Perseverance sta raccogliendo campioni nel letto di un antico fiume di Marte

[tta_listen_btn]
Il rover Perseverance della NASA ha recentemente raccolto il suo ventesimo campione di roccia dal suolo marziano e lo ha sigillato in uno dei contenitori speciali destinati ad essere recuperati dalla missione di fine decennio denominata Mars Sample Return.

L’ultimo campione, estratto da un affioramento del letto di un antico fiume all’interno del cratere Jezero, proviene da uno strato di roccia sedimentaria noto come conglomerato. Questi tipi di rocce si formano quando ciottoli e massi di diversi tipi e dimensioni, trasportati dalla corrente del fiume da altrove, vengono cementati insieme dal fango di fiume.

Il fiume, ormai prosciugato da milioni di anni, si sta rivelando estremamente interessante da analizzare per gli scienziati che guidano Perseverance, infatti, similmente a ciò che avviene sulla Terra, quando in passato vi scorreva l’acqua, questa ha trasportato sedimenti da zone più lontane, permettendo oggi agli strumenti del rover di analizzare ciotoli originari di luoghi diversi dal cratere che sta esplorando.

“I ciottoli e i massi trovati in un fiume sono messaggeri di altre zone”, ha detto Ken Farley, scienziato del progetto Perseverance del Caltech di Pasadena. “E mentre l’acqua che ha creato il letto del fiume marziano che Perseverance sta attualmente esplorando è evaporata miliardi di anni fa, la storia portata da quelle acque rimane fresca, immagazzinata nei conglomerati di roccia“.

Un antico fiume per la “prospezione” di Marte

Perseverance il 13 giugno ha catturato questa immagine di un campione prelevato da una roccia conglomerata chiamata “Emerald Lake”. Questo nucleo “Otis Peak” mostra aree distintamente colorate che sono singoli minerali trasportati da un fiume che un tempo scorreva nel cratere Jezero.

La raccolta de campione è un esempio del tipo di lavoro svolto da Perseverance, ma il fatto che sia stato raccolto nel letto di fiume prosciugato rende quest’ultimo campione particolarmente degno di nota per ciò che può dirci su parti più distanti del pianeta nel passato.

Mentre l’antico fiume scorreva attraverso il suolo marziano, l’acqua raccoglieva rocce e altri detriti mentre procedeva. Queste rocce potrebbero aver percorso decine di chilometri o più, originando da una regione che Perseverance probabilmente non avrebbe mai potuto raggiungere, tanto meno raccoglierne campioni.

Resta da vedere se altri conglomerati di roccia saranno abbastanza intriganti per un esame più attento e un possibile campionamento“, ha detto Farley. “Stiamo guardando una pagina dal passato. I cercatori d’oro o di diamanti ai vecchi tempi spesso guardavano nei fiumi per determinare se c’era qualche deposito interessante a monte.

Portare i campioni in un laboratorio

Per esaminare i campioni di roccia e altro che Perseverance ha raccolto nel cratere Jezero sono necessari strumenti più sofisticati di quelli che il rover ha a bordo, quindi si è pensato di trasportarli in un laboratorio dove potranno essere esaminati più da vicino.

Questo è l’obiettivo della campagna Mars Sample Return (MSR), una missione congiunta NASA-ESA per trovare un modo per raccogliere i campioni di Marte preparati da Perseverance e riportarli sulla Terra per ulteriori studi. Nella sua fase concettuale in questo momento, MSR spera di trovare finalmente un modo per raccogliere i tubi di titanio sigillati che Perseverance sta depositando in punti determinati lungo il suo viaggio. Se potranno mai essere riportati sulla Terra e studiati, gli scienziati sperano che possano rivelare segni di antica vita microbica su Marte.

Che saremo in grado di farlo o meno, Perseverance continuerà comunque a raccoglierli, in attesa che qualcuno possa in qualche modo farne tesoro.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Articoli correlati

Popular Categories