diverse migliaia di carri armati e veicoli da combattimento di fanteria e centinaia di pezzi di artiglieria, elicotteri e sistemi di difesa aerea. Mosca ha schierato queste forze spostandole da Vladivostok (6.000 chilometri di distanza) e ha investito così tanto impegno nell’operazione che sembra improbabile che questa forza sia stata ammassata solo per fare pressione sull’Ucraina mostrando i muscoli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nessuno, tranne il presidente russo Vladimir Putin, sa cosa è in serbo per l’Ucraina, ma le cose non vanno bene per Kiev. Se la guerra arriverà, però, ci saranno segni premonitori nelle settimane e nei giorni precedenti l’attacco, segni che anticiperanno la dimensione e la natura del conflitto. Ecco alcuni segnali da tenere d’occhio.

l'esercito schiera un ospedale da campo per pazienti covid19 a chernogorsk khakassia russia

Una tenda ospedale mobile schierato dal ministero della Difesa russo per pazienti affetti da COVID-19 con una capacità di 100 posti letto nella città di Chernogorsk, novembre 2020. – ALEXANDER KOLBASOV GETTY IMAGES

Il massiccio dispiegamento dell’esercito russo al confine ucraino è consistito principalmente in hardware militare, con carri armati, veicoli da combattimento e persino sistemi missilistici terra-aria a lungo raggio apparsi sui social media. Ma per poter davvero fare la guerra, la Russia dovrà accumulare grandi quantità di diesel per i mezzi di terra e carburante per aerei, oltre a munizioni; questi stock di guerra devono ancora essere preposizionati vicino al confine ucraino. Inoltre, la Russia non ha ancora istituito ospedali da campo sul teatro delle operazioni. Se giungeranno immagini di autocisterne in spostamento verso il confine ucraino, significherà che Putin non sta solo mettendo in mostra il suo esercito, ma ha intenzione di usarlo.

Guerra cibernetica

La guerra moderna include non solo i mezzi cinetici tradizionali, ma anche la guerra informatica. Ci si può aspettare che gli hacker militari russi prendano di mira le reti informatiche ucraine, in particolare quelle di proprietà del governo nazionale, quelle preposte ai servizi pubblici, quelle delle istituzioni finanziarie e dei servizi di emergenza. Gli ucraini potrebbero ritrovarsi con i bancomat bloccati, privi di elettricità ed i sistemi informatici del governo potrebbero essere paralizzati. L’obiettivo di tale hacking sarebbe demoralizzare il popolo ucraino e fargli perdere la fiducia nel proprio governo.

Jamming GPS, spoofing

Un’altra via di attacco informatico tenderebbe ad interferire con l’accesso dell’Ucraina al sistema di posizionamento globale, o GPS. La Russia ha la capacità di inceppare o falsificare il GPS. Il primo impedisce agli utenti di ricevere dati GPS, mentre il secondo fa sì che gli utenti ricevano dati GPS falsi o fuorvianti. Ciò potrebbe rendere più difficile il coordinamento tra le unità militari ucraine e demoralizzare ulteriormente la popolazione. La Russia utilizza i propri satelliti di posizionamento, navigazione e cronometraggio (noti come GLONASS), quindi il popolo russo non sarebbe influenzato dall’interferenza con il sistema concorrente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

D-7

Sottomarini

È improbabile un intervento diretto degli Stati Uniti e della NATO dalla parte dell’Ucraina, ma resta nell’ambito delle possibilità (l’Ucraina non è un membro della NATO). Una misura precauzionale che la Russia potrebbe adottare sarebbe quella di inviare quanti più sottomarini d’attacco possibile nel Nord Atlantico nei giorni prima dell’inizio di un conflitto. Sottomarini come i nuovi sottomarini con missili da crociera Yasen della Marina russa potrebbero lanciare uno sciame di missili da crociera d’attacco, missili a bassa quota che prendono rotte più brevi e meno prevedibili verso obiettivi nelle isole britanniche, in Scandinavia e nell’Europa occidentale.

Nel caso in cui gli Stati Uniti inizino a spedire attrezzature dal Nord America all’Ucraina via mare, quegli stessi sottomarini potrebbero attaccare convogli lenti carichi di veicoli militari e rifornimenti, proprio come fece la Marina tedesca durante la prima e la seconda guerra mondiale.

Guerra elettronica

Le truppe russe di guerra elettronica entreranno in azione giorni prima di un attacco vero e proprio, con il duplice scopo di raccogliere informazioni e complicare i preparativi difensivi dell’Ucraina. L’aereo da ricognizione radar e di intelligence elettronica russo Ilyushin Il-20 volerà lungo il confine, scrutando in profondità nell’Ucraina per rilevare le forze di terra e monitorare il traffico delle comunicazioni governative e militari. Il velivolo di allarme rapido Beriev A-50 monitorerà gli aerei ucraini e NATO. Jammer come i sistemi Tiranda e Krashuka interferiranno con i radar e le comunicazioni ucraini e NATO e persino con i satelliti da ricognizione radar in orbita.

Blackout dei social media

Ancora un’altra azione da aspettarsi la settimana prima di un attacco è la chiusura dei social media russi. I social network russi possono fornire informazioni utili condivise inavvertitamente con il resto del mondo; per esempio le fidanzate dei marinai russi potrebbero lamentarsi sui social degli ordini dell’ultimo minuto dei loro fidanzati, o gli equipaggi delle petroliere russe dell’Estremo Oriente lamentarsi di essere stati spediti per migliaia di chilometri attraverso il paese. Queste informazioni sono utili per tracciare i movimenti militari russi e Mosca non vorrà svelare nulla. Mosca vorrà anche reprimere i social media per controllare la narrativa sulle vittime di fuoco amico.

D-24 ore

ucraina piccoli uomini verdi

“Omini verdi” non identificati pattugliano l’esterno dell’aeroporto di Simferopol in Ucraina il 28 febbraio 2014. Questi uomini sono stati successivamente determinati come commando russi. – GENYA SAVILOV GETTY IMAGES

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Eventi “Piccoli uomini verdi”.

All’inizio della guerra russo-ucraina del 2014, misteriosi uomini armati che indossavano passamontagna si sono aperti a ventaglio su obiettivi nella regione della Crimea in Ucraina. Gli “omini verdi“, dal nome del colore delle uniformi delle forze di terra russe, hanno seminato confusione mentre conquistavano rapidamente obiettivi chiave. Gli uomini armati erano in realtà commando russi.

Mentre l’Ucraina e i paesi della NATO sono ora attenti con questo stratagemma, è chiaramente possibile che potrebbero esserci nuovi avvistamenti di “omini verdi” nelle ore precedenti un attacco russo. Il confine della Russia con l’Ucraina è lungo e le forze speciali potrebbero nuovamente oltrepassare il confine e occupare obiettivi chiave. Detto questo, questa volta gli ucraini non saranno colti alla sprovvista; schierare uomini armati senza insegne non avrà lo stesso effetto di otto anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
le unità di fanteria navale della flotta della marina russa del Pacifico tengono l'esercitazione nel territorio di primorye

I marines russi lanciano un drone da ricognizione durante un’esercitazione militare, ottobre 2021. – YURI SMITYUK GETTY IMAGES

Ricognizione con droni

Infine, i droni militari russi a corto raggio effettueranno ricognizioni dell’ultimo minuto delle posizioni ucraine, raccogliendo quante più informazioni sulla forza e le difese. I droni presterebbero poca attenzione al confine tra i due paesi: dal punto di vista russo, presto non ci sarebbe più un governo ucraino a sporgere denuncia. La Russia perderebbe alcuni droni a causa del fuoco difensivo, ma sarebbe un piccolo prezzo da pagare in cambio di nuove informazioni. Le informazioni raccolte fornirebbero obiettivi ai caccia russi e ai jet d’attacco, ai missili da crociera, ai missili balistici tattici, all’artiglieria e ai droni armati.

Un attacco russo all’Ucraina non verrà fuori dal nulla. Maggiore sarà la pressione prebellica che la Russia potrà esercitare sull’Ucraina, più è probabile che il governo possa cedere o offrire importanti concessioni, risparmiando a Putin lo sforzo di una guerra e le conseguenti severe sanzioni da parte dell’occidente.

Articoli più letti