Ragni in microgravità

Indice
A bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) due esperimenti hanno dimostrato che i ragni possono costruire ragnatele in un ambiente a microgravità, utilizzando un’unica risorsa:  la luce.
In assenza di gravità o per meglio dire in regime di “microgravità” quando non si distingue l’alto o il basso, una fonte di luce può servire da punto di riferimento proprio come è servita ai ragni per realizzare le loro ragnatele. Un recente studio pubblicato sulla rivista Science of Nature presenta gli affascinanti esperimenti.

Sul nostro pianeta i ragni delle ragnatele Orb tessono ragnatele asimmetriche e lo fanno risentendo degli effetti della forza di gravità. Negli esperimenti effettuati in regime di microgravità a bordo della ISS i ragni hanno mostrato un comportamento molto diverso.

Quando all’esperimento è stata aggiunta una fonte di luce, lo studio ha sottolineato che i ragni hanno iniziato a tessere le loro ragnatele asimmetriche proprio come sulla Terra, Da notare che la scoperta è avvenuta per puro caso, anche se a bordo la sorpresa è stata gradita.

Il primo esperimento nello spazio utilizzando due ragni risale al 2008. In quegli esperimenti i ragni utilizzati hanno realizzato ragnatele simmetriche. L’esperimento è però sfuggito di mano quando quando uno dei due ragni è fuggito dal suo habitat e si è spostato su l’altro, unendosi al secondo ragno. Le loro ragnatele sono diventate un pasticcio aggrovigliato, rendendo troppo difficile per gli scienziati capire correttamente cosa stava succedendo. E come se non bastasse, le larve della mosca della frutta, usate per nutrire i ragni, sono sfuggite di mano tanto da rendere quasi impossibile per gli scienziati persino vedere attraverso il vetro dell’habitat.

Gli autori dello studio hanno sfruttato una nuova occasione quando nel 2011 si è presentata una seconda possibilità di inviare una coppia di ragni nello spazio.  Questa volta, l’ esperimento si è basato su ragni tessitori di sfere di seta dorata, o  clavipes Trichonephila , che tessono ragnatele eccezionalmente asimmetriche.

I due ragni erano tenuti ben separati nel loro habitat e due ragni dello stesso tipo erano tenuti in habitat identici sulla Terra, in modo da fare confronti durante gli esperimenti.

Gli studiosi hanno osservato i ragni per due mesi, utilizzando telecamere che scattavano immagini ogni cinque minuti. ” Abbiamo valutato l’orientamento del ragno in 100 ragnatele sulla base di 14.528 immagini, di cui 14.021 mostravano il ragno nella sua posizione di riposo e potevano quindi essere utilizzate per l’analisi”, hanno scritto gli autori nel loro studio .

I ricercatori hanno notato che in effetti le ragnatele erano più simmetriche nello spazio che sulla Terra. Alcune ragnatele invece mostravano una certa asimmetria perché la loro realizzazione era iniziata sotto l’influenza di una fonte di luce accesa casualmente. L’asimmetria mostrata in regime di microgravità ha suggerito ai ricercatori che la fonte di luce ha sostituito la gravità. La luce ha quindi guidato i ragni nella realizzazione della loro ragnatela asimmetrica.

Sembra che la fonte di luci abbia offerto ai ragni un riferimento tra l’alto e il basso, aiutandoli a creare le loro ragnatele in modo simile a quelle realizzate sulla Terra. I tessitori di sfere di seta dorata di solito posizionano il centro delle loro ragnatele vicino alla parte superiore mentre loro sono rivolti verso il basso in modo che possano usare la gravità a loro favore quando si tuffano verso il basso  per catturare la loro preda.

“Non avremmo immaginato che la luce avrebbe giocato un ruolo nell’orientare i ragni nello spazio“, ha detto Samuel Zschokke dell’Università di Basilea in un  comunicato . “Siamo stati molto fortunati che le lampade fossero attaccate nella parte superiore della camera e non su vari lati. Altrimenti, non saremmo stati in grado di scoprire l’effetto della luce sulla simmetria delle reti a gravità zero”.

Fonte: https://interestingengineering.com/spiders-in-space-station-can-weave-webs-without-gravity

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Articoli correlati

Popular Categories