Cambiamento climatico, proposto un percorso “riparativo”

I ricercatori dell’Oregon State University hanno introdotto un percorso “riparativo” per mitigare gli impatti del cambiamento climatico

0
204
Cambiamento climatico, proposto un percorso

Un team internazionale di scienziati guidati da ricercatori della Oregon State University ha utilizzato un nuovo set di dati di 500 anni per delineare un percorso “riparativo” attraverso il quale l’umanità può evitare i peggiori risultati ecologici e sociali del cambiamento climatico.

Evitare i peggiori risultati ecologici e sociali del cambiamento climatico.
Evitare i peggiori risultati ecologici e sociali del cambiamento climatico.

Oltre a tracciare un possibile nuovo corso per la società, i ricercatori affermano che il loro piano di “cambio di paradigma” può supportare la modellizzazione e la discussione sul clima fornendo una serie di azioni che enfatizzano fortemente la giustizia sociale ed economica, nonché la sostenibilità ambientale.

William Ripple dell’Oregon State, l’ex ricercatore post-dottorato dell’OSU Christopher Wolf e i loro collaboratori sostengono che il loro scenario dovrebbe essere incluso nei modelli climatici insieme ai cinque “ percorsi socioeconomici condivisi ” o SSP, utilizzati dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite.

“Comprendiamo che lo scenario da noi proposto potrebbe rappresentare una grande sfida da implementare, date le attuali tendenze delle emissioni, la mancanza di volontà politica e il diffuso rifiuto sociale, ma i suoi meriti non possono nemmeno essere dibattuti onestamente se non è incluso nella serie di opzioni”, ha dichiarato Ripple, illustre professore di ecologia presso l’OSU College of Forestry.

“Stiamo sostenendo un incrementalismo radicale: ottenere un cambiamento massiccio attraverso piccoli passi a breve termine. E stiamo offrendo un contrasto tanto necessario rispetto a molti altri scenari climatici, che potrebbero essere più allineati con lo status quo, che non funziona”, ha aggiunto.

Percorso riparativo basato sui dati

Ripple e coautori provenienti da Stati Uniti, Paesi Bassi e Australia hanno presentato il loro percorso riparativo in un articolo pubblicato su Environmental Research Letters, affermando che il percorso si ispira a una raccolta unica di variabili del sistema Terra che illustrano vividamente come le richieste di risorse dell’umanità siano esplose a partire dal 1850, indicando un superamento ecologico.



“I dati a supporto sottolineano l’urgente necessità di agire”, ha detto Wolf, ora scienziato presso la Terrestrial Ecosystems Research Associates con sede a Corvallis. “La crescita della popolazione umana, del prodotto interno lordo e del consumo energetico, che dipende principalmente dai combustibili fossili, ha portato a uno straordinario aumento delle emissioni di gas serra, alterando drasticamente l’uso del territorio e innescando un massiccio declino della biodiversità”, ha sottolineato.

Gli autori hanno notato che l’attuale modellizzazione del cambiamento climatico si basa su molteplici ipotesi e fattori legati alle opzioni politiche e agli sviluppi sociali. Un team internazionale di climatologi, economisti e modellatori di sistemi energetici ha sviluppato gli SSP, che vengono utilizzati per ricavare scenari di emissioni di gas serra nell’ambito di diversi insiemi di politiche che presuppongono una crescita continua e significativa del PIL fino al 2100.

“Gli SSP descrivono sviluppi plausibili che in futuro porterebbero a diverse sfide per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico”, ha affermato Wolf. “Si basano su cinque narrazioni che descrivono sviluppi socioeconomici alternativi, alcuni più sostenibili di altri. Il nostro scenario si concentra sulla riduzione del consumo di risorse primarie a un livello che mantenga le pressioni ambientali entro i limiti del pianeta, con una stabilizzazione del PIL pro capite nel tempo”.

Cambiamento climatico, biodiversità e disuguaglianza.
Cambiamento climatico, biodiversità e disuguaglianza.

Affrontare il cambiamento climatico, la biodiversità e la disuguaglianza

Wolf, Ripple e collaboratori hanno analizzato a lungo termine una serie di variabili: emissioni di combustibili fossili, popolazione umana, PIL, uso del suolo, concentrazioni di gas serra, temperatura globale, abbondanza di specie selvatiche vertebrate, disuguaglianza di reddito e produzione di carne.

Nel complesso, i dati dipingono un quadro completo dei profondi cambiamenti che la Terra ha subito, affermano gli autori, che includono Jillian Gregg della Terrestrial Ecosystems Research Associates, Detlef P. van Vuuren della Netherlands Environmental Assessment Agency e Manfred Lenzen dell’Università di Sydney.

“La variabile della quota di reddito risale al 1820 e mostra come il 10% più ricco abbia costantemente ricevuto almeno il 50% di tutto il reddito, illustrando la disuguaglianza economica globale nel lungo termine”, ha dichiarato Ripple. “Il percorso riparativo rappresenterebbe un mondo più equo e resiliente con particolare attenzione alla conservazione della natura come soluzione climatica naturale; benessere sociale e qualità della vita; uguaglianza e alti livelli di istruzione per ragazze e donne, con conseguenti bassi tassi di fertilità e standard di vita più elevati; e una rapida transizione verso le energie rinnovabili”.

SSP utilizzati dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite.
SSP utilizzati dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite.

A differenza di alcuni degli attuali percorsi socioeconomici condivisi, il percorso riparativo non si basa sullo sviluppo di tecnologie di cattura del carbonio, né presuppone una crescita economica continua come fanno i SSP.

“Dando priorità al cambiamento sociale su larga scala, il percorso da noi proposto potrebbe limitare il riscaldamento in modo molto più efficace rispetto ai percorsi che supportano l’aumento del consumo di risorse da parte delle nazioni ricche”, ha aggiunto Ripple. “Il nostro obiettivo è piegare le curve su un’ampia gamma di segni vitali planetari con una visione olistica per affrontare il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e l’ingiustizia socioeconomica. Il nostro lavoro presenta un esempio di come l’umanità può intraprendere il viaggio per salvare il mondo da queste crisi ambientali e sociali”, ha concluso.

Fonte: Environmental Research Letters

2