Le prime stelle potrebbero rivelare come si è acceso il nostro universo

Quando l'universo era molto giovane, circa 13,7 miliardi di anni fa, sono emerse le primissime stelle e hanno illuminato con la loro luce l'oscuro e denso mezzo infinito del cosmo primordiale

Quando l’universo era molto giovane, circa 13,7 miliardi di anni fa, sono emerse le primissime stelle e hanno illuminato con la loro luce sull’oscuro e denso mezzo infinito del cosmo primordiale.

E, per la prima volta, gli astronomi potrebbero aver rilevato prove di queste prime stelle, che hanno effettivamente “acceso” l’universo, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal Letters.

Le prime stelle hanno ripulito il brodo oscuro e torbido dell’universo primordiale

Anche se non abbiamo scoperto queste prime stelle, chiamate stelle di Popolazione III, potremmo aver trovato la cosa più vicina in una galassia nana in orbita attorno alla Via Lattea: un’antica stella nana bruna. Chiamato A0039, esiste nella galassia sferoidale nana Sculptor a 290.000 anni luce di distanza e possiede una composizione chimica che suggerisce che le sue origini risiedono nella morte delle stelle Pop III, che sono diventate ipernova.

Il recente studio ha visto l’astronoma Ása Skúladóttir dell’Università italiana di Firenze condurre un’indagine che ha scoperto che la nana bruna possedeva sia la metallicità più bassa di qualsiasi stella trovata oltre la nostra galassia, ma anche meno carbonio di qualsiasi stella mai vista prima. Se questi risultati saranno verificati, AS0039 potrebbe diventare un passo cruciale nella comprensione di come le luci dell’universo sono state “accese”.

“Siamo in presenza di una stella secondaria con caratteristiche chimiche eccezionali: povera di ferro, AS0039 non è nemmeno ricca di carbonio e ha una quantità estremamente bassa di magnesio rispetto ad altri elementi più pesanti, come il calcio”, ha affermato Skúladóttir, in un comunicato stampa dell’università

Gli astronomi sono abbastanza fiduciosi su come l’universo si sia congelato fuori dai resti disordinati del Big Bang, per raggiungere la sua gloria attuale, ma i confini più remoti dello spazio-tempo non sono facili da raggiungere con i telescopi moderni. I primi milioni di anni successivi al Big Bang hanno visto tutto lo spazio riempito con un gas caldo e torbido che oscurava qualsiasi oggetto. Ma, una volta formate le prime stelle, la loro luce ultravioletta ha ionizzato il gas e ha liberato lo spazio, permettendo alla luce cosmica di trasparire per la prima volta.

La nana bruna povera di metallo potrebbe essere una finestra sull’universo primordiale

In questa moderna era del cosmo, le formazioni stellari ci hanno aiutato a capire come sono nate le stelle Pop III. Ma individuarle, o almeno trovare le loro tracce immediate, potrebbe aiutare gli astronomi a costruire un quadro più completo di questa bizzarra era nell’universo, quando il futuro di tutto iniziò a svolgersi. Fuori dall’oscurità primordiale dell’universo primordiale, le prime stelle erano composte da pochissimi elementi pesanti. 

Questo perché il mezzo denso da cui si sono formati era composto principalmente da elio e idrogeno. Ma l’immensa forza gravitazionale delle prime stelle ha permesso la fusione dei nuclei atomici in elementi sempre più pesanti, attraverso le generazioni cosmiche delle stelle centrali, fino a quando il ferro ha vorticato attorno al nostro sistema solare e ha riempito la Terra.

Gli elementi più pesanti si sono formati principalmente da eventi altamente energetici come le supernove e, una volta forgiati, sono stati risucchiati nella formazione di generazioni successive di stelle. Ciò significa che le stelle la cui composizione è carente di metalli potrebbero essere estremamente antiche, da un’epoca in cui i metalli dovevano ancora formarsi al centro delle stelle massicce. E A0039S è molto povera di metalli, così come la sua galassia ospite, con solo il 4% dell’abbondanza di carbonio della Via Lattea, parlando in proporzione. Questo, insieme ad altri dati, indica la possibilità che la nana bruna provenga da una delle prime stelle, più vicina alle prime di qualsiasi altro corpo solare finora scoperto.

Articoli più letti

Related articles