Problema dei 3 corpi: i creatori di Game of Thrones lo hanno fatto di nuovo

Non contenti di aver trasformato una serie di romanzi al limite dell'infilmabile in una serie TV altamente guardabile, hanno ripetuto il trucco con questa serie di fantascienza profondamente complessa tratta dal Il problema dei 3 corpi

2
338
Problema dei 3 corpi: i creatori di Game of Thrones lo hanno fatto di nuovo

Non contenti di aver trasformato una serie di romanzi al limite dell’infilmabile in una serie TV altamente guardabile, hanno ripetuto il trucco con questa serie di fantascienza profondamente complessa tratta dal Il problema dei 3 corpi.

Speriamo abbiano imparato la lezione di Games of Thrones su come fare un finale di serie.

Benioff e Weiss, specialisti nel rendere interessanti contenuti apparentemente assolutamente non adatti ad na trasposizione in video, questa volta sono su Netflix, con un adattamento del più difficile dei tomi di fantascienza, Il problema dei 3 corpi di Liu Cixin (il primo di una trilogia intitolata Remembrance of Earth’s Past).

La serie in otto puntate prende il nome dal libro Il problema dei 3 corpi e si apre con una scena davvero straziante ambientata durante la rivoluzione culturale maoista in cui un eminente professore di fisica, che si è scontrato con i rivoluzionari culturali cinesi per aver insegnato i principi della scienza parlando della Teoria della Relatività, viene picchiato a morte sul palco davanti a sua moglie – che lo denuncia come reazionario mentre viene ucciso – mentre sua figlia e protetta, Ye Wenjie (Zine Tseng), guarda inorridita tra il pubblico.

Una delle linee temporali la segue mentre viene mandata prima in un campo di lavoro forzato nella Mongolia Interna e poi, quando sono necessarie le sue capacità di astrofisico, a collaborare ad un misterioso progetto scientifico (molti pulsanti, grande parabola satellitare) alla sua periferia.

Poi si torna al presente. Al giorno d’oggi, gli acceleratori di particelle di tutto il mondo hanno iniziato a fornire risultati che si fanno beffe di tutte le leggi fisiche conosciute ed eminenti scienziati si stanno uccidendo – o sembrano essersi suicidati – ad un ritmo decisamente sospetto.



Su questi “suicidi” sta indagando l’ex poliziotto Da Shi (Benedict Wong, la cui accettazione del passaggio a ruoli drammatici dopo 15 Storeys High è ancora più difficile che comprendere il Il problema dei 3 corpi in sé, indipendentemente dalla sua eccellenza in questa serie). Fa rapporto a Thomas Wade (Liam Cunningham), una figura oscura che lavora per (o forse è il capo di) un’autorità segreta ancora più oscura intenzionata a preservare l’umanità. O no. Boh.

Comunque. Una delle morti misteriose riunisce un gruppo di cinque ex studenti dell’insegnante defunto. Comprende il genio nichilista borderline Saul (Jovan Adepo), il genio dell’ingegneria Auggie (Eiza González) che è sull’orlo di una svolta che cambierà il mondo nella tecnologia delle nanofibre, la brillante fisica teorica Jin (Jess Hong), Will (Alex Sharp), l’allievo che ha lasciato la ricerca e che ora insegna scienze ai liceali ma è innamorato di Jin come lo era ai tempi dell’università, e di Jack (John Bradley), che ha mollato tutto e ha fatto fortuna con gli snack e la cui ricchezza tornerà utile in seguito.

Ma chi era il loro defunto insegnante? Vera Ye (Vedette Lim), la figlia della figlia tra il pubblico che vide suo padre nel 1966 a Pechino. Viene forgiato il primo di quelli che promettono di essere molti, molti collegamenti che si intrecciano, si susseguono e tornano indietro.

Ben presto, Auggie inizia ad avere allucinazioni su un conto alla rovescia verso quella che sembra essere la sua stessa morte – e solo la rinuncia alle sue ambizioni sulle nanofibre potrà fermare tutto ciò. Entra in gioco un gioco di realtà virtuale incredibilmente avanzato che può o meno essere collegato alla morte di Vera e degli altri scienziati. Appaiono personaggi che non vengono registrati dalle telecamere a circuito chiuso e che sembrano sapere sugli altri personaggi e sul futuro più di quanto dovrebbero.

Ancora più preoccupante è il fatto che un numero crescente di lavagne iniziano a essere tirate fuori da persone che pretendono di spiegare un numero crescente di operazioni geometriche di dimensione superiore, meccanica orbitale, il “Wow! signal” e ogni sorta di altri promemoria di qualcosa di molto importante. Non importa quanto interesse umano una squadra di adattamento porti verso un libro sulla fisica astrusa e astratta, ci saranno comunque problemi intricati che dovremo tutti fare del nostro meglio per comprendere.

Tuttavia, Il problema dei 3 corpi fa bene a spingerci avanti, sia attraverso la sofferenza e l’indurimento implacabili, ma mai esagerati, di Ye Wenjie mentre sopporta la sua effettiva prigionia all’interno del progetto – e il furto del suo lavoro da parte di altri – sia attraverso il mistero odierno. Sembra fantastico, presto Jonathan Pryce si unirà alla storia nei panni di Mike Evans, un ecoattivista diventato miliardario, un solitario magnate del petrolio, e le risposte al mistero di chi (e cosa) sono le forze straordinarie, cosa vogliono e chi le ha convocate sono distribuite ad un ritmo giusto.

Ma non riesce a liberarsi del tutto della fredda astrazione che era al centro dei libri e che è venerata dai suoi fan. È impressionante, è – nella migliore delle ipotesi – intrigante, ma la minaccia è lontana metaforicamente e letteralmente. Ci sono enigmi da risolvere, se sei capace, ma niente e nessuno per cui fare il tifo.

Anche la storia come metafora della crisi climatica e dell’inerzia umana di fronte alla potenziale rovina non gli dà abbastanza peso – in effetti, così vanno queste cose, potrebbe persino servire ad alienarci ulteriormente dal coinvolgimento emotivo. Il problema dei 3 corpi non sarà la risposta di Netflix a Game of Thrones. Ma Benioff, Weiss e il loro collaboratore Alexander Woo hanno senza dubbio dimostrato ancora una volta che non esiste un romanzo non filmabile.

2