Il mondo ha perso due terzi della sua fauna selvatica in 50 anni

0
339
Indice

Secondo un rapporto del World Wildlife Fund, negli ultimi 50 anni le attività umane hanno causato il crollo delle popolazioni di animali selvatici del mondo di oltre due terzi.

Il declino sta avvenendo a un ritmo senza precedenti, avverte il rapporto, e minaccia anche la vita umana.

I risultati sono chiari“, afferma il rapporto. “Il nostro rapporto con la natura è drammaticamente compromesso.”

Il rapporto Living Planet Report 2020 si è basato sul monitoraggio della fauna selvatica di oltre 4.300 diverse specie di vertebrati – mammiferi, pesci, uccelli e anfibi – provenienti da tutto il mondo. Ha scoperto che le dimensioni della popolazione per le specie monitorate sono diminuite in media del 68% dal 1970 al 2016.

Nei tropici americani, compresi i Caraibi e l’America Latina, le dimensioni della popolazione sono diminuite di uno sbalorditivo 94%.



Il disboscamento selvaggio per favorire l’agricoltura è stato la causa principale del declino, afferma il rapporto, osservando che un terzo della terra del pianeta è attualmente utilizzato per la produzione alimentare. Il cambiamento climatico causato dall’uomo è un altro fattore in crescita.

Non possiamo ignorare le prove: questi gravi cali nelle popolazioni di specie selvatiche sono un indicatore del fatto che l’ambiente è in crisi e che il nostro pianeta sta avvisandoci in tutti i modi“, ha scritto Marco Lambertini, direttore generale del World Wildlife Fund International.

Il documento di 83 pagine, una collaborazione con la Zoological Society di Londra, si unisce a un elenco crescente e inquietante di ricerche accademiche e rapporti internazionali che avvertono che le attività umane stanno causando un forte declino della biodiversità globale.

Le Nazioni Unite hanno pubblicato un ampio rapporto lo scorso anno avvertendo che 1 milione degli 8 milioni di specie animali e vegetali stimate sul pianeta sono a rischio di estinzione, molte entro decenni, a causa delle attività umane. Ha fatto un appello simile per le persone a prendersi cura, punteggiato da un avvertimento:

Proteggere la biodiversità equivale a proteggere l’umanità“, ha affermato il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay al momento della pubblicazione del rapporto.

Un successivo rapporto delle Nazioni Unite, pubblicato nel luglio scorso, ha avvertito che la perdita di biodiversità e la distruzione della natura da parte dell’uomo porterà ad un aumento delle malattie da crossover, cioè che passano dagli animali all’uomo, come il COVID-19

Secondo quanto riferito, l’aumento della deforestazione in alcune parti del mondo, sta amplificando il rischio.

Gli scienziati hanno a lungo avvertito che il mondo sta entrando in una sesta estinzione di massa, guidata dal consumo umano di fauna selvatica e spazi selvaggi e dalla combustione di combustibili fossili. Il riscaldamento globale farà sì che gli ecosistemi si spostino più velocemente di quanto alcune specie possano adattarsi.

Si possono, però, ancora intraprendere azioni per rallentare il declino. 

Un articolo pubblicato sulla rivista Nature ha delineato i passi che la comunità globale potrebbe intraprendere per “rallentare la curva” sulla perdita di biodiversità. Le persone potrebbero ridurre rapidamente le emissioni di gas serra, evitando i peggiori scenari di cambiamento climatico; si possono ancora conservare vasti tratti di terra e di mare; le aree danneggiate potrebbero essere ripristinate; e le pratiche di produzione alimentare potrebbero evolversi per alleggerire il suo impatto sugli ecosistemi esistenti.

Il rapporto del World Wildlife Fund afferma che gli ecosistemi del pianeta hanno solo una capacità limitata di rigenerarsi, un processo che si spiega come sia essenziale per tutta la vita sulla Terra.

Gli autori del rapporto hanno confrontato la capacità degli ecosistemi di rigenerarsi con la popolazione umana in continua crescita e hanno riscontrato uno squilibrio ecologico.

L’impresa umana attualmente richiede 1,56 volte di più della quantità che la Terra può rigenerare“, afferma il rapporto.

2