Gas serra: ridurre le emissioni non è più sufficiente

Secondo un recente studio della Oxford University Press, le strategie efficaci per combattere il cambiamento climatico devono comprendere qualcosa di più della semplice riduzione dei gas serra

0
185
Gas serra: ridurre le emissioni non è più sufficiente
Gas serra: ridurre le emissioni non è più sufficiente

Secondo un recente studio della Oxford University Press, le strategie efficaci per combattere il cambiamento climatico devono comprendere qualcosa di più della semplice riduzione dei gas serra. Ciò deriva da un’analisi dei dati climatici condotta dal ricercatore James Hansen.

Gli scienziati sanno fin dal 1800 che i gas che assorbono gli infrarossi (effetto serra) riscaldano la superficie terrestre e che l’abbondanza di gas serra cambia soprattutto a causa delle azioni umane.

Roger Revelle, che fu uno dei primi scienziati a studiare il riscaldamento globale, scrisse nel 1965 che l’industrializzazione significava che gli esseri umani stavano conducendo un “vasto esperimento geofisico” bruciando combustibili fossili, che aggiungono anidride carbonica (CO2) all’aria.

Tuttavia, i gas serra hanno ormai raggiunto livelli che non esistevano da milioni di anni.

Sensibilità climatica

Una questione di vecchia data riguarda quanto aumenterà la temperatura globale per un determinato aumento di gas serra. Uno studio del 1979 pubblicato dall’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti ha concluso che il raddoppio della CO2 atmosferica con le calotte glaciali fissate, probabilmente causerebbe un riscaldamento globale compreso tra 1,5 e 4,5° Celsius.

Si trattava di un intervallo ampio e c’era ulteriore incertezza sul ritardo nel riscaldamento causato dall’immenso oceano terrestre. Questo nuovo documento rivaluta la sensibilità climatica sulla base di dati paleoclimatici migliorati, scoprendo che il clima è più sensibile di quanto si pensasse in precedenza.



La loro migliore stima per il raddoppio dei gas serra è un riscaldamento globale di 4,8°C, significativamente maggiore della migliore stima di 3°C del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite.

Aerosol

Gli autori hanno concluso inoltre che gran parte del previsto riscaldamento dei gas serra nel secolo scorso è stato compensato dall’effetto di raffreddamento degli aerosol prodotti dall’uomo, ovvero le particelle fini sospese nell’aria. La quantità di aerosol è diminuita in quantità dal 2010 grazie della riduzione dell’inquinamento atmosferico in Cina e delle restrizioni globali sulle emissioni di aerosol dalle navi.

Questa riduzione dell’aerosol è positiva per la salute umana, poiché l’inquinamento atmosferico uccide diversi milioni di persone all’anno e ne influisce negativamente sulla salute di molte altre. Tuttavia, la riduzione dell’aerosol sta ora cominciando a smascherare il riscaldamento dei gas serra che era stato nascosto dal raffreddamento dell’aerosol.

Predizione

Questo nuovo studio prevede che un’accelerazione del riscaldamento globale post-2010 sarà presto evidente al di sopra del livello di variabilità climatica naturale. Si prevede che il tasso di riscaldamento globale di 0,18°C per decennio nel periodo 1970-2010 aumenterà fino ad almeno 0,27°C per decennio nei pochi decenni successivi al 2010. Di conseguenza, il livello di riscaldamento globale di 1,5°C verrà superato in questo decennio e il livello di 2°C sarà superato entro i prossimi due decenni.

Politica

Nella sezione finale, Hansen descrive la sua prospettiva basata su decenni di esperienza nel tentativo di influenzare le politiche governative. In primo luogo, egli ritiene che il raggiungimento di una rapida riduzione graduale delle emissioni di gas serra richieda una crescente tassa nazionale sul carbonio con un dazio di frontiera sui prodotti provenienti da nazioni senza tassa sul carbonio, così come il sostegno della moderna energia nucleare per integrare le energie rinnovabili.

In secondo luogo, sostiene che l’Occidente, che è il principale responsabile del cambiamento climatico, deve cooperare con le nazioni in via di sviluppo per aiutarle a raggiungere percorsi energetici coerenti con un clima propizio per tutti.

In terzo luogo, anche con questi sforzi, Hansen ritiene che il riscaldamento globale raggiungerà livelli con conseguenze pericolose; sostiene che dovremmo anche svolgere ricerca e sviluppo per azioni temporanee e mirate per affrontare l’ormai enorme squilibrio energetico della Terra.

Dieci anni fa, Hansen notò che la Terra era fuori dal bilancio energetico di 0,6 W/m 2 (watt per metro quadrato). C’era molta più energia in entrata (luce solare assorbita) che in uscita (radiazione di calore nello spazio). Questo eccesso – che è la causa prossima del riscaldamento globale – equivale a 400.000 bombe atomiche di Hiroshima al giorno, con la maggior parte di quell’energia che finisce nell’oceano.

Ora, soprattutto a causa della diminuzione degli aerosol, lo squilibrio è raddoppiato fino a circa 1,2 W/m 2. Questo enorme squilibrio è la causa prossima dell’accelerato riscaldamento globale e dell’aumento dello scioglimento dei ghiacci polari, che probabilmente interromperanno le circolazioni oceaniche e causeranno un grande e rapido aumento del livello del mare entro la fine di questo secolo.

Il documento sostiene che tale azione sarà essenziale per evitare la maggiore geotrasformazione che avverrà in assenza di tale azione. Le possibili azioni includono l’iniezione di aerosol stratosferici, per i quali i vulcani forniscono casi di prova rilevanti ma inadeguati, e l’irrorazione di acqua salata oceanica da parte di barche a vela autonome nelle regioni suscettibili all’inseminazione delle nuvole.

Hansen suggerisce che i giovani si concentrino su un problema di fondo che si è sviluppato nelle democrazie occidentali, in particolare negli Stati Uniti: “interessi finanziari particolari – l’industria dei combustibili fossili, l’industria chimica, l’industria del legname, l’industria alimentare, per esempio – possono comprare i politici. Non c’è da meravigliarsi che il clima sia fuori controllo, che la tossicità ambientale sia in procinto di sterminare gli insetti, compresi gli impollinatori, che le foreste siano mal gestite e che l’agricoltura sia progettata per il profitto, non per la nutrizione e il benessere pubblico”.

“Viviamo su un pianeta con un clima caratterizzato da una risposta ritardata, che è una ricetta per l’ingiustizia intergenerazionale”, ha continuato Hansen. “I giovani devono comprendere questa situazione e le azioni necessarie per garantire un futuro luminoso a se stessi e ai loro figli”, ha concluso.

Fonte: Oxford Open Climate Change

2