L’ambiente influisce sul microbiota e sulla salute dei cani e dei proprietari

In un progetto di ricerca congiunto noto come DogEnvi, i ricercatori dell'Università di Helsinki, l'Istituto finlandese per l'ambiente e l'Istituto finlandese per la salute e il benessere hanno osservato che i cani hanno maggiori probabilità di avere allergie quando i loro proprietari soffrono di sintomi allergici

337

Negli ambienti urbani, le malattie allergiche tra i cani e i loro proprietari sono più comuni rispetto a quelli che vivono nelle zone rurali. I tratti allergici sembrano essere associati ai microbi presenti nell’ambiente, ma i microbi rilevanti per la salute sono diversi per i cani e per gli esseri umani.
In un progetto di ricerca congiunto noto come DogEnvi, i ricercatori dell’Università di Helsinki, l’Istituto finlandese per l’ambiente e l’Istituto finlandese per la salute e il benessere hanno osservato che i cani hanno maggiori probabilità di avere allergie quando i loro proprietari soffrono di sintomi allergici. In un nuovo studio, i ricercatori hanno studiato se tale presenza concomitante di tratti allergici è associata a microbi intestinali o cutanei condivisi dai cani e dai loro proprietari. Allo studio hanno partecipato un totale di 168 coppie di proprietari di cani che vivono in ambienti rurali e urbani.
“La ricerca mostra che i cani e i proprietari che vivono nelle aree rurali hanno un rischio inferiore di sviluppare una malattia allergica rispetto alle aree urbane. Abbiamo ipotizzato che nelle aree rurali sia i cani che i proprietari siano esposti a microbi che promuovono la salute. Abbiamo scoperto che l’esposizione microbica di entrambi erano diversi negli ambienti rurali e urbani. Ad esempio, il microbiota cutaneo variava maggiormente tra gli individui nelle aree rurali rispetto alle loro controparti urbane. Un’esposizione microbica diversa e variabile può essere esattamente ciò che fornisce il beneficio per la salute associato”, afferma il ricercatore senior Jenni Lehtimäki , PhD, dell‘Istituto finlandese per l’ambiente.
I cani e i loro proprietari sembravano condividere microbi sulla pelle, ma non nell’intestino. Lo studio ha dimostrato che l’ambiente ha avuto un effetto notevolmente più significativo sul microbiota cutaneo rispetto a quello dell’intestino nei cani e negli esseri umani. I cani che vivono nelle aree urbane avevano sulla loro pelle più microbi che si trovano tipicamente sulla pelle umana, che possono essere causati dall’accumulo di microbi tipici degli esseri umani all’interno e nelle aree urbane, un fenomeno che è stato osservato in precedenza.
In uno precedente studio, i ricercatori hanno notato che sia l’ambiente di vita che le abitudini di vita hanno influenzato il microbiota della pelle del cane.
“Lo stesso è stato ora osservato negli esseri umani. Sia per i cani che per gli esseri umani, il rischio di sviluppare malattie allergiche era minimo quando il microbiota cutaneo era modellato da un ambiente rurale e da uno stile di vita che promuove l’abbondanza microbica. Tale stile di vita era associato a un numero di animali diversi nella famiglia, nonché dimensioni della famiglia più grandi “, afferma il professor Hannes Lohi dell’Università di Helsinki.
Mentre l’ambiente sembrava alterare le specie del microbiota cutaneo e il rischio di malattie allergiche sia nei cani che nei loro proprietari, nessun singolo microbo condiviso nell’ambiente aveva un legame con le allergie sia nei cani che negli esseri umani.
“Abbiamo rilevato microbi associati alle allergie nei cani urbani, nonché microbi collegati alla salute nei cani rurali e negli esseri umani, ma questi microbi erano diversi nei cani e negli esseri umani. Sembra che i microbi nell’ambiente di vita siano importanti per la salute di entrambi cani e umani, ma a causa delle differenze fisiologiche delle specie, i microbi rilevanti possono variare “, riassume Lehtimäki.
DogEnvi, un progetto di ricerca multidisciplinare avviato nel 2014, ha lo scopo di indagare il significato dell’ambiente di vita per la salute del cane. Nell’ambito del progetto, è in preparazione uno studio sul legame tra microbiota intestinale canino, nutrizione e allergie. Il progetto ha ricevuto finanziamenti tra gli altri dalla Jane and Aatos Erkko Foundation.