Primati: messa in discussione la predominanza maschile

Una nuova ricerca ha fatto vacillare la teoria secondo la quale la struttura sociale dei primati sia caratterizzata dalla predominanza maschile e ha evidenziato invece l’importanza dei ruoli femminili

0
250
Primati

I ricercatori dell’Università del Texas ad Austin hanno trovato prove di strutture di potere e di pregiudizio femminile nei primati, sfidando la visione tradizionale della dominanza maschile universale, evidenziando l’importanza dei ruoli femminili nelle società dei primati.

Primati

Primati: l’importanza dei ruoli femminili

Le gerarchie di dominanza sono una caratteristica importante della vita di molte specie di primati. Queste gerarchie hanno importanti conseguenze sulla prestanza fisica, poiché il rango elevato è spesso correlato positivamente con la riproduzione. Sebbene gli scimpanzé maschi adulti si sforzino di ottenere uno status per ottenere benefici in termini di forma fisica, lo sviluppo delle relazioni di dominanza è ancora oggetto di discussione.

Per molto tempo si è ritenuto che la dominanza maschile sia stata quasi universale nei primati, mentre il potere femminile è stato visto come una rara eccezione alla regola. Tuttavia, secondo i ricercatori dell’Università del Texas ad Austin, strutture di potere orientate verso le femmine o l’uguaglianza sociale tra i sessi possono essere riscontrate in tutti i principali gruppi di primati e probabilmente sono esistite nel corso della storia evolutiva.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Animals, mette in discussione le presunzioni di dominanza maschile nei primati e potrebbe avere implicazioni anche per altre specie animali.



Il team ha esaminato la letteratura precedente su 79 specie di primati, dividendole in categorie di dominanza maschile, dominante femminile o codominante, e poi ha analizzato quali variabili potessero essere correlate a questi modelli sociali.

Gli studiosi hanno scoperto che il potere di parte maschile è probabile che si sia sviluppato in specie in cui i maschi sono stati caratterizzati da dimensioni corporee maggiori e denti canini più lunghi rispetto alle loro controparti femminili. Il potere femminile può emergere quando l’offerta di partner femminili disponibili per l’accoppiamento è inferiore alla domanda maschile, dando così alle femmine di quelle specie una maggiore leva sociale, in particolare se le differenze di taglia tra i sessi sono minime.

Primati

“In passato, i primatologi si sono spesso concentrati sul ruolo dei maschi e sul potere maschile “, ha affermato Rebecca Lewis, Professoressa di antropologia e coautrice dello studio: “Quello che a volte è stato trascurato è l’importante ruolo del potere femminile. Il nostro lavoro suggerisce che forme di potere più economiche potrebbero davvero venire alla ribalta, in cui maschi e femmine hanno dimensioni simili e in cui le femmine sono quindi meno facilmente soggiogate dai maschi”.

Tra i primati, le strutture di potere femminile sono comunemente osservate nei lemuri. I ricercatori precedenti hanno spesso cercato di spiegare questo evento come un’anomalia derivante da fattori ambientali unici. Tuttavia, il nuovo studio richiama l’attenzione sulla presenza di strutture di potere paritarie e di parte femminile all’interno di molte altre specie, come i gibboni nel sud-est asiatico e le uistitì nelle Americhe. Inoltre, lo studio è stato in grado di stimare la probabilità di un potere di parte maschile nei gruppi ancestrali.

Lo studio ha rilevato che nessun particolare modello di potere intersessuale può essere attribuito con sicurezza agli antenati di molti dei principali gruppi di primati, e quindi l’ipotesi di un potere ancestrale di parte maschile non è giustificata.

Si pensa che i primati siano principalmente maschili dominanti, il che suggerirebbe che la dominanza maschile fosse presente fin dall’inizio della loro storia evolutiva“, ha detto Chris Kirk, Professore di antropologia alla UT e coautore dello studio.

Primati

Se questo presupposto è corretto, allora ciò che andrebbe spiegato è il verificarsi di società a predominanza femminile e di società con maggiore uguaglianza tra i sessi. Tuttavia, mostriamo che questa ipotesi di un potere ancestrale di parte maschile non è necessariamente supportata dalle evidenze”.

In effetti, altri tipi di relazioni di potere intersessuali sono sufficientemente comuni nelle società dei primati e non è chiaro quale possa essere stata la condizione ancestrale. Pertanto, è necessario spiegare tutti i tipi di potere intersessuale, non solo la presenza di un potere di parte femminile”.

2